Divorzio, pg Cassazione: "Per assegno conta anche tenore vita"

Dopo le sollecitazioni dal mondo del diritto approda alle Sezioni Unite della Suprema Corte la questione del diritto o meno al mantenimento dello stesso tenore

Tenore di vita sì, tenore di vita no. Non trova pace il nodo giurisprudenziale sul divorzio. L'ultimo a sostenere che va tenuto in considerazione come parametro per valutare l'assegno di divorzio è l'avvocato generale della Cassazione Marcello Matera, che ha rappresentato stamane la Procura generale davanti alle sezioni unite civili della Suprema Corte.

"Si può anche convenire che il criterio dell'autosufficienza economica, con mezzi idonei per una vita libera e dignitosa, possa essere preso come parametro - ha detto il pg Matera - ma non si può escludere il riferimento anche ad altri criteri", come quelli enunciati nell'articolo 5 della legge sul divorzio, ossia il tenore di vita, la durata delle nozze, l'apporto dell'ex coniuge alla costruzione del patrimonio familiare

Un dibattito è in corso da quando dopo la pronuncia rivoluzionaria della primavera 2017 (la cosiddetta sentenza Grilli) che escluse dai parametri il tenore di vita, basando tutto l'accertamento sul diritto all'assegno divorzile sulla mancata autosufficienza economica. "Una rivoluzione dopo un lungo invariato stallo di trentanni. Dagli anni 70, da quando cioè è nata la legge sul divorzio", scrisse Il Giornale.

Commenti
Ritratto di ..Olimpia..

..Olimpia..

Mar, 10/04/2018 - 13:15

Un uomo non dovrebbe sposarsi prima di aver studiato anatomia e sezionato almeno una donna. (Honoré de Balzac)

rossini

Mar, 10/04/2018 - 13:34

Tenore di vita? E' un concetto vago e opinabile. Ci sono i taccagni, che hanno un tenore di vita al di sotto delle loro possibilità, e gli scialacquoni che hanno un tenore di vita al di sopra. E allora? Come ci si deve regolare? Tutto dovrà essere rimesso ai capricci e alle simpatie o antipatie dei Signori Giudici?

nunavut

Mar, 10/04/2018 - 14:46

Se sono ricco e la moglie s'invaghise di un altro e decide di divorziare e andare con l'amante,considero che lei non tenga in nessun conto il previo tenore di vita ed é pronta ad accettare quello che le offre il nuovo ben amato (questo ragionamento vale anche se fosse un maschio con donna ricca),allora peché darle una cosa che per lei non ha valore? Certamente con il passare del tempo si accorge che non si vive solo d'amore ma ci vogliono dei quattrini ed ecco che richiede quello che prima non apprezzava.In una coppia chi rompe il contratto dovrebbe assumersi le spese di tutto.

Libertà75

Mar, 10/04/2018 - 16:15

il tenore di vita pregresso è un mostro giuridico, andava bene quando i divorzi erano minimi, sai oggi quante divorziano prima di una bancarotta del marito e poi chiedono ciò che non ha e non avrà più?

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Mar, 10/04/2018 - 17:07

Non vorrei fosse una manovra per dare torto a Berlusconi nella sua causa di separazione e sugli alimenti; i Giudici politicizzati e massoni non finiscono mai di stupire con le Sentenze ad Personam. Shalòm.

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 10/04/2018 - 17:30

Poi,quando ci scapperanno i morti/e saprete a chi ringraziare,perché se uno viene distrutto economicamente qualche brutta idea l'applicherà!!