Docente in congedo da settembre torna per un giorno e così salta la supplente

Il professore ha chiesto un congedo dopo il primo giorno di scuola per ripresentarsi solo prima delle vacanze di Natale. La preside: "Cosa ci è venuto a fare, nella nostra scuola, il 23 dicembre?"

"Egregio professore, lei ha avuto la sorte fortunata — tale ha da ritenersi, nella difficile contingenza economica attuale — di avere ottenuto recentemente un posto di lavoro statale: insegnante di Diritto in una bella e grande scuola di una città importante. Data la sua età, forse non se l’aspettava, questa sorpresa. Ma penso che l'abbia gradita, perché ha accettato la proposta. Un motivo familiare, tuttavia — così si è espresso di fronte agli studenti della nostra classe prima, il 23 dicembre scorso — le aveva impedito di assumere servizio", inizia così la lunga e amara lettera, pubblicata dal Corriere della Sera, che la preside di un'istituto scolastico ha inviato a un docente in congedo da settembre, e quindi assente dal primo giorno.

Ricevuta la richiesta di congedo, la preside ha iniziato la ricerca di un supplente: "Dal 12 settembre 2016 (primo giorno di scuola), infatti, lei era assente e noi ci siamo impegnati, con mille difficoltà, per trovarle un sostituto. Lei forse non sa, non avendo, nonostante l’età, alcuna esperienza di scuola, che trovare un supplente è difficilissimo: nel suo caso, ci siamo riusciti, finalmente, il 2 dicembre. Abbiamo anche noi avuto una fortuna: quella di trovare una giovane docente, entusiasta e coinvolgente. Gli studenti erano contenti, i genitori confortati".

Qui però arriva la beffa perchè il docente in questione decide di ripresentarsi a scuola il giorno prima della vacanze di Natale, facendo così saltare la tanto amata supplente: "Ma l'ho licenziata il 22 dicembre: in obbedienza al suo superiore diritto di occupare quel posto, in quanto docente titolare - continua la preside - E, finalmente, il 23 dicembre, il giorno prima delle vacanze di Natale, lei si è presentato alle classi. Professore, io mi impegno a trasmettere le sue parole ai ragazzi e ai loro genitori che, insieme a me, si chiedono: cosa è venuto a fare? Poche ore dopo l’ingresso nella scuola, presentava all’ufficio personale una nuova richiesta di congedo, stavolta dal 9 gennaio 2017".

A causa di cavilli legali, l'amata supplente non può essere richiamata, come spiega la dirigente d'istituto: "Noi non ci siamo persi d'animo: la tenacia è una delle virtù della scuola italiana, bellissima e disgraziata. Abbiamo ricominciato, durante le vacanze di Natale, a cercare un nuovo supplente. Perché, come lei — che insegna Diritto — sa bene, non si può richiamare il supplente precedente, per bravo che sia, se il periodo di assenza è stato interrotto dal rientro del titolare, pur se per un giorno soltanto".

Conclude la preside: "I ragazzi avevano trovato un'insegnante volenterosa e capace, contenta di far loro da guida nel cammino. Lei, professore, è stato qui un solo giorno, per sparire subito. Gli studenti e i loro genitori vorrebbero ora dare almeno un senso al danno ingiusto che hanno subito: nessun insegnante per settimane, poi finalmente un docente bravo, poi finalmente il titolare, poi di nuovo chissà... Ma purtroppo, professore, io non trovo parole per spiegare: vuole dirlo lei, per favore? Cosa ci è venuto a fare, nella nostra scuola, il 23 dicembre?".

Commenti
Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mer, 11/01/2017 - 10:32

Ho sentito la notizia in radio. Che dire, la legge gli concede certi diritti e lui ne fa uso. Purtroppo in Italia c'è un problema di fondo culturale per il quale avendo un diritto pensiamo di disporne anche a discapito di altri e senza tenere conto degli effetti che questo comporta. Lui opera nella norma ma da un punto di vista funzionale arreca un enorme danno formativo alla classe ed alla scuola. Sarà mai sanzionato? MAI! Noi Italiani siamo bravi a fare regole e regolette e poi di nostro di mettiamo anche che se possiamo approfittiamo dei diritti concessi. Alla fine chi di rimette sono i ragazzi, per colpa di una regola e di un'idiota.

