Dodicenni al parco replicano scene hot di "50 sfumature di grigio"

L'allarme dello psicoterapeuta Steve Pope alla Bbc: "Adolescenti fuori controllo. I tabù cadono sempre più in fretta, credono che le scene del film rappresentino la sessualità di tutti i giorni"

Giovanissimi ma già ben oltre la prima volta. Una coppia di adolescenti inglesi - di cui almeno lui non aveva più di dodici anni - è stata sorpresa a replicare alcune scene di "Cinquanta Sfumature di grigio" in un parco pubblico.

A dirlo è stata la Bbc. Durante il programma Radio Five Live, lo psicoterapeuta Steve Pope ha raccontato il caso di un cliente dodicenne pizzicato in questa insolita imitazione. Durante un dibattito sull'impatto della pornografia sui bambini, lo psicoterapeuta ha messo in guardia contro i rischi di una sovraesposizione in questo senso: "Dopo l'uscita di Fifty Shades abbiamo avuto gli incubi, i bambini pensano che sia quello un comportamento sessuale normale."

"Un mio cliente di dodici anni - ha raccontato l'esperto - mi ha confessato di aver messo in scena diversi episodi del film in un parco pubblico. Ai miei tempi era un'impresa anche solo farsi una bevuta di sidro. Al giorno d'oggi la diffusione del porno ha normalizzato ogni tabù. Il porno rappresenta con ogni probabilità il tipo di dipendenza in maggior ascesa di tutto l'emisfero occidentale."

Secondo una ricerca del servizio d'aiuto britannico Children Line, un decimo dei bimbi inglesi tra i dieci e i tredici anni ha paura di essere dipendente dal porno. "La parola dipendenza è solo un'etichetta; il vero problema è la compulsione, che colpirà soprattutto i soggetti più predisposti. Oggi i tabù cadono molto più in fretta di un tempo: ben il 70% dei responsabili di reati sessuali utilizza il porno come incentivo a commettere questo tipo di azioni."