Emilia, ecco l'ultima beffa: la casa si deve demolire?A pagare sono i terremotati

Ecco l’effetto del decreto varato dal governo appena 5 giorni prima del sisma. E gli sfollati si vedono arrivare conti da 50mila euro. I sindaci: "È assurdo"

Modena - Oltre al danno, la beffa. È quanto sta succedendo alle decine di proprietari di abitazioni crollate, che si sono visti recapitare il conto della demolizione delle loro case pericolanti. È il primo effetto riscontrabile del decreto del governo del 15 maggio, appena cinque giorni prima del terremoto che ha sconvolto l’Emilia. Nel testo, non ancora divenuto legge dello Stato, inerente le «Disposizioni urgenti per il riordino della protezione civile» si fa riferimento ad assicurazioni a carico dei privati per la copertura dei rischi derivanti dalle calamità naturali. In pratica i cittadini di Cavezzo, Mirandola, Finale Emilia e di tutti gli altri Comuni della Bassa emiliana che hanno avuto lesioni nelle loro abitazioni, avrebbero avuto cinque giorni di tempo, teoricamente, per stipulare delle polizze in grado di coprire non solo il risarcimento ma anche le spese come le demolizioni. Oggettivamente impossibile. Va detto però che il governo si era affrettato a riconoscere la non applicabilità del decreto per le zone terremotate. Ma la beffa si è puntualmente concretizzata quando molti sfollati, che hanno iniziato in questi giorni ad abbattere le loro abitazioni, hanno ricevuto i primi conti delle ruspe: «Conti anche fino ai 50mila euro», denunciano i sindaci.

Il primi cittadini più esposti su questo fronte, quelli di Medolla e di Cavezzo, non hanno esitato a denunciarlo ai giornali come ha fatto Stefano Draghetti nei giorni scorsi dalle colonne del quotidiano Modena Qui e come ha ribadito ieri anche al Giornale: «È assurdo che un cittadino che ha perso tutto debba farsi anche carico delle demolizioni per un evento che non ha creato lui», spiega il sindaco di Cavezzo. Draghetti ha parlato di «una decisione politicamente sbagliata che non fa altro che accrescere la distanza tra il cittadino svantaggiato e la politica». Ma c’è di più: Draghetti ha specificato che il privato sarebbe costretto nella migliore delle ipotesi «ad anticipare il pagamento di ruspe e martelli pneumatici, nella peggiore a sostenere in toto, una spesa ingiusta che graverebbe sulle spalle di chi ha perso tutto».

Vero è che, tra le pieghe del decreto, è previsto che i cittadini vengano rimborsati quando, e se, arriverà il contributo per la ricostruzione. «Ma con i tempi con cui paga la pubblica amministrazione non è una consolazione», è il tenore del dibattito. Ecco perché in queste ore i sindaci hanno delegato i tecnici a studiare il decreto che al momento è fumoso ben sapendo, come ha detto ieri il sindaco di Mirandola Maino Benatti che «se il pubblico dovesse accollarsi anche questi oneri, finiremmo tra cinque anni solo la fase d’emergenza». Tanto più che di spese a carico dei privati non si fa cenno nella normativa ad hoc successiva al sisma in Emilia, il decreto legge 74 del 2012 del 6 giugno. Nel frattempo a Cavezzo, Draghetti ha già annunciato che «i cittadini per ora non hanno pagato e si spera che non pagheranno». Molto dipenderà anche dall’interpretazione del dispositivo, ma molto dipende anche dalla tipologia d’intervento.

Se la casa si affacciasse su suolo pubblico, ad esempio, e un suo eventuale crollo dovesse mettere a rischio l’incolumità del cittadini, allora toccherebbe al comune provvedere all’abbattimento.

La cosa è approdata in Regione con un’interpellanza del movimento Cinque Stelle per chiedere ad Errani di «farsi carico delle spese di demolizione degli edifici inagibili, sia per fabbricati pubblici che privati, anche attraverso risorse dello Stato», mentre dalla Provincia di Modena cercano di prendere tempo «perché la normativa è ancora in fase di studio». E su questo fanno leva gli amministratori confortati dalla disponibilità del ministro dello sviluppo economico Corrado Passera, che, ieri in visita a Finale Emilia, ha aperto a possibili modifiche del decreto. Quel che è certo è che il conto del demolitore è già pronto e qualcuno dovrà pur pagarlo. Indovinate chi?

