Ebola, atterrato a Roma il medico di Emergency contagiato

L'atterraggio a Pratica di Mare, poi il trasferimento allo Spallanzani

L'Aeronautica Militare trasporta un paziente affetto da Ebola

L'ebola colpisce anche l’Italia. Il primo italiano contagiato è un medico di Emergency impegnato nella gestione dell’epidemia in Sierra Leone. L’uomo, risultato positivo al virus, è rientrato questa mattina con un Boeing 767 dell’Aeronautica Militare opportunamente modificato ed è stato subito ricoverato all’Istituto nazionale per le malattie infettive Spallanzani di Roma, uno dei due centri nazionali di riferimento per Ebola insieme all’ospedale Sacco di Milano.

Il Boeing KC 767 con il medico a bordo è atterrato all’aeroporto militare di Pratica di Mare poco dopo le sei del mattino. Il velivolo è configurato appositamente per questo tipo di trasporti sanitari di emergenza. È, infatti, dotato di una barella chiusa denominata aircraft transit isolators (Ati) che garantisce il trasporto in sicurezza di pazienti colpiti da malattie infettive altamente contagiose e diffusibili, tra le quali ad esempio le febbri emorragiche, la sars, il colera e, appunto, l’ebola. A bordo del velivolo anche una Unità di isolamento aeromedico, cioè un team della stessa Aeronautica composto da un team di venticinque persone tra ufficiali medici e infermieri addestrati a ogni tipo di trasporto in condizioni di bio-contenimento. Sulla pista dell’aeroporto era presente anche un'ambulanza specificamente attrezzata che ha trasportato il paziente allo Spallanzani dove è stato ricoverato in una stanza di isolamento. "Tutta l’operazione si è svolta come pianificato e secondo le procedure per le quali siamo addestrati ad operare", ha dichiarato il colonnello Roberto Biselli, capo del team di bio contenimento dell’Aeronautica militare. "In ogni momento - ha, poi, assicurato Biselli - è stato possibile assistere, in condizioni di massima sicurezza, il paziente che è risultato tranquillo lungo la rotta".

Le condizioni del medico sono buone. "Mi sento di rassicurare la famiglia - ha detto il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin - che il nostro medico sta bene, non ha avuto febbre o altri sintomi durante la notte, stamattina ha fatto colazione e continua a bere in maniera autonoma, esprimo la mia vicinanza a lui e alla famiglia e assicuro che il governo italiano tutto è al fianco del nostro connazionale".

La macchina dell’emergenza è subito partita: la Lorenzin, d’intesa con il presidente del Consiglio, i ministri della Difesa, Affari Esteri e Interno, ha infatti dato disposizioni immediate per organizzare il trasferimento e il trattamento del medico italiano con trasporto ad alto biocontenimento, e sono state predisposte "tutte le misure per garantire il trasporto e il ricovero del paziente in massima sicurezza e iniziare tempestivamente il trattamento clinico".

L'ospedale romano ha poi aggiunto in conferenza stampa che il medico viene curato con un farmaco sperimentale non ancora registrato in Italia.

Da parte sua, Emergency ha assicurato che tutto lo staff del centro in Sierra Leone ha seguito una formazione specifica sui protocolli di protezione per evitare il contagio e la diffusione del virus. "Tuttavia - ha precisato la ong - nessun intervento sanitario in un’epidemia così grave può essere considerato completamente privo di rischi". Soprattutto se si considera che in Sierra Leone la situazione è drammatica e l’epidemia continua a espandersi con oltre 100 nuovi casi al giorno.

Commenti
Ritratto di elio2

elio2

Mar, 25/11/2014 - 09:09

Ma come, se quella specie di ministro della sanità, nemmeno laureata, che quando parla di Ebola crede sia una nuova compilation ha detto che da noi non ci saranno mai casi infetti di ebola, ora dice di tranquillizzarci che non ci sono pericoli, esattamente ciò che disse più o meno un paio do mesi fa. Mandatela a fare la calza e metteteci al suo posto uno competente.

linoalo1

Mar, 25/11/2014 - 09:13

Non era possibile curarlo nel luogo di provenienza?Sarò cinico e crudele,però voglio sapere il perché di questo trattamento con aereo dedicato,scorta e non so cos'altro!Chi è costui,per avere questo trattamento?Quanto ci è costato questo inutile trasferimento?Adesso,Media,informatevi e ditelo a tutti gli Italiani!Diteci anche il perché di questo trattamento e chi l'ha ordinato o voluto!Lino.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 25/11/2014 - 09:19

Un gentile omaggio dall'amata terra delle nostre risorse e della nostra ex ministra.!!

