Equitalia, dal 1 luglio prelievo diretto dal conto corrente per le cartelle non pagate

Dal 1 luglio Equitalia confluirà nell'Agenzia delle Entrate e avrà accesso alle banche dati in possesso del Fisco per pignorare i conti corrente dei consumatori per le cartelle non pagate

Dal 1° luglio il Fisco potrà mettere le mani direttamente nei conti di contribuenti e imprese per recuperare le somme necessarie a coprire tutte le cartelle non pagate senza bisogno di autorizzazione da parte di un giudice.

Tutto merito della "sopressione" di Equitalia, voluta da Matteo Renzi, che però non scomparirà del tutto, ma confluirà nell'Agenzia delle Entrate. Quest'ultima, quindi, tra qualche settimana diventerà anche riscossore: Un riscossore che, diversamente da prima, ora avrà anche accesso alle varie banche dati in possesso del Fisco. Mentre prima Equitalia poteva solo ricevere informazioni sul numero di conti correnti intestati al contribuente, dal 1 luglio potrà vedere anche le somme contenute nei conti correnti.

L’accesso alle banche dati, che finora era garantito soltanto all'Agenzia delle Entrate, accelererà tutta la procedura di riscossione. La "nuova" Equitalia potrà pignorare direttamente i conti correnti per tutte le cartelle non pagate: multe, ma anche contributi Inps, bolli auto e le tante tasse da versare.

Anche se non occorre il via libera giudiziario, il recupero coattivo non sarà immediato e automatico: prima di tutto il contribuente riceverà avvisi e solleciti di pagamento, poi avrà 60 giorni di tempo per mettersi in regola o versando subito l'intero importo, o chiedendo di rateizzarlo oppure facendo ricorso. Solo trascorsi i 60 giorni senza che venga intrapresa una di queste azioni, Equitalia potrà passare al pignoramento del conto corrente.

La novità ha suscitato accese polemiche sia da parte di associazioni di consumatori che di vari esponenti della politica, come Giorgia Meloni e Beppe Grillo. I commenti del leader del Movimento Cinque Stelle avevano provocato la replica piccata di Matteo Renzi: un botta e risposta al vetriolo in cui nessuno dei due ha risparmiato i colpi.

La stessa società di riscossione ci ha tenuto a precisare che "La norma sui pignoramenti senza ricorso al giudice è in vigore già dal 2005" e che comunque il pignoramento viene usato come ultima ratio. Che cosa cambia allora? La novità non consiste nella possibilità di pignoramento del conto corrente senza passare dall'autorità giudiziaria da parte di Equitalia, ma nella maggiore quantità di informazioni sui consumatori a cui il riscossore potrà accedere e che prima, invece, era riservata solo all'Agenzia delle Entrate.

Un cambiamento che preoccupa non poco le associazioni di consumatori, che sono sul piede di guerra. "Siamo soltanto di fronte a un netto peggioramento delle garanzie dei contribuenti di fronte ai Dracula del Fisco", ha commentato Elio Lannutti, presidente dell'Adusbef (Associazione Difesa Utenti Servizi Bancari, Finanziari, Assicurativi).

L'agenzia di riscossione prova a rassicurare i contribuenti: grazie all’integrazione tra Equitalia e Agenzia delle Entrate, i pignoramenti saranno "mirati" e limitati al minimo. Quindi nel caso di più conti correnti, il Fisco punterà solo a quello che consente di soddisfare gli importi contestati.

Commenti

bimbo

Mar, 06/06/2017 - 14:35

Riusciranno a prendere i soldi dai conti correnti dai malaffari, corruttori e politici ladri ? Non credo, accederanno ai conti dei soliti poveri e sfigati che ancora ci credono e hanno ancora la forza di lavorare.

Kosimo

Mar, 06/06/2017 - 14:52

Bisogna assolutamente abbattere il regime. Basta col doppiopesismo, Io non riesco a recuperare sui 1O mila euro dal 2008 a causa di un errore nell'ultima busta paga

giovinap

Mar, 06/06/2017 - 15:04

-io penso che non si puo andare oltre e bisogna mettersi in "movimento"

ILpiciul

Mar, 06/06/2017 - 15:12

Dovrebbero accreditare soldi ai cittadini invece di prelevarli, ciò a parziale risarcimento della vergognosa, folle, iniqua tassazione imposta alla gente.