Commenti

grim(ilda)

Mer, 13/06/2012 - 09:11

Le pagliacciate delle carriolate valevano solo per berlusca ? Non sono più di moda ?

blackbird

Mer, 13/06/2012 - 09:36

Un altro errore/orrore dei "Professori"? Ma vadano ....! (Tutti quanti, non se ne salva uno che sia uno!)

cabass

Mer, 13/06/2012 - 10:30

Secessione subito!

Ruy Diaz

Mer, 13/06/2012 - 10:39

Ma il Presidente Napoletano lo sapeva, quando parlava, parlava, parlava, ben 18 giorni dopo il dramma?

Leo.1050

Mer, 13/06/2012 - 11:16

Visto che bravo il professore ed i suoi accoliti? E dobbiamo ringraziare sempre chi ce lo ha messo tra i piedi usando prepotentemente il potere che si è preso! NON ANDATE PIU' A VOTARE!!!!!!

Ritratto di venividi

venividi

Mer, 13/06/2012 - 11:24

Non è che oltre la Regione che è stata zitta anche il governo abbia ricevuto quel rapporto sul rischio terremoto e senza dire nulla alla popolazione si è messo in sicurezza emettendo questo decreto ?

laura

Mer, 13/06/2012 - 11:29

Secondo me bisogna fare attenzione a quello che si dice o si scrive. Sono crollate anche delle catapecchie ed hanno subito danni case vecchie, mai ristrutturate o con cattiva manutenzione. Se dietro un crollo o un danno c'e' incuria, non vedo perché' dovrebbe pagare il solito Pantalone. Ad ogni terremoto, purtroppo c'e' gente che ci marcia e chi si fa la casa nuova coi soldi del contribuente. Bisogna distinguere caso per caso, non dare soldi a pioggia o comunque fare d'ogni erba un fascio. In un paese della bassa, in una via del centro storico, l'unico immobile ad aver subito danni aveva le travi marce. Gli altri fabbricati non hanno subito danni. Secondo voi, chi dovrebbe pagare i lavori di messa insicurezza e ristrutturazione? Da notare che avrebbe potuto anche provocare danni alle persone o ad altre case.

moggista percaso

Mer, 13/06/2012 - 11:33

noi terremotati vogliamo che i tre presidenti delle regioni coinvolte nel sisma - emilia lombardia veneto- pretendano dal governo centrale la creazione di una zona franca comprendente i territori coinvolti: con la guida dei nostri sindaci e dei nostri imprenditori, con i nostri sacrifici e il nostro lavoro riusciremo a farcela, alla faccia della feccia incapace e chiacchierona che sta a roma e che ci ha già volutamente abbandonato

aldogam

Mer, 13/06/2012 - 12:03

Polizza antisisma obbligatoria, come la RCA, ovvero come far confluire un mare di soldi alle compagnie di assicurazione e quindi alle banche, che direttamente o indirettamente le partecipano o controllano. Questo il vero motivo della legge partorita in gran fretta dal governo dei banchieri. Ma il terremoto è arrivato troppo presto...

claudiocodecasa

Mer, 13/06/2012 - 12:10

bravo moggista...è propio feccia quella che stà a roma, da tanti anni, molte parole nessun fatto, sono buoni solo a prendere

cgf

Mer, 13/06/2012 - 12:43

come far tornare quell'area a 60 anni fa, le aziende certamente se ne andranno, anche i privati, chi mai vorrà restare li?

