Eboli, pesta la compagna e le ruba il telefono: fermato pregiudicato

Un 38enne di Eboli, per motivi ancora da chiarire, ha pestato la sua compagna e le ha rubato il cellulare. La donna è stata trovata dai carabinieri sotto choc e con numerose ferite

Dramma sfiorato nella notte tra sabato e domenica ad Eboli, in provincia di Salerno. Un 38enne del posto, pregiudicato, è stato arrestato dai militari della locale compagnia con l’accusa di lesioni personali aggravate, rapina e violazione di domicilio ai danni della sua compagna.

L’uomo, infatti, per motivi ancora da chiarire si è recato presso l’abitazione della donna situata in via Polidoro, ha sfondato la porta di casa, l’ha picchiata selvaggiamente e, infine, le ha rubato lo smartphone.

Probabilmente la folle violenza è stata innescata da una lite scoppiata per futili motivi. Dopo il pestaggio, la vittima di 23 anni, seppure in stato confusionale, è riuscita ad allertare il 112.

I carabinieri giunti immediatamente sul posto, hanno ritrovato la donna sotto choc e con evidenti ferite sul corpo. Viste le sue condizioni precarie, i militari hanno fatto arrivare sul luogo teatro della violenza un’ambulanza. La giovane, così, è stata trasportata all’ospedale Maria Santissima Addolorata di Eboli dove è stata medicata e giudicata guaribile in quindici giorni.

Nel frattempo, gli uomini dell’Arma diretti dal capitano Luca Geminale, sono riusciti a rintracciare e arrestare il pregiudicato mentre stava ritornando presso la propria abitazione.

Il 38enne è stato arrestato per lesioni personali aggravate, rapina e violazione di domicilio ed ora si trova rinchiuso nel carcere di Salerno. Il telefono della vittima è stato ritrovato e restituito alla legittima proprietaria.