Costretta a provare il tiralatte in aeroporto: "Può essere una bomba"

La 33enne è stata fermata da una poliziotta che, dopo aver visionato il contenuto della valigia allo scanner, ha pensato si trattasse di un'arma

Una donna ha denunciato la polizia tedesca per averla costretta a spremere il seno al fine di dimostrare che era in allattamento. Il motivo? Viaggiava con un tiralatte in valigia ma senza suo figlio.

Come racconta la Bbc, Gayathiri Bose, 33enne manager in una società di trasporti di Singapore, è stata fermata all'aeroporto di Francoforte mentre si imbarcava per Parigi. Quando il suo bagaglio è stato ispezionato allo scanner, la poliziotta, notando l'oggetto, ha domandato: "Sta allattando? Allora dove è il suo bambino?". Non avendo il figlio con sé, la poliziotta ha pensato si trattasse di un arma.

I funzionari hanno quindi sequestrato il passaporto di Bose e l'hanno condotta in una stanza per l'interrogatorio. Racconta Gayathiri: "Li dentro mi ha detto di aprire la camicia e mostrare il seno. A quel punto mi ha chiesto come mai non avessi nulla attaccato. Le ho spiegato che non ce n'è bisogno, e che basta appoggiare il tiralatte al capezzolo e la macchina fa il resto".

Gayathiri Bose ha eseguito gli ordini della poliziotta ma, una volta uscita dalla stanza, si è resa conto dell'accaduto: "Sono scoppiata a piangere, ero molto agitata. È stato umiliante e traumatizzante". E ha continuato: "Quando finalmente mi hanno lasciato andare ho fatto loro presente che non è quello il modo di trattare le persone. Sapete cosa mi avete appena fatto? Mi avete costretto a mostrarvi il seno". Ma loro mi hanno semplicemente risposto, senza rammarico 'ora è finita, vada pure'".

La replica della polizia tedesca

Secondo Christian Altenhofen, portavoce della polizia federale dell'aeroporto di Francoforte, i controlli vengono effettuati per motivi di sicurezza, in quanto il tiralatte avrebbe potuto contenere un esplosivo. Tuttavia "le misure prese nei confronti di quella mamma non rientrano nelle procedure. È ridicolo e offensivo. Se fosse stato un uomo a trasportare il macchinario? Non avrebbe potuto provare la sua innocenza".

Commenti
Ritratto di bobirons

bobirons

Mer, 01/02/2017 - 07:38

Io essere tetesco capire, sapere tutto, konoscenza qui dentro mein Arsch. I Dummkopf non potevano semplicemente ispezionare il tiralatte ? Ma si sa, la logica dei krukki evade sempre qualsiasi parametro di coerenza. Detto ciò, avendo viaggiato per oltre mezzo secolo in giro per il mondo, più controlli vengono fatti più sicuri sono passeggeri ed addetti.

doctorm2

Mer, 01/02/2017 - 07:44

Ma non era più semplice seuqestrare il tiralatte senza fare tutte queste stupidaggini?

gneo58

Mer, 01/02/2017 - 08:40

ben vengano tutti i controlli per la sicurezza -peccato pero' che da una parte si controlla e dall'altra ci sono dei "buchi" dove ci passa di tutto e nessuno vede o fa niente. E ne ho di esempi !

guerrinofe

Mer, 01/02/2017 - 09:43

GIUSTO! VOLETE ESSERE PROTETTI??? allora le regole sono regole e vanno rispettate malgrado qualche "disagio"!

cecco61

Mer, 01/02/2017 - 10:15

Ma come? Si giustifica chi scopre il seno in mezzo ad un ristorante per allattare ma se, per sicurezza, una deve denudarsi parzialmente in una stanza protetta scoppia lo scandalo. Al sottoscritto capitano spesso intoppi vari per attrezzatura fotografica subacquea che viene controllata minuziosamente. Lo so, cerco di arrivare con un certo anticipo, e comprendo la perplessità dell'addetto che non può riconoscere tutti gli oggetti prodotti nel mondo per gli utilizzi più disparati.