Due ruote, inizia la stagione motociclistica 2016

ll moto club Asso (Co) accende i motori in piena sicurezza. Adottato il Decalogo del Perfetto Motogiro

Dal 2011 il sodalizio della Valassina è firmatario della "Carta europea della sicurezza stradale" e si impegna nel campo dell’educazione e sicurezza stradale per motociclisti principianti, esperti adulti e con particolare attenzione ai giovani. Esistono, in Europa, 2.000 firmatari; sono 6, invece, i MotoClub italiani insigniti di questo riconoscimento, due in Lombardia e solo il Moto Club Asso in provincia di Como. “L’importante riconoscimento - afferma Enrico Corti, presidente del Motoclub Asso - prevede che la nostra associazione assuma l’impegno di creare uno spazio dedicato alla sicurezza stradale in occasione delle proprie manifestazioni, alla collaborazione con le amministrazioni del territorio e a tenere incontri presso le scuole del territorio per un’opera di formazione permanente”. Dino Vanossi, vicepresidente sodalizio, asserisce che “l’attività nel campo dell’educazione stradale è sempre stata basilare per il nostro Moto Club come dimostrano le numerose collaborazioni con le Pubbliche Amministrazioni e le Forze dell’Ordine per l'organizzazione di manifestazioni e campagne di sensibilizzazione rivolte all'educazione dei giovani utenti della strada”.

L’attività e l’impegno del Moto Club Asso hanno una pagina dedicata sul sito della Carta europea della sicurezza stradale, tradotta nelle principali lingue dell’Unione. Il sodalizio assese è sempre stato molto sensibile al tema della sicurezza stradale, i soci Ballabio Vittorio e Rigamonti Maurizio sono formatori di educazione stradale e il segretario Rinaldo Batelli è il referente per la Regione Lombardia della Federazione motociclistica italiana. Il Moto Club Asso apre ufficialmente la stagione mototuristica 2016 e presenta ai soci e simpatizzanti il Decalogo del Perfetto Motogiro.“E’ una lista di semplici e corretti comportamenti, che hanno l’obiettivo di diffondere la cultura della sicurezza intesa come rispetto della vita propria e altrui “, conferma Batelli . Il primo è il più importante e prescrive che ogni uscita assicuri ai partecipanti il diritto al divertimento in sicurezza con l’obiettivo di tornare a casa felici, sani e salvi! L’invito per tutti è di partecipare ai motogiri previsti dal calendario sociale rispettando le regole del Codice della strada, con moto efficiente, indossando le adeguate protezioni passive.

”Da anni i soci del Motoclub Asso si presentano all’appuntamento puntuali con serbatoio pieno, comportamento che evita soste, incomprensioni, fraintendimenti, frammentazione del gruppo e pericolose inversioni di marcia per ricongiungersi alla compagnia” racconta Enrico Corti . Per tutte le uscite vengono utilizzati i ruoli di apripista e chiudi fila, evitando inutili sorpassi mantenendo l’adeguata distanza di sicurezza. I soci del sodalizio assese indossano il giubbotto rifrangente del Moto Club Asso, sono facilmente riconoscibili e soprattutto migliorano la loro visibilità sulla strada.