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mer, 13/06/2012 - 13:01

boh. io ci starei più volentieri a dar fondi a un terremotato che a uno zingaro, un beduino che fa l'avvicinamento e chiede l'assegno sociale, un senzapatria che viene da clandestino. toglierei ogni euro dalle pappe dei cani e pure ai moscerini protetti e obbligherei gli accattoni di professione a girare i soldi delle loro pubblicità in un fondo per la costruzione. inoltre dico che non pagherei mai un servizio che non ho richiesto anzi, chiederei conto al demolitore delle sue azioni e a chi ha ritenuto opportuno abbattere casa mia. ora uno non può più possedere un rudere? io ne uno accanto a casa posseduto da una banca, ci campano i gatti, il tetto crolla e mi sta facendo danni ai muri...ovvio che all'asta mi invitano mai visto che vogliono speculare sull'intero lotto e cercano di farsi fare strade sul terreno degli altri ma va beh, è altra roba... fatto sta che ogni volta che ci si mette lo stato uno paga minimo 2 volte.

cgf

Mer, 13/06/2012 - 13:27

btw prima hanno aumentato la benzina per il fondo calamità naturali e poi... sembra una Bersanata e non mi meraviglia che "supermario" si faccia imbeccare dal filosofo e l'altro pro-fesso, magari in seduta spiritica con Padoa.

petra

Mer, 13/06/2012 - 13:57

Ho sentito stamattina un sindaco in Emilia disperato perchè la protezione civile gli nega di fornire dei bagni chimici ai terremotati del suo comune, accampati qua e là con le proprie tende, non essendoci stato piu' posto nelle tendopoli, con la motivazione che questi vengono forniti solo alle tendopoli "ufficiali". Ma io mi chiedo, con quei 5 milioni di euro che la pc ha racimolato con le nostre offerte via SMS, possibile che non ce la faccia a comprare un po' di questi benedetti bagni chimici, e darli a queste persone permettendo loro di farsi una doccia!?

bobsg

Mer, 13/06/2012 - 14:20

monti cacasotto coi potenti, leone coi poveracci. Ma stai attento che quando il popolo si incazza veramente...

elpilagro

Mer, 13/06/2012 - 14:37

Questo è lo stato!! E hanno pure il coraggio di chiedere tasse???? Italiani svegliatevi bisogna cominciare a sparare!!! Monti e il Napoletano che sono venuti qui a fare passerella!! Contro un muro di schiena fucilati per alto tradimento

piantagrassa

Mer, 13/06/2012 - 15:26

X Petra, sa che mi sono fatta anch'io la stessa domanda? I fondi raccolti finora dal TG5/Resto del Carlino che fino hanno fatto? Chi sta gestendo la cosa? Con che criterio andranno spesi? Perchè non si acquistano i prodotti che necessitano adesso ai terremotati? Perchè non c'è più trasparenza? Al TG5 comunicano solo la cifra a cui sono arrivati e basta, non mi sembra giusto............è giusto sapere come, dove e quando verranno usati questi fondi. Chiedo troppo?????????????

Ritratto di mocnarf

mocnarf

Mer, 13/06/2012 - 15:32

E' proprio vero, da queste parti non c'è un sindaco dal nome Cialente (mi pare) con le sue carriole. Facciamo una colletta e le mandiamo noi le carriole?

Ritratto di unLuca

unLuca

Mer, 13/06/2012 - 15:34

Senza parole, letteralmente ................

Marcello58

Mer, 13/06/2012 - 15:43

un po' di chiarezza per coloro che si chiedono, giustamente, che fine abbiano fatto i fondi raccolti con gli SMS: Sappiate che le compagnie telefoniche che hanno raccolto i vostri SMS tratterranno le somme per due mesi, e poi inizieranno ad erogare i fondi raccolti. Perché due mesi? Lo hanno spiegato dicendo che siccome loro ricevono i soldi dai clienti con il bimestre, devono attendere che le fatture vengano pagate, per poi girare i soldi.... Ma quanti di voi hanno il telefonino con contratto? E quanti di voi invece usano le 'ricariche'. Ma le ricariche sono pagamenti anticipati, quindi i soldi li hanno già da prima. Ma si sa, mentire per guadagnare è molto facile per chi ha privilegi! Sveglia gente ! E' ora di prendere coscienza che siamo triturati da una democrazia marcia fin nel midollo, ed è ora di iniziare a PRETENDERE che lo Stato funzioni, e che ridia la libertà che ormai non c'è più ! Siamo schiavi fiscali, sudditi repressi, contribuenti vessati, ed in balia dei 'mercati'!