MLADIC

Mar, 25/11/2014 - 10:27

Bravi compagni, ora andatevi a curare insieme ai vostri figli allo Spallanzani, tanto è tutto sotto controllo, come sostiene il grande ministro della salute pluri laureato in medicina.

celuk

Mar, 25/11/2014 - 11:00

spero che Emergency paghi almeno le spese altrimenti che ong è? Organizzazione non governativa solo per fare ciò che vogliono e poi dobbiamo pagare noi contribuenti?

Ritratto di mark911

mark911

Mar, 25/11/2014 - 11:04

Al pacifista Strada tanto contrario alle spese per le forze armate questa volta l'areonautica Militare è venuta comoda vero ? Poi tutto gratis ...ops a carico di noi contribuenti visto che il viaggio "privato" non deve essere costato poco ...non aggiungo altro perché potrei essere volgare !!!

Ritratto di giangol

giangol

Mar, 25/11/2014 - 11:17

i sinistronzi cattocomunisti scommetto che mandano auguri di pronta guarigione da casa loro con le chiappe al sicuro. pontalti almeno tu potresti andare a fargli visita

guerrinofe

Mar, 25/11/2014 - 11:29

ATTENZIONE ATTENZIONE CON I SOLITI PASTICCIONI ITALIANI PUO' SUCCEDERE L'IRREPARABILE!

guerrinofe

Mar, 25/11/2014 - 11:31

ATTENZIONE ATTENZIONE CON I SOLITI PASTICCIONI ITALIANI PUO' SUCCEDERE L'IRREPARABILE! DICE BENE IL DR. STRADA LUI SI FAREBBE CURARE SUL POSTO! TANTA E' LA FIDUCIA SULLE STRUTTURE

giovanni PERINCIOLO

Mar, 25/11/2014 - 11:43

Bella cosa e buona il volontariato, ma quanto ci é costato questo rimpatrio???

Bruno Pamfili

Mar, 25/11/2014 - 11:53

Al cittadino contribuente potrebbe sorgere la domanda. Chi paga tutto questo? Come giustamente fa notare lo stesso Gino Strada (in un altro lancio del Giornale) sarebbe stato meglio farlo curare in Africa dove i suoi colleghi sarebbero stati certamente in grado di provvedere (altrimenti che ci stanno a fare laggiu`?). Sarebbe stato anche piu` prudente in quanto, conoscendo il pressapochismo italico, e` ben probabile che qualche smagliatura nel sistema di sicurezza ci sara` con conseguenze anche tragiche.Bruno Pamfili

Ghiringhelli Mario

Mar, 25/11/2014 - 11:57

ci mancava la portaerei Garibaldi: tanto paga pantalone con la patrimoniale del 0,2% rubata annualmente dai nostri conti correnti.

Giorgio5819

Mar, 25/11/2014 - 15:15

Auguro la più totale e veloce guarigione a questo signore, ma come mai non e' stato curato da Strada?

AVO

Mar, 25/11/2014 - 16:05

E l'italia paga le spese.

claudio faleri

Mar, 25/11/2014 - 16:43

meno male è tornata la tbc, mancava questa malattia, troppo benessere, un pò di tbc fa bene, poi se arriva un 10% di ebola ancora meglio....per la tbc verranno riaperti i sanatori, che daranno lavoro a tante persone, per l'ebola, verranno ampliati i cimiteri

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 25/11/2014 - 17:24

Ma perché mentre la gente schiatta in ospedali fatiscenti senza letti questo di emergency lo mandano a prendere con un volo di stato? No, siamo al delirio. Un 767 modificato? Mi mamma per una vista 9 mesi di attesa. Maledetti.

@ollel63

Mar, 25/11/2014 - 17:45

e chi paga? Domanda retorica, ahimè!

mariolino50

Mar, 25/11/2014 - 18:03

Prendersela con un volontario che rischia la vita mi pare un pò incivile come minimo, anche il medico americano poi guarito è stato rimpatriato con un sistema simile, o vorreste viaggiarci insieme su un volo normale.

FRANCK56

Mar, 25/11/2014 - 18:15

mi rivolgo al 90% di quelli che hanno commentato:pezzi di merda!........nessuno ha reso onore ad uno che ha rischiato la pelle per salvare quella di qualcunaltro,pensate solo ai soldi...non vi auguro nulla,ma vergognatevi per la vostra meschinita'.