bobots1

Mer, 11/01/2017 - 11:03

Queste persone non hanno rispetto! Hanno un diritto e se ne strafregano degli altri. Un grazie alla preside che ha reso pubblico questo fenomeno. Possiamo solo sperare che questa persona abbia un buonissimo motivo. E comunque è proprio vero: fatta la regola trovato l'inganno...e noi in Italia ne siamo maestri !

alfa2000

Mer, 11/01/2017 - 11:19

viva i sindacati italiani che li proteggono, viva i politici italiani che je lo hanno e continuano a permetterlo, viva tutti, anche i nostri poveri figli che molte volte li devono tollerare, e viva noi genitori prima e cittadini dopo perchè li sopportiamo tutti. che siate maledetti e che tocchi la stessa sorte anche ai vostri figli, allora e solo allora forse queste abbiette persone cambieranno il loro vivere pubblicare grazie redazione

kallen1

Mer, 11/01/2017 - 11:20

Sarebbe questa la "buona scuola" di Renzi? Permettere simili nefandezze? Certo il prof in questione ha approfittato della legge ma erano i politici che avrebbero dovuto emanare una Legge che impedisse certi abusi!!!

@ollel63

Mer, 11/01/2017 - 11:32

Anche il legislatore deve tener conto, nella stesura dei suoi atti, di non lasciare scappatoie ai furbi. E qui il legislatore è stato proprio macroscopicamente e colpevolmente sprovveduto. "Se il giorno successivo al tuo rientro (meglio se due gg.) coincide con l'inizio di un ponte festivo, breve o lungo che sia, dovrai garantire che per trenta gg. non potrai usufruire di ulteriori congedi."

Ritratto di tommy33

tommy33

Mer, 11/01/2017 - 11:39

Ma il nome e cognome di questo demente parassita non si può proprio fare ?????

Tergestinus.

Mer, 11/01/2017 - 11:43

Meraviglie della "buona scuola" di Renzi, che ha assunto decine di migliaia di ultracinquantenni senza nessuna esperienza d'insegnamento.

g-perri

Mer, 11/01/2017 - 11:53

Possiamo tranquillamente dire che lo Stato favorisce furbizie ed ingiustizie ai danni di cittadini inermi. L'esempio di questa amara affermazione sono il comportamento di questo pseudo professore di diritto e l'insediamento dell'attuale ministro dell'istruzione, soggetti entrambi privi degli elementari e necessari requisiti morali ed etici.

epc

Mer, 11/01/2017 - 12:09

Niente di strano: la politica sinistra considera la scuola solo uno stipendificio per sinistri pseudo-intellettuali (massa votante del PD....). Una fabbrica di posti di lavioro, non di lavoro. Ovvio che ci siano tantissimi che se ne approfittano.

epc

Mer, 11/01/2017 - 12:10

Niente di strano: la politica sinistra considera la scuola solo uno stipendificio per sinistri pseudo-intellettuali (massa votante del PD....). Una fabbrica di posti di lavioro, non di lavoro. Ovvio che ci siano tantissimi che se ne approfittano......

epc

Mer, 11/01/2017 - 12:10

Niente di strano: la politica sinistra considera la scuola solo uno stipendificio per sinistri pseudo-intellettuali (massa votante del PD....). Una fabbrica di posti di lavioro, non di lavoro. Ovvio che ci siano tantissimi che se ne approfittano...

giosafat

Mer, 11/01/2017 - 12:12

Ma signori, di che vi tupite. Queste nefandezze, e tutto un corollario di collegate, sono opera dei sindacati che contrattano e fissano questi protezionismi pro-furbetti. Il docente, ovviamente, approfitta di tutti i benefit che può raccattare incurante del danno che procura e della figura di tolla che fa.

sailor61

Mer, 11/01/2017 - 12:17

non diamo colpe a chi non ne ha. La Buonascuola non c'entra niente. Queste sono I cavilli, I mezzucci con cui politici e sindacati da SEMPRE permettono a personaggi scellerati e senza ritegno di distruggere la scuola. Da sempre purtroppo si cerca di tutelare solo I lavoratori ma ci si dimentica completamente degli studenti e delle famiglie!