Ritratto di Flex

Flex

Mar, 06/06/2017 - 15:26

Va bene se la cosa è "reversibile" ovvero se i Cittadini, a loro volta, potranno fare altrettanto nei confronti della P.A. che non paga o paga fuori dai termini.Un Cittadino potrebbe richiedere direttamente o attraverso un "CAF" all'agenzia delle Entrate l'immediato saldo ovvero il prelievo forzoso presso il Ministero. Se così non fosse è solo arroganza e prepotenza dovota dalla posizione dominante. Niente di democratico.

agosvac

Mar, 06/06/2017 - 15:37

Il primo è stato il sorcetto, oggi ci sono anche altri, tutti sono solo delinquenti autorizzati dallo Stato. Mi sorge il sospetto che il vero delinquente sia proprio lo Stato o meglio il Governo che crede di essere lo Stato.

mezzalunapiena

Mar, 06/06/2017 - 15:48

come in tutte la cose ci sono gli originali e copy watch la nostra democrazia assomiglia molto a una brutta copia

routier

Mar, 06/06/2017 - 16:01

Il rimedio e' facile: estinguere il conto corrente.

Ritratto di nando49

nando49

Mar, 06/06/2017 - 16:30

Dopo la legge che permette alle banche fallite di prelevare soldi dai c\c anche chi riscuote le tasse, se la prende con il nostro c\c che ormai non è più nostro. Le leggi le fanno sempre male, mi spiego: se un funzionario di Equitalia commette un errore e mi "sequestra il c\c mettendomi in seria difficoltà, cosa succede? Direi nulla. Sono sempre cavoli miei. Invece la legge dovrebbe dire che se un funzionario "sbaglia" e mette in seria difficoltà un cittadino, questo funzionario va a fare un altro lavoro, magari nei campi da coltivare. Ma la "politica" dei cittadini onesti se ne frega!

gbgiangi

Mar, 06/06/2017 - 16:32

E per tutti i miliardi di euro che noi avanziamo dallo stato???? ci sarà la possibilità di prelevarli direttamente dai conti di Renzi Boschi e Kompagni????? Noi pagare loro MAIIIIIIIIIIIIII che paese di M:::::

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Mar, 06/06/2017 - 16:36

Cucù, equitalia non c'è più? Settete, è peggio di prima! Prevedo grossi affari per i materassai: ormai (visto anche gli interessi creditori riconosciuti dalle banche) l'unico posto sicuro per i soldi è il materasso!

vinvince

Mar, 06/06/2017 - 16:41

Continuate a votare a sinistra ... mi raccomando !!!

jaguar

Mar, 06/06/2017 - 16:47

E quando lo stato ha un debito che non riesce o non vuole onorare con i cittadini o con le imprese, cosa gli si può pignorare?

biricc

Mar, 06/06/2017 - 18:07

Fra un attentato terroristico e l'altro, mentre il popolo bue viene distratto da gravi fatti di sangue dei quali sono corresponsabili i nostri governanti buonisti a cottimo, ecco che la stessa casta pensa bene che la distrazione vada premiata mettendoci tutti a 90°.

Ernestinho

Mar, 06/06/2017 - 19:52

Ma "strozzitalia" non doveva sparire?

Ernestinho

Mar, 06/06/2017 - 19:53

Di male in peggio! Non c'è mai limite in Italia!

Anonimo (non verificato)

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 06/06/2017 - 20:06

Ma il bullo non aveva abolito equitaglia? Pesce d'aprile......ennesima balla

peter46

Mar, 06/06/2017 - 20:15

vinvince....eccone un altro uscito dal recinto senza 'test ....'. Ma a te risulta che ai tempi del Befera pensiero con delega tremontian-berlusconiana,non si è mai pagato,non si è mai 'sloggiato',e messi per strada con i 'criaturi' anche,dagli appartamenti per imposizione bancaria o di equitalia?Solo all'arrivo della sx è accaduto tutto ciò?Per tua norma e regola con ALFANO,e piccola partecipazione del Capezzone,durante il governo Monti...le prime case non si son potute più 'toccare' fino al valore di 200.000 eur(i),e se 'possibilitati',dal 'tutti maledetti e subito' di tremontian-berlusconian imposizione per 'invidia' del modello sxtro-visco,si è potuti arrivare a dilazioni per 72 rate.NB:Il condono recente,che a te piaccia o meno,ma che tantissimo è piaciuto a coloro,bipartizan,che son riusciti a prendere un pò d'ossigeno,non l'ha fatto berlù o il cdx,ma renzino e il 'suo' csx...e il resto rimane come prima.

