"Ecco perché quel teschio è di Ylenia"

Il detective che segue il caso: "Mi aspetto di avere una risposta dalla scientifica già la settimana prossima"

Quel teschio ritrovato negli Stati Uniti potrebbe essere davverò di Ylenia Carrisi. Lo ha ribadito il detective Dennis Halley che sta indagando sul caso a Pomeriggio Cinque:

"Siamo propensi a credere che i resti trovati siano di Ylenia. La donna, alla sua morte, poteva avere tra i 25 e 30 anni", ha detto l'esperto di casi irrisolti, "Mi aspetto di avere una risposta dalla scientifica già la settimana prossima. Ma tante cose fanno pensare già ora che quelli ritrovati possano essere i resti di Ylenia".

Gli elementi chiave, in particolare, sarebbero la forma del cranio e i denti, così come le testimonianze dell'omicida che sostiene di aver ucciso una ragazza che si faceva chiamare Suzanne, proprio il nome scelto da Ylenia per il suo viaggio in Usa. Solo le analisi del Dna, già prelevato a tutta la famiglia di Al Bano e Romina Power, permetterà di sciogliere il giallo.