Due mesi di carcere per una mancata truffa da 30 euro

La Cassazione conferma la condanna nei confronti di Giorgio F.. Per le toghe la colpa è del fallimento della bicamerale per le riforme della Costituzione

Due mesi e 20 giorni di carcere per una mancata truffa da 30 euro. La Corte di Cassazione ha confermato la condanna nei confronti di Giorgio F., dipendente di una azienda municipalizzata dai bilanci milionari, che aveva tentato una truffa nei confronti del datore di lavoro. Truffa che, se fosse andata in porto, avrebbe procurato "un danno patrimoniale complessivamente inferiore ai 30 euro". La Suprema Corte motiva la sua decisione dando la colpa alla politica. Perché, "a causa del fallimento della Commissione bicamerale per le riforme della Costituzione, non è possibile chiudere un occhio su chi commette reati che non producono alcun danno".

Il dipendente di 34 anni ha cercato - invano - di contestare la condanna inflittagli dalla Corte di Appello di Milano - nel dicembre 2012 - facendo presente "l’insussistenza" del reato che non era nemmeno andato a buon fine. Per le toghe (sentenza 48433 della Seconda sezione penale, presidente Antonio Prestipino) l’entità "modesta o modestissima" del danno patrimoniale, in questo caso "quantificato al centesimo di euro" dai giudici di Milano, non mette in salvo l’imputato. "Né potrebbe essere diversamente poiché il principio stabilito dall’art. 129 del progetto di Costituzione approvato dalla Commissione bicamerale nell’ottobre del 1997, che recitava "non è punibile chi ha commesso un fatto previsto come reato nel caso in cui esso non abbia determinato una concreta offensività", è stato travolto dal fallimento della bicamerale e non è penetrato nell’ordinamento costituzionale neanche con la riforma dell’art. 111 della Costituzione".

Commenti
Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mer, 04/12/2013 - 18:11

I POLITICI CHE RUBANO INVECE SON SEMPRE FUORI, LUSI, PENATI ETC ETC. LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI, LE ULTIME PAROLE FAMOSE ......

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 04/12/2013 - 18:11

evidentemente era un truffatore di destra....

unosolo

Mer, 04/12/2013 - 18:43

correte a prendere tutti i componenti delle regioni , dei comuni e delle province oltre a molti sindacalisti e politici , questi personaggi truffano continuamente i cittadini ma nessuno paga per i danni essendo nulla tenenti o di sx ? tutti i giorni da tre anni a questa parte ne escono di nomi nuovi immaginiamo quanti l'hanno scampata, in quanto nessuno ha spulciato i rimborsi , quei rimborsi che truffano chi paga le tasse . Non si toccano e niente arresti forse perche si fanno leggi o sono protetti dalle cariche che occupano.

Sapere Aude

Mer, 04/12/2013 - 18:45

Giusta punizione per l'onesto che si improvvisa ladro. Quelli che rubano milioni gratificano il lavoro dei magistrati che li mandano assolti. Nell'Italia del III millennio il motto è ...in galera i ladri di polli.

odifrep

Mer, 04/12/2013 - 18:50

E' già stato abbastanza "graziato" per non essersi chiamato BERLUSCONI.

moshe

Mer, 04/12/2013 - 20:42

La vera colpa è del FALLIMENTO DELLA GIUSTIZIA !!!!!

roliboni258

Mer, 04/12/2013 - 20:45

probabilmente si sono accorti che votava Berlusconi

Leo Vadala

Mer, 04/12/2013 - 21:42

Finche' non mettete nome e cognome per me e' una notizia falsa.

angelovf

Mer, 04/12/2013 - 21:43

30 euro? Si vergognassero, per il Monte dei Paschi di Siena cosa facciamo gli diamo l'assoluzione ? Ma vergognatevi di fare i giudici. Giustamente chi truffa 30 euro e nel massimo della miseria, quindi è normale che veniva condannato, perché nessuno aveva speranza di "mangiare".

bruna.amorosi

Mer, 04/12/2013 - 22:15

ma ..una epidemia di diarrea ma di quella brutta , non potrebbe arrivare a tutte le toghe .italiane ? .

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Mer, 04/12/2013 - 23:23

Purtroppo per lui,non è un politico!

