Il dossier del ministero che inchioda Autostrade: "Aumento dei pedaggi e tagli agli investimenti"

A luglio i tecnici dicevano ai cittadini: "Ci sono elementi di disagio". Ma sulla A10 sono stati investiti 76 milioni anziché i 280 preventivati. Intanto le tariffe hanno continuato ad aumentare

"La rottura di uno strallo è un'ipotesi di lavoro seria". Ieri Antonio Brencich, docente dell'università di Genova e membro della commissione delle Infrastrutture che deve accertare le cause del crollo, ha fatto un breve sopralluogo nell'area dove si è sbriciolato Ponte Morandi. Non è voluto entrare nel merito del lavoro della commissione, ma ha lasciato trapelare che "il collasso sia stato attivato dalla rottura di uno strallo". Sul tavolo della commissione ci sono, infatti, testimonianze e video che lo provano. Tra questo materiale c'è anche una realazione del ministero delle Infrastrutture che la Stampa pubblica oggi in esclusiva ma che è stata redatta molto tempo prima che avvenisse la strage di genova. Da questa analisi emergono con chiarezza che gli aumenti dei pedaggi sono "superiori a quelli dell’inflazione", che gli investimenti sono "inferiori a quelli programmati" e che durante le ispezioni di controllo sono cresciute le irregolarità.

"In quanto casalinga posso dire che dobbiamo stare sempre attenti a pulire bene, questi calcestruzzi non piovono solo sulle macchine, ma sulle finestre, sulle persiane, sulle tende, e lavare lo laviamo, però i nostri polmoni, insomma, dobbiamo pensare anche a questo". A parlare, come riporta il Corriere della Sera, è Mimma Certo. È il 18 luglio 2018, poco meno di un mese prima della strage. da una parte ci sono i comitati dei cittadini che chiedono maggiore sicurezza, dall'altra c'è mauro Moretti, responsabile degli interventi di Autostrade per l'Italia che ad oggi gestisce una rete di quasi 3mila chilometri. Che spiega: "L'opera è un po' come il corpo umano, dobbiamo farci passare qualcuno che evidenzia mali o danni dei quali si cominciano a vedere i primi segni. Per questo è previsto un intervento molto importante in futuro, che andrà a risarcire il danno a oggi subito e i danni di possibile e futura generazione per quanto riguarda le opere di sostegno, quindi gli stralli, ovvero i tiranti, che lavorano all'inverso rispetto a quello che è il normale funzionamento delle strutture, e questo nel tempo ha generato grazie all’azione vuoi del carico, vuoi degli agenti esterni, necessità di manutenzione". Col senno di "poi", è chiaro che quei lavori andavano eseguiti prima. Molto prima. Qualcuno lo sapeva. Tanto che, come svelato giorni fa dal Giornale.it, in aprile Autostrade per l'Italia aveva bandito un maxi appalto da 20 milioni di rinforzare per rinforzare i tiranti. Segno che la società era comunque a conoscenza delle criticità del Morandi. Peccato che, nonostante l'urgenza, sia sato rinviato tutto a dopo l'estate.

L'intervento ipotizzato la scorsa primavera sarebbe dovuto consistere nella "disposizione di nuovi cavi esterni che vanno dal traversone dell'impalcato fino alla sommità delle antenne del ponte". "L'intervento di adeguamento strutturale (retrofitting, ndr) - si legge nel documento - interessava proprio la zona a sistema bilanciato e in particolare gli stralli 9 e 10". Guarda caso il crollo ha coinvolto proprio la pila numero 9. I lavori di manutenzione sul ponte Morandi sarebbe durato ben 784 giorni con evidenti conseguenze sulla viabilità. Lo slittamento dei lavori ora pesa come un macigno su quanto accaduto. Anche a fronte di quanto contenuto nel report di 650 pagine compilato dal ministero delle Infrastrutture. Nonostante le ispezioni su Autostrade per l'Italia siano minime, secondo quanto riporta la Stampa, le irregolarità triplicano nel giro di un paio anni. "Alcune vengono sanate dall'azienda, altre restano - si legge - 100 nel 2014, 317 nel 2016 (anche in questo caso più che triplicate)". Le sanzioni, invece, se si esclude una procedura da 40mila euro, sono praticamente inesistenti. E, se da una parte tra il 2008 e il 2016 le tariffe sono aumentate del 25% (il doppio rispetto alla crescita dell'inflazione), dall'altra gli investimenti sono stati inferiori del 15% rispetto a quanto promesso. Negli ultimi dieci anni sulla A10, tanto per capirci, sono stati sborsati 76 milioni di euro anziché 280 milioni. Il 73% in meno. I risultati sono sotto gli occhi di tutti.