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 11/01/2017 - 12:22

Sicuramente,l'esimio, sarà un pdiota dalla punta dei capelli all'unghia dell'alluce!!1

Trinky

Mer, 11/01/2017 - 12:28

Ecco la buona scuola del bimbominkia, ecco il risultato della propaganda e dei consigli dati loro dai sindacati... Ora, perchè non mandare la moglie di Renzi a sostituirlo?

Duka

Mer, 11/01/2017 - 12:43

A proposito di Prof. la "LAUREATA" ministra che fine ha fatto? Continua a percepire l'abbondante busta paga ? Questo governo farlocco composto da farlocchi ha un presidente ? Che fanno lasciano calmare le acque così la gente dimentica? Come per i gioielli e rolex della Pinotti, il viaggio della Boldrini in sud Africa con fidanzato a bordo e a nostre spese, il JET personale del bullo, la scorta che fa la spesa alla Finocchiaro, i dictat della ciurma in vacanza a Capalbio, le scemenze a ruota libera dei così detti politici ecc. ecc. Siamo davvero nel paese dei balocchi o dei balordi?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 11/01/2017 - 13:30

Lo Stato, i comunsti, i sindacati hanno combattuto per queste conquiste e ne vanno fieri. Dovreste prendervela con loro, perchè sono loro che l'hanno concesso.

Ritratto di niki 75

niki 75

Mer, 11/01/2017 - 13:34

Cose del genere possono capitare in un Paese che, con la complicità dei sindacati, vengono difesi a speda tratta i diritti degli oziosi, dei lavativi et similia.

Ritratto di Nahum

Nahum

Mer, 11/01/2017 - 13:43

una bella visita di controllo non guasterebbe per verificare le patologie conclamate del neo-titolarzzato professore di diritto ma queste condotte sono sempre esistite da quando a scuola c'ero io Piuttosto anziche' adottare un atteggiamento qualunquista sarebbe meglio che certe condotte fossero stigmatizzate in modo serio dall'opinione pubblica e punite dagli organi preposti

giovinap

Mer, 11/01/2017 - 13:48

non vi sembra che ci state girando in torno alla faccenda(sporca) ? queste schifezze (pensate a posta per il pubblico impiego)in un azienda privata non possono succedere , come mai ?

GiovannixGiornale

Mer, 11/01/2017 - 13:49

Niente di nuovo, in questo paese baciato dalla natura e sfigurato dai suoi (attuali) abitanti.

schiacciarayban

Mer, 11/01/2017 - 13:59

Di questo dobbiamo rigraziare i sindacati che tanto hanno fatto per garantire diritti anche a chi ne abusa spudoratamente.

mariod6

Mer, 11/01/2017 - 14:09

Caea Preside, adesso ringrazi il sindacato dei professori che ha elaborato un contratto talmente complesso che praticamente potete fare di tutto e di più senza conseguenze. Il nuovo Ministro è un sindacalista dei tessili che si prodigherà per cambiare la normativa, sicuramente in peggio per gli studenti ed a vantaggio ulteriore dei docenti (sic !!!)

antonio666

Mer, 11/01/2017 - 15:41

Leggo di persone che dicono brava al dirigente ,mi viene da ridere ,il Professore usa quello che gli da la legge che ne sappiamo noi se è un malato tumorale ,il dirigente prima di tutto alla riapertura della scuola può cominciare a richiamare i supplenti ,può ricapitare di nuovo la stessa docente che è uscita,poi la dirigente può richiedere una visita collegiale medica per il Professore malato e verificare la veridicità dei certificati medici,,,,,,ha fatto solo clamore ma ha sbagliato il dirigente.

Ritratto di illuso

illuso

Mer, 11/01/2017 - 16:06

Onore alla preside che ha denunciato il fatto rendendo nota ai lettori la lettera che ha inviato al tapino. Uno stato serio, che avesse a cuore il grano dei contribuenti, avrebbe preso da tempo a calci nel sedere lo scansafatiche docente.