Morfeus_Veneto

Mar, 06/06/2017 - 21:42

Carissmi, ecco la procedura di difesa. Aprire un conto paypal personale o aziendale. Il deposito Paypal è giacente a New York, quindi non visibile per l'Agenzia delle Entrate. Di fatto il conto non è quindi pignorabile se non con una molto complessa attività legale. Circa il necessario conto italiano di appoggio, il suggerimento è quello di chiedere un affidamento limitato garantito dal deposito monetario di un terzo (collaterale). In questo caso il pignoramento del conto è infuttuoso purchè si abbia cura di mantenere il conto con saldo passivo (anche se di poco) inviando la disponibilità su Paypal mano a mano che si genera la provvista. Su paypal potete ricevere pagamenti diretti purchè il soggetto che deve bonificare la somma sia a sua volta registrato su paypal. Oppure, i più sofisticati, possono accendere un conto al Banco do Brasil a Milano in quanto l'IBAN corrispondente è brasiliano. Quando avete dubbi consultate un professionista qualificato, prego.

Ermanno1

Mar, 06/06/2017 - 22:35

EQUITALIA È LA NUOVA EQUITALIA FANNO PARTE DELLE BELLE RIFORME DETTATE DAI POTERI FORTI ESEGUITA DAL GOVERNO RENZI... DITTATURA FISCALE IMPIATTATA A DOVERE!! C'ERA UNA VOLTA L'ITALIA!!!

nerinaneri

Mer, 07/06/2017 - 08:29

...ovviamente, le tasse le pagano solo i fessi...

Stefanofondazione

Sab, 29/07/2017 - 18:24

Da Equitalia a Agenzia Entrate la situazione peggiora per il contribuente per due motivi: 1)Dal 2016 le notifiche hanno un potere maggiore(un titolo esecutivo)che Equitalia non aveva,quindi se avete cartelle ricevute in precedenza piuttosto un fermi le ipoteche i pignoramenti spesso sono nulli 2)Il Governo ed altre Agenzie di Riscossione hanno accesso a tutte le banche dati dell'Agenzia delle Entrate anche se dallo statuto non potrebbero,quindi usufruire di tutte le informazioni sul cittadino Mentre se vantiamo noi un credito verso la pubblica amministrazione prima di averli passano anni e senza interessi Ad oggi con le nuove cartelle iscritte al ruolo la prescrizione è dieci anni Per quelle antecedenti il 2016 se non c'è quel titolo esecutivo la prescrizione INPS per esempio rimane cinque anni,bolli auto tre anni,camera di commercio si discute a tre anni perchè è un canone come il bollo Sono Stefano lavoro in una fondazione antiusura chiamatemi per avere dei consigli utili Stefano cell 3295688805 e-mail cfabbrici103@libero.it

Stefanofondazione

Sab, 29/07/2017 - 18:25

Da Equitalia a Agenzia Entrate la situazione peggiora per il contribuente per due motivi: 1)Dal 2016 le notifiche hanno un potere maggiore(un titolo esecutivo)che Equitalia non aveva,quindi se avete cartelle ricevute in precedenza piuttosto un fermi le ipoteche i pignoramenti spesso sono nulli 2)Il Governo ed altre Agenzie di Riscossione hanno accesso a tutte le banche dati dell'Agenzia delle Entrate anche se dallo statuto non potrebbero,quindi usufruire di tutte le informazioni sul cittadino Mentre se vantiamo noi un credito verso la pubblica amministrazione prima di averli passano anni e senza interessi Ad oggi con le nuove cartelle iscritte al ruolo la prescrizione è dieci anni Per quelle antecedenti il 2016 se non c'è quel titolo esecutivo la prescrizione INPS per esempio rimane cinque anni,bolli auto tre anni,camera di commercio si discute a tre anni perchè è un canone come il bollo Sono Stefano lavoro in una fondazione antiusura chiamatemi per avere dei consigli utili Stefano cell 3295688805 e-mail cfabbrici103@libero.it