"Ecco perché l’Esercito può combattere gli sciacalli"

L'ex generale degli Alpini Carlo Cabigiosu: "Abituati al controllo del territorio". Il Prefetto di Modena: valutiamo

Il prefetto di Modena è pronto a mobilitare i soldati per fermare gli sciacalli del terremoto. "Stiamo valutando un possibile intervento dell'esercito. So che alcuni comuni ne hanno fatto richiesta. Se sarà possibile e necessario senz'altro lo richiederò" ha dichiarato Benedetto Basile, rappresentante del governo nel capoluogo emiliano. La prefettura ha rinforzato il presidio delle forze di polizia per un totale di 395 agenti. Giovedì gli sciacalli si sono spacciati per la Protezione civile invitando i terremotati a lasciare le case con l'obiettivo di depredarle. L'ex generale degli alpini, Carlo Cabigiosu, spiega come potrebbero venir utilizzati i soldati per la sicurezza dei terremotati.

Contro gli sciacalli va mobilitato l'esercito?
«In caso di carenza di personale delle forze dell'ordine il controllo del territorio può venir svolto dagli uomini dell'esercito. Nelle missioni all'estero controlliamo il territorio, ovviamente in una situazione più vicina alla guerriglia piuttosto che al contrasto della criminalità, organizzata o meno, ma sempre di controllo del territorio si tratta».

Questo significa che i militari sarebbero pronti?
«Sì ed in ogni caso stiamo parlando di situazioni che si risolvono con pattugliamenti delle città e paesi disastrati. Oppure utilizzando qualche sistema di sorveglianza particolare di cui è dotato l'esercito».

A cosa si riferisce?
«Abbiamo dei radar terrestri che da una certa distanza potrebbero individuare i malintenzionati che si avvicinano alle aree abbandonate dagli abitanti. Poi buona parte delle nostre unità di fucilieri utilizza apparati per la visione notturna. In pratica i soldati "vedono" nel buio, mentre non tutte le forze dell'ordine hanno in dotazione questo equipaggiamento».

Per sorvegliare le aree terremotate servirebbero i velivoli senza pilota utilizzati in Afghanistan?
«La legislazione per l'impiego di questi mezzi sul territorio nazionale è molto restrittiva rispetto al teatro operativo all'estero. Potrebbero essere utili, ma ci sono gli elicotteri che anche di notte possono controllare dal cielo i casolari abbandonati facile preda dei delinquenti».

I soldati possono sparare a vista sugli sciacalli?
«No. Probabilmente verrebbero realizzate delle pattuglie miste con un rappresentante delle forze dell'ordine, che come pubblico ufficiale procederebbe all'arresto. Più o meno simile a quello che è accaduto con l'operazione Vespri siciliani contro la mafia, che prevedeva perquisizioni, posti di blocco ed identificazione di sospetti».

Il direttore de Il Giornale ha scritto che sarebbe meglio ritirarci dall'Afghanistan e mobilitare i nostri soldati in patria per tragedie come il terremoto. Cosa ne pensa?
«Le decisioni sull'Afghanistan non vanno prese isolatamente o nel momento in cui c'è l'esigenza di aiutare i terremotati. Piuttosto dobbiamo chiederci se l'entità dello sforzo in Afghanistan è commisurato a quelle che sono le effettive necessità del nostro paese a livello internazionale, oppure se potremmo avere la stessa rilevanza con un impegno minore».

Tenendo conto del rapporto costi e benefici vale la pena mobilitare l'esercito per un terremoto?
«L'esercito costa quanto i carabinieri che servirebbero da rinforzo e verrebbero trasferiti da altre zone. In passato è stato utilizzato in maniera massiccia con i soldati di leva, che costavano molto meno rispetto ai professionisti di oggi. Il problema è che in questo momento sono state individuate altre esigenze di impiego dei militari, come la protezione di obiettivi a rischio terrorismo in tutt'Italia».

Commenti

gibuizza

Sab, 02/06/2012 - 10:53

Agli sciacalli bisogna sparare.

Ritratto di barbara.2000

barbara.2000

Sab, 02/06/2012 - 11:07

e vai!!!!!!! abbiamo bisogno dei soldati ? chi ha voluto smantellare l'esercito ? sicuramente i rossi , non vorrete essere una nazione forte contro chi ci vuole talmente bene che ci occupano e ci insultano !!!!!!! vero PD ? ora abbiamo un problema molto serio , un terremoto dalle proporzioni gigantesche , servirebbero uomini , ma in italia ci sono ancora ? quelli che ci sono sono straimpegnati , prendiamo i gay e mandiamoli a lavorare , a spalare e proteggere le popolazioni dagli sciacalli : oh , mio dio , mi si rovinano le unghie !!!! poi arriva napolitano e si fa la sua sfilata , non vorrai che uno stalinista rimanga senza sfilata m vero ? per carità è in onore dei terremotati , capirai a loro che gliene frega . nemmeno a me . ueh, ciampi hai rivoluto la sfilata ? non so dove sei ma spero all'inferno .

umberto schenato

Sab, 02/06/2012 - 20:32

Dei Giornali diffido. Di pochi giornalisti no. Noto pero' che parlano molto di sciacallaggio. Il nord e' un paese civile anche se ora insozzato dall''immigrazione di gente di poca cultura e religione ostile di conquista. Nei nostri paesi del nord di sciacalli non mi sento di immaginarmeli. Credo che l'esercito serva moderatamente, ma che si possano formare pattuglie di abitanti armati di manganello per far in modo di frollare velocemente la selvaggina . Non credo ad ogni modo che ce ne siano molti e i pochi si possono riconoscere dall'abbronzatura e dalla lingua

umberto schenato

Sab, 02/06/2012 - 20:35

La foto e' del prefetto ???? complimenti lo avevo preso per De Gaulle

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 03/06/2012 - 11:31

Mi risulta che negli U.S.A per lo sciacallaggio venga usato un vecchio, ma sempre attuale, rimedio:piombo.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 03/06/2012 - 11:31

Mi risulta che negli U.S.A per lo sciacallaggio venga usato un vecchio, ma sempre attuale, rimedio:piombo.

giosafat

Dom, 03/06/2012 - 22:30

Stiamo valutando, vedremo, soppeseremo, rifletteremo, faremo un secondo giro...poi, forse, decideremo. Contro gli sciacalli dovrebbe già essere schierato l'esercito (la polizia, impegnata nelle scorte ai vip, da sola non basta) con lordine, nella zona dichiarata presidio militare, di sparare a vista e a iosa. Stiamo valutando....