Marco Giuliani

Mer, 13/06/2012 - 15:44

Si parla tanto di libero mercato, di liberismo spinto ed ecco il risultato: trema la terra e chi patisce un danno di natura se lo deve pagare. Forse sarebbe il caso di ripensare al contratto sociale tra cittadini e Stato.

Cinghiale

Mer, 13/06/2012 - 15:48

In parlamento solo manigoldi, infingardi, mascalzoni, ladri, bugiardi, inetti, incapaci, fetenti, voltagabbana, ipocriti e incoerenti. Sarebbero da sfidare in singolar tenzone e affettare di spada.

cgf

Mer, 13/06/2012 - 15:53

Ieri sono capitato in un agriturismo vicino Sestola, appennino modenese... vi erano ospiti alcune famiglie rimaste senza casa. Ora non voglio essere razzista, ma erano famiglie giovani, non pensionati con acciacchi, gente "produttiva", che significato ha dargli il pesce da mangiare invece che insegnargli a pescare? anche io mi sono domandato che fine stanno facendo i fondi della protezione civile, sia 45550 che la tassa che è stata introdotta sulla benzina proprio per far fronte alle calamità naturali..... come tutta risposta che ha perso più di altri, deve pagare anche di più. come si dice dalle parti di Mirandola. there's something that touches.

Cinghiale

Mer, 13/06/2012 - 16:02

#18 mocnarf - Commentando un'articolo passato dissi che qui da noi di "carriolate", non se ne sarebbero fatte, perchè non siamo abituati a far ridere sulle cose serie. Sono stato insultato in tutte le lingue (da gente di sx suppongo). Non spenda soldi inutilmente.

eovero

Mer, 13/06/2012 - 15:59

forse è la volta buona che ci si divide, con i soldi del nord ricostruiamo, ma poi restiamo divisi per sempre (emilia romagna fa parte del nord)

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mer, 13/06/2012 - 16:00

Queste, porcherie Berlusconi non le ha mai fatte!, lui ha stanziato piu di 10 Miliardi di Euro per i terremotati degli Abruzzi e fatte la case in 7 mesi, con il governo Monti la case non si faranno neppure in 7 anni, la protezione e stata privata dei fondi per un pronto soccorso, e quello che era un fiore all,occhiello Dell,Italia grazia alla SX e diventata una vergogna italiana! Berlusconi, all,indomani del terremoto in abruzzo subito si é recato lí con gli occhi pieni di lacrime ha promesso la ricostruzione che ha mantenuto, monti invece é stato in emilia con gli occhi asciutti e senza fondi, anzi lui ha subito aumentato le accise sulle benzina, questo e quello che napolitano ha fatto all,italia e agli italiani, e adesso nessuno del PD, nel parlamento dice nulla su queste porcherie, le carriole di Cialente sono finite oppure sono tutte scassate?!. QUESTO E IL PCI! CHE AIUTA L;EMILIA- ROMAGNA! AVANTI POPOLO! E VEDETE QUANTO VALE IL PARTITO CHE AVETE VOTATO PER 60 ANNI! VIVA BERSANI!

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mer, 13/06/2012 - 16:00

Le raccolte servono solo ad ingrassare i burocrati, scordatevi che arrivino a destinazione creduloni. Con tutti i soldi che hanno preso per l'Aquila, e secondo me tantissimi, si sarebbe ricostruita l'intera città con rifiniture d'oro. Se io dono 2€, tutti i 2€ devono andare per la ricostruzione, non solo 0,1€. Tutti a far gara di solidarietà, ma poi nessuno dice quanti e dove finiranno.

bruna.amorosi

Mer, 13/06/2012 - 16:37

piantagrassa perchè vi impicciate di sapere dove finiscono i soldi di canale 5 o corsera invece non vi preoccupate di chiedere i soldi alle COOP ? li sono tutti di sinistra e allora non ci si aiuta tra kompagni ? Già ma a voi tutto è dovuto i voti li danno ai vari PENATI .però poi chi fà carità e cerca di aiutare deve anche rendergli conto agli elettori kompagni mica a quei poveri cristi che se vorranno vivere dovranno ricominciare da capo si ma.senza i soldi dei kompagni

Cinghiale

Mer, 13/06/2012 - 16:49

#23 eovero - Non vorrei svegliarla proprio io ma non crederà che l'Emilia si attaccherebbe al nord vero? E' troppo spostata a sx!!

