Dolori alle ginocchia e alla schiena. La quasi novantenne Elisabetta II costretta a delegare al figlio Carlo

Una fonte interna a Buckingham Palace: "Il centro di gravità della casa reale sta cambiando"

Il principe Carlo è sempre più un "re nell'ombra". Lo scrive il Mail on Sunday, rivelando una dinamica interna alla casa reale che vede Elisabetta II sempre più costretta a delegare compiti ufficiali e meno ufficiali al primo in linea nella successione al trono.

La versione domenicale del Daily Mail ha calcolato che alla fine di quest'anno il principe del Galles avrà partecipato a un totale di 650 impegni ufficiali, molti di più rispetto all'anno scorso, tanto da essere costretto a chiedere a suo figlio William di farsi carico di alcuni appuntamenti e missioni.

Una fonte vicina a Buckingham Palace ha rivelato al quotidiano inglese che: "La regina si sta affidando sempre più a Carlo. Lei non rinuncerà ai suoi compiti, ma le sue ginocchia le stanno dando problemi e quando ci sono degli eventi programmati i suoi aiutanti controllano come prima cosa che non ci siano scale da fare. Considerate - ha aggiunto la fonte - che quando sale le scale si deve aggrappare ai corrimano. Ora lei è più lenta e si lamenta della sua schiena e delle sue ginocchia".

Secondo il Mail of Sunday, recentemente Carlo ha dovuto chiedere al figlio William di farsi carico della gestione del Princès Trust, la fondazione di beneficenza lanciata dal principe del Galles anni fa. William, tuttavia, avrebbe declinato l'invito, rispondendo al padre di voler fare "una vita normale" il più a lungo possibile.

La regina Elisabetta II, intanto, va verso il suo 90esimo compleanno, il prossimo 21 aprile, anche se i festeggiamenti ufficiali in genere vengono tenuti a giugno.