Ritratto di rebecca

rebecca

Mar, 25/11/2014 - 18:19

Ho sentito in TV che la "gita" in Sierra leone è costata ai contribuenti italiani 250mila euro.

celuk

Mar, 25/11/2014 - 18:41

mariolino50 insomma secondo lei l'Italia deve farsi carico di tutti i guai che succedono nel mondo? il medico è di una ONG e pertanto un organizzazione privata: è la stessa quindi che deve farsi carico dei suoi volontari. E poi come rilevato da altri commentatori poteva essere curato sul posto visto che i medici stanno in quei posti proprio per questo o no? altrimenti cosa ci stanno a fare se non per curare i malati di ebola?

Ritratto di moshe

moshe

Mar, 25/11/2014 - 20:24

E noi continuiamo a pagare tasse, ad aspettare un anno per un esame od una visita, a pagare ticket che ormai sono molto prossimi al prezzo pieno della prestazione, a dare assistenza sanitaria gratuita a clandestini e rom ..... vorrei solo una cosa, che non sia considerato reato quando uno esclama: CHE ITALIA DI ME... !!!!!

marcs

Mar, 25/11/2014 - 20:40

Gentile coglion mark 911, ma ha letto o no quello che ha detto il Dott. Gino Strada, ovvero che sarebbe stato meglio curare in loco lo sfortunato medico ? A, ma forse lei guarda solo le figure poiché non è capace di leggere....

FRANGIUS

Mar, 25/11/2014 - 20:59

VANNOIN GIRO A FARE GLI EROI...VOLONTARI SI FA PER DIRE...POI TORNANO A CASA E SPENDIAMO MILIARDI PER CURARLI ED I POVERI CITTADINI CREPANO IN ATTESA DI RICOVERO....COME E' SUCCESSO ALLA SVENTURATA PIEMONTESE INCINTA LA SCORSA SETTIMANA...VERGOGNA

Sonia51

Mar, 25/11/2014 - 21:13

Ho visto il servizio televisivo sull' arrivo e fatto un po' di conti: aereo militare italiano (che schifo, vero, dott. Strada?), ambulanza super accessoriata, scorte di forze dell' ordine e addirittura due giganteschi mezzi dei Vigili del Fuoco. Chi paga, il dott. Gino Strada? Ma quando la finiamo di prenderci per il culo? Questi vanno in gita scolastica a salvare chi, quattro negretti per altri otto che si ammaleranno? Sono anni che mandiamo denaro e mezzi in questi paesi dove la vita non conta un cazzo, si arrangiassero un po'!!!

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Mer, 26/11/2014 - 01:14

Ma perchè non lo cura il Gino Strada in Africa,perchè si rivolge alla sanità Italiana, perchè ha il volo di Stato, perchè ha questi previlegi,perchè lo Stato non manda i propri medici in Africa e manda quelli di Strada? Perchè?

steali

Mer, 26/11/2014 - 08:53

x elio2.... Le rispondo oggi per ieri riguardo le armi trovate nell'ospedale di emergency.... Gli americani hanno creato prove false per scatenare la guerra nel vietnam, cercarono di scatenare la guerra contro cuba facendo esplodere un aereo dando la colpa a fidel castro, attaccararono l'iraq cercando le armi, che gli fornivano loro per gasare i curdi e iraniani, di distruzione di massa che non furono trovate, l'attentato adell' 11 settembre al pentagono ancora da chiarire il quarto aereo che si dice sia stato fatto precipitare dai passeggeri ma non sono stati trovati i rottami.... Nascondere 4 fucili nell' ospedale è un gioco da ragazzi

steali

Mer, 26/11/2014 - 09:13

Invece per portare le prostitute in sardegna a spese nostre il volo di stato era giusto!!!!!!

VermeSantoro

Mer, 26/11/2014 - 10:17

Io mi domando: ma quanto c.... ci deve costare questa solidarietà ? Se io decido di andarmi a suicidare laggiù devo anche mettere in conto che se mi ammalo nessuno mi verra a prendere. Aereo dedicato, medici ed infermieri a sua disposizione, posto letto che costera cifre folli ..... tutto perche questo dottore ha pensato bene di andare a fare l'eroe ?

steali

Mer, 26/11/2014 - 10:27

x VermeSantoro... Se non ci fossero quelli che si vanno a "suicidare" in africa l'ebola sarebbe già qui......

VermeSantoro

Mer, 26/11/2014 - 11:31

steali non fare il filosofo, lo devono curare laggiù