Antenato

Mer, 13/06/2012 - 16:59

Per fortuna, esiste ancora un buon numero di maschi italiani doc, che recitando il famoso scongiuro "terque quaterque” riusciranno a salvare la Patria.

Ritratto di romy

romy

Mer, 13/06/2012 - 16:59

#26 Pasquale Esposito hai scritto bene....,sono per ingiustizia di parte non siamo ancora arrivati alle grida generali del "Ridateci Berlusconi, meglio prima di adesso"ma ci siamo molto vicini,ed intanto le comiche continuano,ma dove sono finiti quelli che prima sparavano in continuazione sul governo Berlusconi?anche sulle intenzioni,mai avute da parte del governo,di fare una qualunque cosa ritenuta sconcia?Dove si sono rintanati,mi chiedo da mesi,troppo silenzio in giro,ma come e perchè?mi chiedo?,le avesse fatte Berlusconi certe cose,sarebbe venuto giù il cielo,ma che dico? anche solo a pensarle ci sarebbe stato il casino generale.

Ritratto di tppgnn

tppgnn

Mer, 13/06/2012 - 17:36

E sui conti che incredibilmente dovrà pagare il povero senzatetto lo stato padrone incasserà pure la sua grassa percentuale di imposte...PORCI

Imbry

Mer, 13/06/2012 - 17:31

Seppur vivo in una zona terremotata non ho inviato alcun sms in quanto non so che fine fanno quei soldi. La mia beneficenza l'ho fatta comprando del Parmigiano Reggiano nei caseifici distrutti e andando da chi sta peggio di me ad aiutare in ogni modo possibile ed immaginabile. Spiacente, ma dopo gli sciempi visti con la guerra in ex Jugoslavia dove l'esercito albanese vendeva gli aiuti umanitari alle popolazioni colpite, non verso una singola lira in azioni di beneficenza.

Tito

Mer, 13/06/2012 - 17:49

Governo di Pagliacci incompetenti. ho provato a chiedere al mio assicuratore, e non di una compagnia piccola, ma della Cattolica, come estendere l'assicurazione della casa con i danni da terremoto. sapete cosa mi ha risposto: prima che ci stavano pensando, poi mi ha scritto una mail in cui diceva che non sarebbe stato introdotto questo rischio. e' vero anche che l'assicuratore mi aveva detto esplicitamente che in caso di catastrofe le assicurazioni sarebbero fallite e che quindi oltre al danno avremmo avuto la beffa. cari Pagliacci fateci sapere quale compagnia copra i rischi da terremoto e non a 1000 euro l'anno, e sopraattutto chi ci garantisce che poi le assicurazioni paghino?

Ritratto di Ennaz

Ennaz

Mer, 13/06/2012 - 18:29

E si,cari Emiliani!! Mica son tutti fessi come Berlusconi!! Ora cominciate a pagarvela voi la ricostruzione!!

guidode.zolt

Mer, 13/06/2012 - 18:26

..ma perche' non vengono usati personale e mezzi militari..?

Ritratto di Ennaz

Ennaz

Mer, 13/06/2012 - 18:29

E si,cari Emiliani!! Mica son tutti fessi come Berlusconi!! Ora cominciate a pagarvela voi la ricostruzione!!

guidode.zolt

Mer, 13/06/2012 - 18:26

..ma perche' non vengono usati personale e mezzi militari..?

Franco-a-Trier

Ven, 15/06/2012 - 09:57

Non si paga e tutto e' apposto.

Franco-a-Trier

Ven, 15/06/2012 - 09:58

E' in grado lo Stato di darmi il lavoro? no e allora diritti e doveri io non pagherei.