Ritratto di abj14

abj14

Mer, 04/12/2013 - 23:49

Ennesima dimostrazione che questo paese è il miglior Centro Addestramento Cretini al mondo.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 05/12/2013 - 00:21

Fanno i cavillosi con uno che avrebbe truffato 30 euro E NON FANNO NULLA A QUEI DISGRAZIATI DEI CENTRI ASOCIALI CHE PROCURANO AL NOSTRO PAESE MILIONI DI EURO DI DANNI. MA CHE MAGISTRATI ABBIAMO?

sarudy1

Gio, 05/12/2013 - 01:34

POVERA ITALIA.!!! POVERI ITALIANI !!!! Ma allora non cambierà mai? Come aveva ragione il sommo Dante già quasi mille anni fa. Sarà sempre così? Oh my God !

a.zoin

Gio, 05/12/2013 - 04:30

Ma, questo Giorgio F. e per caso un famigliare di Berbusconi ? Che habbia tentato di estorcere anche minimamente,(la colpa c`è) ma accanirsi in questo modo. Ciò fa capire come questa CASTA INCOMPETENTE e ARROGANTE,deve essere RIFORMATA AL PIÙ PRESTO.

BAF

Gio, 05/12/2013 - 08:17

0ramai quando vedo la faccia di un giudice, specialmente quelli vestiti da pagliaccio, od un pm mi viene spontaneo sognare di vederlo appeso per il collo ad un lampione stradale

pinuzzo48

Gio, 05/12/2013 - 08:33

il telefono non ha funzionato

Beaufou

Gio, 05/12/2013 - 08:38

"Il principio...è stato travolto dal fallimento della bicamerale e non è penetrato nell’ordinamento costituzionale neanche con la riforma dell’art. 111 della Costituzione". Quel che è quotidianamente travolto dall'insipienza dei giudici vestiti da pagliacci è il buon senso, nonché il rispetto per una funzione che dovrebbe essere svolta con discernimento e capacità di giudizi basati sui fatti e non sui codicilli. Questi mangiano scartoffie e codicilli e cacano sentenze, che si rivelano assolutamente indegne, oltre che ridicole come il loro anacronistico e risibile abbigliamento.

angelomaria

Gio, 05/12/2013 - 09:33

regioni uguale associazioni mafiose non ne perdono una ne fanno una piu'del diavolo ormai e'rapine su rapine e non vanno i n galera perche non sono a mano armata peggo!

nino47

Gio, 05/12/2013 - 09:39

La suprema corte avrebbe dovuto motivare la decisione con la verità, una volta tanto: LA TENTATA TRUFFA AVREBBE FRUTTATO UNA SOMMA ECCESSIVAMENTE IRRISORIA, TOGLIENDO ALLA CATEGORIA DEL CRIMINE IN OGGETTO DIGNITA' E PESO. CHE L'IMPUTATO IMPARI QUINDI A TENTARE,ANCHE SENZA RIUSCIRCI,UNA TRUFFA CHE ABBIA PERLOMENO PESO E MISURA, IN SINTONIA CON IL SISTEMA ITALIA, ANZICHE' UMILIARE LA CATEGORIA CON CIFRE MICROBICHE!!!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 05/12/2013 - 10:05

quanti cretini comunisti scrivono scemenze una più cretina dell'altra.... tutto questo per far finta di NON vedere quello che NON va bene...

beale

Gio, 05/12/2013 - 10:14

Solerti con i fessi, sempre! Montepaschi al rallentatore o addirittura frenato.Occorre portarli tutti all'Asinara in ritiro spirituale.Ci vuole il consiglio superiore del popolo; sembra una cosa comunista ma è quello che ci vuole in quanto sono in troppi a millantare di esprimersi in nome del popolo italiano.

roberto.morici

Gio, 05/12/2013 - 11:29

"Tentata" truffa da 30 euro... Manco avesse rovinato qualcuno. Vi ricordate (due nomi a caso) Tortora e Barillà?

Raoul Pontalti

Ven, 06/12/2013 - 19:47

(Sveglia Nico! Ennesimo invio)per il bisnonno di Topolino: è probabile che sia come dici Tu: solo tra i destricoli si possono trovare coglioni che tentano truffe per importi così modesti, non riuscendoci e facendosi persino cuccare e poi si beccano la condanna fino alla Cassazione spendendo migliaia di euro per avere la patente di polli truffatori.