Tragedia nel Bresciano. Camion perde il carico: 2 morti, grave un bimbo

Un’auto avrebbe fatto un sorpasso azzardato, centrando frontalmente un camion, che ha perso il proprio carico di barre d'acciaio

È drammatico il bilancio di un incidente che si è verificato nel Bresciano: due morti e un bambino gravemente ferito, trasportato d'urgenza in ospedale. Il terribile schianto è avvenuto poco dopo le 14, in una galleria a Breno, in Vallecamonica, lungo la statale 42. La strada che porta al Passo del Tonale.

Un’auto, che pare abbia fatto un sorpasso azzardato, ha centrato frontalmente un camion. Il mezzo pesante era appena uscito da un’acciaieria della zona e trasportava lunghe barre d’acciaio: è stato costretto ad una manovra improvvisa e ha così perso,
lungo tutto il tunnel, il carico, che ha investito alcune vetture delle cinque coinvolte nello schianto oltre ad un furgone di consegne a domicilio.

Hanno perso la vita un uomo e una donna che viaggiavano su mezzi diversi. La donna, residente in alta Vallecamonica, era a bordo del furgone guidato dal padre, mentre l’uomo deceduto, che abitava nell’hinterland bresciano, era al volante dell’auto di
grossa cilindrata che con il presunto sorpasso azzardato ha dato il via alla terribile carambola. L’automobilista, morto intrappolato tra le lamiere, domani avrebbe compiuto 47 anni. La donna deceduta sul colpo aveva invece 44 anni.

Tre i feriti più gravi, ricoverati in ospedale. Tra questi una mamma, trasportata all’ospedale di Esine, e il figlio sui dodici anni, trasportato invece all’ospedale Civile di Brescia.

Il presunto autore del sorpasso azzardato, che avrebbe causato l'incidente, si chiama Fabio De Filippi. L'uomo è morto sul colpo dopo l’impatto con il tir. Era il presidente della società di basket San Zeno, formazione bresciana che milita in prima divisione, una delle ultime serie della Fip. La squadra sarebbe dovuta scendere in campo questa sera per recuperare una gara di campionato, ma il match è stato rinviato per il grave lutto.

Commenti

antiom

Lun, 02/03/2015 - 19:01

Sarebbe interessante sapere le origini di questo, per me, incauto autista, il fondo del piano di carico e lo stabilimento che ne ha consentito l'uscita: perché, da come si vede, pare che quelli sulla sede stradale siano longheroni sovrapposti senza adeguati paletti ammortizzanti di stabilità. Un incidente atipiche visto che ci son ben altri carichi pericolosi.

herby49

Lun, 02/03/2015 - 20:59

Siete malinformati, il camion ha perso il carico in seguito a uno scontro frontale con un cxxxxxo che doveva sorpassare in galleria. http://www.giornaledibrescia.it/in-provincia/valcamonica/inferno-in-galleria-riaperta-la-ss-42-1.1972052

fer 44

Lun, 02/03/2015 - 21:42

antiom, l'hai sentita tutta la notizia o te ne 6 perso un pezzo? Non hai sentito che un'auto ha fatto prima un sorpasso azzardato in galleria e poi si è scontrata frontalmente con l' autocarro, che a questo punto ha sbandato, urtato i fianchi della galleria e perso il carico? Prima di criminalizzare il povero autista, informati meglio!

antiom

Lun, 02/03/2015 - 22:39

Quando ho appreso la dinamica dell'incidente, ho pensato subito a quanto avevo scritto: chiedo scusa all'autista, sono stato tratto in inganno dalle immagini. Fer 44, hai ragione, chiedo scusa anche a te, e mi compiaccio per il tuo giusto schierarsi. Infatti criminale è l'autista del'audi e non il buon lavoratore autista del camion.