Ecco "scuole sicure". ​Salvini: "Basta droga"

Il ministro Salvini lancia l'operazione "scuole sicure" per garantire maggiore sicurezza davanti agli istituti scolastici e combattere lo spaccio di droga

Matteo Salvini lancia l'operazione "scuole sicure". Il ministro degli Interni ha annunciato un piano per garantire la sicurezza negli istituti scolastici su tutti i fronti. L'attenzione maggiore da parte del ministro è sui rischi legati allo spaccio davanti alle scuole. E così spiega qual è la sua strategia per fermare una piaga che preoccupa i ragazzi e soprattutto i genitori: "La droga è una emergenza nazionale, sono pronto a convocare i rappresentanti delle comunità e di tutti i soggetti interessati. Chi pensa che la droga non sia un problema sbaglia di grosso, soprattutto nei dintorni delle scuole. I venditori di morte vanno colpiti e contrastati duramente". Poi il titolare del Viminale ha sottolineato l'impiego di risorse su questo tema che verranno destinate a diversi amministratori locali: "Confermiamo l’impegno concreto a favore degli amministratori locali - continua il ministro - rafforzando un’iniziativa che abbiamo inaugurato un anno fa, dedicando risorse specifiche per contrastare gli spacciatori vicino alle scuole. Siamo sempre più attenti alle esigenze del territorio. Con il decreto sicurezza abbiamo dato più poteri e fondi ai sindaci, abbiamo iniziato a rafforzare tutte le questure d’Italia e abbiamo dato risorse aggiuntive per la videosorveglianza dei Comuni, per la Province, per i paesi sotto i 20 mila abitanti. E oggi continuiamo in questa direzione. Dalle parole ai fatti".

Le cifre e le risorse

Ed è lo stesso ministero a spiegare quali sono le cifre destinate agli enti locali: 100 i comuni interessati per 18 regioni, 4,2 milioni di euro le risorse messe a disposizione. I comuni interessati dovranno presentare la richiesta di finanziamento alla Prefettura entro il prossimo 31 maggio. Il contributo potrà essere destinato nel prossimo anno scolastico alla realizzazione di sistemi di videosorveglianza, all’assunzione a tempo determinato di agenti di Polizia locale, al pagamento delle prestazioni di lavoro straordinario del personale della Polizia locale, all’acquisto di mezzi ed attrezzature e alla promozione di campagne informative volte alla prevenzione e al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti.

Commenti

COSIMODEBARI

Sab, 20/04/2019 - 13:42

Altro che Di Maio, Bonafede, Fico e fichi d'india vari

diesonne

Sab, 20/04/2019 - 13:58

diesonne la droga economica passa di mano in mano come bloccarla?

maurizio-macold

Sab, 20/04/2019 - 15:14

Un'altra solenne buffonata del capitano celtico-padano. Quanti voti gli fruttera' ? Non lo so, ma certamente non servira' a fermare lo spaccio & consumo di droga nelle scuole.

ziobeppe1951

Sab, 20/04/2019 - 18:46

MACOLD.....ciao amigo....sei come la gramigna..attecchisci ovunque..possibile che non ti va mai bene niente di ciò che fa il Capitano?..per te va bene che spaccio e consumo di droga continui liberamente in prossimità delle scuole come da sempre è stato tollerato da voi komunisti?..guardati allo specchio e datti del buffone

lorenzovan

Dom, 21/04/2019 - 00:48

t0ntolon beppe...e da quando coi proclami si riescono a fermare attivita' illegali lucrose ??perche'..il capitone..piu' che prolami in questi casi non fa..e sempre ..´tutto nell'ottica delle elezioni..ma i beoti ci cascano sempre nrel sale di wanna marchi...lolololol...