Commenti
Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 18/08/2018 - 11:06

se ne vogliono spendere la metà ci sono le risorse che ci dovrebbero pagare lapensione. Gli americani con gli africani ci hanno fatto affari d'oro all'epoca. Noi invece gli affari li facciamo fare agli africani. Ma che fessi che siamo, c'è tanta erba nelle strade cittadine anche del centro, si potrebbero destinarli a mettere a sfalciare invece li teniamo a poltrire e magari a vendere "l'erba".

Anonimo (non verificato)

Una-mattina-mi-...

Sab, 18/08/2018 - 11:09

CI SONO VIZIACCI ANTICHI, OMISSIONI E OMERTA' BELLAMENTE RIPETUTE NEL CORSO DEGLI ANNI. DIFATTI, A FRONTE DEI PREZZOLATI, PENOSISSIMI E SQUALLIDI AGIOGRAFI ALLA TOSCANI, GIA' ALL'INIZIO DEL DECENNIO, PER FARE UN ESEMPIO, l’ex governatore della Banca d’Italia, Mario Draghi, nella relazione annuale del maggio 2011 aveva denunciato i palesi ritardi negli investimenti di Autostrade: “A oggi sono stati completati poco più del 60 per cento degli ampliamenti concordati nel 1997 tra Anas e la principale concessionaria autostradale e MENO DEL TRE PER CENTO DI QUELLI DECISI NEL PROGRAMMA DEL 2004, il programma più recente, quello del 2008, E' ANCORA IN FASE DI STUDIO”, aveva tuonato.

Royfree

Sab, 18/08/2018 - 11:10

E' sicuramente, senza se e senza ma, omicidio di Stato. Oltre 40 persone morte per inadempienza e schifoso denaro. Politucoli e imprenditori feccia hanno ammazzato questa povera gente, massacrato famiglie intere e messo in ginocchio un intera città. Che Dio li fulmini e che il fato ci liberi per sempre da questa gentaglia infame. La storia li ricorderà con disonore.

Ritratto di VittorioDettoToi

VittorioDettoToi

Sab, 18/08/2018 - 11:11

Pensierino di un Ingegnere "Scemo" (che sarei io..) ma chi e' quel pazzo che ha autorizzato la ulteriore posa di centinaia di tonnellate di barriere New Jersey su un ponte che stava in "Sala di Rianimazione" a dire poco ????? Ma su quel tratto Autostradale ci stava, non dico tanto, ma almeno 1 Ingegnere, un Geometra o un Capomastro, non da scrivania ????? Vittorio in Lucca

magnum357

Sab, 18/08/2018 - 11:15

I Benetton dicono che Autostrade Spa ha speso in 10 anni ben 10 miliardi di euro. Il problema è che in questo lasso di tempo avrebbero dovuto spenderne circa 100 di miliardi di euro per fare una reale manutenzione ordinaria e straordinaria !!!!!!!!!!!!