Trinky

Mer, 11/01/2017 - 16:34

Tranquilli che presto quel professore posterà su FB le sue foto fatte in qualche località di vacanza come ha fatto la Moretti.........

venco

Mer, 11/01/2017 - 17:35

Questo è un parassita pubblico, e va licenziato immediatamente.

giza48

Mer, 11/01/2017 - 17:38

Cari cittadini Italiani, ribelliamoci contro queste angherie, cattiverie, nefandezze, fatte scientificamente con l'avallo dei regolamenti e accordi CRIMINAL-SINDACALI. Ecco l'esempio limpido della "buona scuola" di renziana memoria, altro che meritocrazia del sapere, libero spazio ai delinquenti autorizzati, ai ladri del sapere e conoscenza degli scolari, gli unici veri titolari della scuola, senza voce perchè non votano. Ribelliamoci e caccciamoli, non ne possiamo più

angelo1951

Mer, 11/01/2017 - 17:47

E' solo l'apice del fancazzismo consueto dela stragrande maggioranza dei parassiti con "posto da stipendio" pubblico.

cecco61

Mer, 11/01/2017 - 18:06

@ antonio666: le vorrei far notare che la maggior parte dei commenti sono contro una Legge idiota e assurda. Ben ha fatto la dirigente ha pubblicizzare la cosa: chissà che ci sia qualcuno in Parlamento con un neurone ancora funzionante che possa risolvere la cosa. Lecite pure le accuse al professore il quale, insegnando diritto, sa che deve rientrare, anche solo per un giorno, per mantenere il posto infischiandosene dei danni che provoca. Poi non si chieda come mai, chi può, preferisca la scuola privata a quella pubblica. Fintantoché lo scopo del Legislatore è parare il sedere a nullafacenti e lavativi, l'Italia non potrà far altro che affondare.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 11/01/2017 - 18:20

Beh mi piacerebbe sapere il nome di questo fenomeno ed in quale città succede????

maurizio50

Mer, 11/01/2017 - 19:08

@giosafat. Condivido pienamente. La Scuola è nello strame ed il merito indiscusso è dei Sindacati, primo tra tutti la CGIL, cui stanno a cuore non la preparazione degli studenti, ma la tutela dei comodacci dei propri iscritti . I quali ovviamente approfittano di tutte le occasioni per evitare di lavorare. Ovviamente il tutto a discapito del Paese!!!!

steacanessa

Mer, 11/01/2017 - 19:23

beato pubblico impiego

BAF

Mer, 11/01/2017 - 19:49

la buona scuola sia pur con le sue mancanze non c'entra niente con questo caso ,è da sempre così,mio figlio ora ha 40 anni e mi ricordo che quando frequentava la terza media imbroccò in una insegnante di matematica che si comportò esattamente come il soggetto in questione,incinta sempre come una coniglia, malattia di 15-20 giorni,ricerca del supplente da parte del preside,alla scadenzqa della malattia non si presentava ma il giorno dopo arrivava l'ennesimo certificato di malattia ,di nuovo ricerca del supplente perché quello che c'era non poteva essere riconfermato perché i punteggi delle supplenze cambiano, così per tutto l'anno ed il preside desolato non poteva farci niente perché era un loro diritto, di merde come quell'insegnante e questo professore ne è piena la scuola

titina

Gio, 12/01/2017 - 08:45

Si è presentato il 23 dicembre perchè altrimenti le vacanze di Natale gli sarebbero state conteggiate assenze e credo che dopo un certo numero di giorni non si è retribuiti.

cianciano

Gio, 12/01/2017 - 08:46

.....e queste sarebbero "conquiste" dei lavoratori o "furbate" per dei fancazzisti, ignorantoni (parecchi non sanno nemmeno l'italiano) e han trovato la pacchia a vita......neanche in america latina non trovi delle leggi del genere....

Happy1937

Gio, 12/01/2017 - 08:55

Questo mascalzone dovrebbe essere licenziato in tronco, altro che congedo!

routier

Gio, 12/01/2017 - 09:21

L'esercizio di un proprio diritto sancito dalla legge è indiscutibile, tuttavia a volte il diritto collide con la deontologia professionale e questa appartiene alla sfera della propria coscienza. (e qui cominciano i guai). PS. Non violerebbe la legge sulla riservatezza (privacy), pubblicare il nome della città e della scuola. Tacendo ovviamente quello del docente.