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Sab, 18/08/2018 - 11:16

Siamo solo all'inizio, c'è tempo per trovare e documentare magagne e mancanze. Intanto chi costruisce una nuova infrastruttura di viabilità a Genova? Gli avvocati con le parole e la carta bollata? Il governo ha agito d'impulso e affrettatamente. Il che significa , male.

flip

Sab, 18/08/2018 - 11:17

bisognerebbe indicare il rappoerto tra ricavi (dichiarati) ed investimenti e tra ricavi e tutti i costi (dichiarati) almeno dall' anno 2000. le chiacchere servono a poco sono i numeri che parlano e qualche volta urlano.

Ritratto di Flex

Flex

Sab, 18/08/2018 - 11:18

E' a questo che serviva il segreto di Stato?. Non mi meraviglierei se a forza di scavare emergessero interessi politici molto personali.

bepi

Sab, 18/08/2018 - 11:27

Lo Stato dovrebbe avere il potere di chiudere queste autostrade in caso di pericolo latente, perchè non lo ha fatto? Non dico il nuovo governo da poco in carica, ma quello precedente sicuramente doveva farlo

steluc

Sab, 18/08/2018 - 11:27

Dovrebbero esserci decine di persone in galera , ma è sempre la stessa storia , come per le banche ( c'è persino un omicidio impunito) ,per il putsch del 2011,come per l'ormai mitica valigetta di Greganti. Ma i trinariciuti son maestri nella propaganda, han fatto passare per opera meritoria la presa del potere per via giudiziaria. Per questo i loro sodali non pagheranno mai.

Ritratto di pravda99

pravda99

Sab, 18/08/2018 - 11:31

Spulciando i dati OCSE sugli investimenti in infrastrutture stradali (magico google per chi vuole esprimersi dopo essersi informato) si nota come questi siano crollati da oltre 13 Miliardi nel 2008 a poco piu` di 3Md nel 2010, solo dal 2012-13 hanno iniziato a risalire. In quegli stessi anni il Governo estendeva le concessioni ai gestori da 30 a 50 anni, e lo stesso Governo negava la costituzione di un'Autorita` di Controllo Indipendente. Il Governo Berlusconi-Lega ovviamente. Scusate, di cosa stavamo parlando?

Ritratto di matteo844

matteo844

Sab, 18/08/2018 - 11:36

Nel frattempo notizie dai funerali di Stato dei nostri connazionali si apprende che : Applausi a Salvini e Di Maio,bordata di fischi ai parlamentari PD al grido di "vergogna". Riporto la notizia solo a titolo informativo eh.

leopard73

Sab, 18/08/2018 - 11:38

Si facevano i tagli di comodo questo era la loro SICUREZZA del portafoglio. Infami.

Gianca59

Sab, 18/08/2018 - 11:43

Questo spiega come fanno utili le società oggigiorno: a discapito di investimenti per manutenzione, ampliamenti, servizio offerto, ...e a pagarne le spese sono gli utenti finali, dai semplici disservizi fino alle estreme conseguenze di Genova.

Ritratto di italiota

italiota

Sab, 18/08/2018 - 11:44

Non tutti i mali vengono per nuocere, guardiamo il lato positivo della cosa: gli azionisti hanno potuto mangiarsi la loro bella fetta di torta dei dividendi alla faccia delle vittime e dei cittadini italiani

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 18/08/2018 - 11:51

Altro che sciacallaggio. Qui c'è poco da capire, il grano in saccoccia o magari utilizzato per speculare e gli investimenti ridotti. Come non si può pensare a non togliere la concessione, mentre i governi sinistri infami aumentavano annualmente i pedaggi come se mancassero i soldi.

fibonacci

Sab, 18/08/2018 - 11:53

Verificata la veridicità di quanto affermato nell'ultima frase. ogni elucubrazione, da qualsiasi parte venga, è solo un insulto alla comune intelligenza, non bacata da credi politici o da affermazioni fideistiche. L'altra verità incontrovertibile è il numero delle persone morte che, per quanto si voglia dire, non hanno pagato il pedaggio per provare un ultimo brivido. (mi scuso per la crudezza dell'ultima affermazione).

dagoleo

Sab, 18/08/2018 - 12:01

Togliere ad Autostrade la concessione per gravi inadempienze, non pagare alcun risarcimento, attendere l'esito delle indagini dell'AG ed avviare subito un lavoro di ispezione e controllo di tutti gli altri casi a rischio in Italia. Mi sà tanto che lo stellone della fortuna Benetton è girato parecchio.

Emilia65

Sab, 18/08/2018 - 12:02

Avanti con le indagini, e se colpevoli fargli pagare tutto, altro che risarcimenti per avergli tolto la concessione. Quanto al microcefalo del loro fotografo, sappia che il Paese si è incattivito solo con gli odiosi radical chic. Peccato che loro sono così lontani dal pensiero del popolo da non rendersi nemmeno conto del perché.

leo_polemico

Sab, 18/08/2018 - 12:02

Domanda spontanea: la differenza tra 280 e 76 cioè 204 milioni di euro dove sono finiti? Nelle casse lussenburghesi della società Autostrade? A "premiare" gli inutili direttori e dirigenti per il "raggiungimento risultati"?

cir

Sab, 18/08/2018 - 12:04

la sana imprenditoria italiana , quelli che ricevono i premi per abnegazione ,altruismo e senso civico . Manca sol piu' l'-Kan . a completare l' immagine , quello con gli occhiali da pxxxa , scarpe da cafone , che dentro un pigiama sale su una ferrari a quadretti ...

honhil

Sab, 18/08/2018 - 12:06

2p) Con D’Alema a Palazzo Chigi, i figli del fu Pci avevano scoperto di potere, in prima persona, cavalcare ogni tipo di business. E non si sono più fermati. Tant’è vero che Renzi ha firmato il papello-capolavoro (anch’esso segretato) che obbligava l’Italia e gli italiani ad accudire ogni extracomunitario che i commercianti di carne umano avessero depositato, con la collaborazione della Marina italiana, sui moli italici. Dando il via a quell’impoverimento accelerato di milioni e milioni di famiglie italiane che ha avuto inizio con Monti. E continuato con Letta, Renzi e Gentiloni.

honhil

Sab, 18/08/2018 - 12:07

1p) Il Pd. La Sinistra di ogni ordine e grado e colorazione. I Radical-schic. L’intellighenzia. Bandiera Rossa. Ben coperti dalle prime firme debenedettiane, della cosa pubblica, ne hanno fatto scempio tutte le volte che hanno potuto. Segretandone, poi, come fa la mafia, i relativi papelli. E mentre tutto questo accedeva, le procure d’Italia erano impegnate, per lustri e lustri, ad imbastire una serie infinita di processi. Tutti fasulli. Poiché, come il buonsenso aveva da subito suggerito (e le procure scoperto a tempo abbondantemente scaduto e a condanne emesse), erano stati i penditi di mafia a stabilire chi doveva essere indagato e per che cosa. Restando, però, in questa orgia ideologica, la stella polare di ogni accusa l’unico papello fasullo dal quale aveva preso vita la “trattativa Stato-mafia”.

Marcolux

Sab, 18/08/2018 - 12:10

Alla luce di questo, e dei morti provocati, credo che in un Paese civile si procederebbe contro i responsabili, in primis contro i Benetton, processandoli e incarcerandoli per colpa e reato grave. Peculato, furto continuato ai danni dello Stato e strage! Abbastanza per passare il resto della vta in galera. Il fatto però è che siamo in Italia, con una Magistratura dello stesso partito politico dei Benetton!

killkoms

Sab, 18/08/2018 - 12:51

elementare watson!

Ritratto di pinox

pinox

Sab, 18/08/2018 - 14:57

e ci voleva il crollo per verificare questi numeri?....l'importante e' chiedere da una parte e dall'altra concedere gli aumenti delle tariffe, poi qualcuno la torta se la dividera' vero?.....il cittadino italiano rimane fuori dalla festa pur essendo l'unico legittimo proprietario.