Esami di Maturità, Italia spaccata a metà. Al Sud boom di lodi

Cresce la percentuale dei promossi con una votazione superiore a 70/100. I diplomat con 100 o 100 e lode sono stati 6.004. La maggior parte in Puglia, poi Campania e Lazio

Come ogni anno si tracciano i bilanci dell'esame di Maturità, che rappresenta un punto di svolta per centinaia di migliaia di ragazzi. Le rilevazioni effettuate dal ministero dell'Istruzione evidenziano un aumentano, sia pure lieve, di diplomati con il massimo dei voti (100 e 100 e lode). Cresce la percentuale dei promossi con una votazione superiore a 70/100: sono il 64,4% rispetto al 62,5% dello scorso anno. Quest'anno all'esame è stato ammesso il 96% dei candidati scrutinati. Nel 2017 gli ammessi erano stati il 96,2%. Il 99,6% dei maturandi è stato promosso, contro il 99,5% di un anno fa. Lieve aumento per le lodi: sono l'1,3%, un anno fa erano l'1,2%. I diplomati con 100 salgono al 5,7%, rispetto al 5,3% dell'anno scorso.

Le ragazze e i ragazzi con un voto fra 91 e 99 sono il 9%, nel 2017 erano all'8,5%. Il 19,6% delle studentesse e degli studenti ha conseguito una votazione tra 81 e 90, rispetto al 18,9%
dello scorso anno. In leggero aumento i 71-80: salgono al 28,8% dal 28,6% di un anno fa.

In calo i punteggi sotto il 70: il 27,8% delle maturande e dei maturandi ha conseguito una votazione tra il 61 e il 70, fascia di voto che nel 2017 era stata conseguita dal 29%. I 60 scendono al 7,8%,rispetto all'8,5% del 2017.

Quelle differenze geografiche

I numeri che più faranno discutere sono quelli che evidenziano una spaccatura a metà dell'Italia, con la Puglia che svetta e il boom di lodi al Sud. Ma, come ogni anno, arrivano polemiche e recriminazioni: "Al Nord i professori sono più severi". I 100 e lode in Italia sono 6.004. In termini di dati assoluti, le Regioni con il più alto numero di lodi sono Puglia (1.066), Campania (860) e Lazio (574). In Puglia ha conseguito il voto massimo il 3% dei maturandi, in Umbria il 2,2%, nelle Marche il 2,1%. Le votazioni nei licei si confermano mediamente più alte: il 2,2% consegue la lode, l'8% ha avuto 100, l'11,4% tra 91 e 99, il 22,9% tra 81 e 90. Nei Tecnici e nei Professionali aumentano i 100 e lode. Nei Licei, a primeggiare tra le votazioni più alte è, ancora una volta, il Classico. Il ministero sottolinea che gli studenti del Nord si prendono la rivincita all'università. Il dato che lo dimostra è questo: guardando al 2015/2016 il 48% dei diplomati al Sud con il massimo dei voti ha ottenuto il massimo punteggio per il voto di laurea, contro il 54% dei laureati del Nord.

Commenti
Ritratto di giordano

giordano

Dom, 22/07/2018 - 11:14

anche questa è mafia.

blu_ing

Dom, 22/07/2018 - 11:18

al sud i prof hanno paura di perdere il loro bel posto fisso e promuovono tutti, in una classe su 30 alunni ho messo 2 a 25 persone col voto consiglio il 2 e' stato portato a 4, a settembre nn combineranno nulla e sempre voto consiglio i 4 andranno a 6, e poi vi lamentate che ci sono idioti nella pubblica amministrazione, dove sti cxxxxxi andranno a lavorare?, i magistrati che fanno.? o rientrano pure loro nella casistica di sti geni?

Ernestinho

Dom, 22/07/2018 - 11:21

Ai miei tempi si doveva veramente sudare per avere un sette!

steacanessa

Dom, 22/07/2018 - 11:24

Tutti genietti, tutti cavalieri, tutti dottori. Finché la tradizione del tutti fenomeni non finirà il sud non potrà svilupparsi. Meritocrazia questa sconosciuta.

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 22/07/2018 - 11:50

----come volevasi dimostrare---i "terroni" hanno più materia grey dei "polentoni patani"---ed il rilievo che i professori del nord siano più severi è un'autentica balla ---essendo i professori del nord nella maggior parte dei casi --essi stessi "terroni"----poi basta veder felpini e ti accorgi che l'assioma sia valido--swag ganja---

venco

Dom, 22/07/2018 - 12:34

Quanto son bravi, ma poi le prove invalsi ribaltano tutto.

Alessio2012

Dom, 22/07/2018 - 13:08

ECCO SPIEGATO IL DIPLOMA CON 100 E LODE DI GIGGINO DI MAIO...

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 22/07/2018 - 13:10

Ma quanto sono "bbravi" al sud! Domanda: gli studenti o i professori?...indossanti, questi ultimi , abiti tradizionali cinesi. Nelle cui maniche entra, per definizione, anche un panda.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 22/07/2018 - 13:22

Mio nipote che ha fatto la maturità del liceo scentifico nel nord italia malgrado 5 anni con la media del 9 e 10 ed aver svolto, come detto dagli esaminatori, un ottima prova ha preso 100/100 senza lode. In tutto il liceo 8 100/100 senza nessuna lode. Si vede che qui sono più gnucchi.

Antenna54

Dom, 22/07/2018 - 13:31

Con la lode si trova il posto di lavoro, magari statale, prima!

DRAGONI

Dom, 22/07/2018 - 13:51

FUTURI PERCETTORI DEL REDDITO DI CITTADINANZA O DI COME SI APPELLERA' SE MAI DIVERRA' LEGGE!!

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 22/07/2018 - 14:44

----come volevasi dimostrare---i "terroni" hanno più materia grey dei "polentoni patani"---ed il rilievo che i professori del nord siano più severi è un'autentica balla ---essendo i professori del nord nella maggior parte dei casi --essi stessi "terroni"----poi basta veder felpini e ti accorgi che l'assioma sia valido--swag ganja---

Ritratto di babbone

babbone

Dom, 22/07/2018 - 14:51

lasciate perdere, nuncèstoria....fanno comejepare. purtroppo siamo in mano, noi genitori, parlando per i figli, non egemonizzati ai maledettti comunisti.

uberalles

Dom, 22/07/2018 - 15:03

Ricordo che il compianto Prof. di ragioneria, per un compito senza traccia di errore, dava un bel SETTE!! Come dovevamo fare a prendere la media del DIECI?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 22/07/2018 - 16:01

"Il dato che lo dimostra è questo: guardando al 2015/2016 il 48% dei diplomati al Sud con il massimo dei voti ha ottenuto il massimo punteggio per il voto di laurea, contro il 54% dei laureati del Nord.".....Laureati del Sud in Università del Sud,...laureati del Nord in Università del Nord,....risultato:un laureato in "ingegneria" al Politecnico di Milano o all'"Università di Bologna",è molto meno preparato dello stesso "ingegnere" all'Università di Palermo......Però,però,nell'"Amministrazione Pubblica"(scuola compresa),il 70% è di "origine meridionale" ed il 30% di "origine settentrionale"....ed i risultati si vedono....

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 22/07/2018 - 16:40

Se l'assioma fosse valido il Sud Italia dovrebbe essere la California dell'Europa, il valore studio si accompagna con il progresso economico di una popolazione ... ma mi sembra una utopia nonostante che nei secoli passati il Sud Italia ha prodotto "meraviglie" e che tuttora l'Humus non sia mutato ... ma nella storia umana tutto gira tutto cambia ... ad maiora.

Ritratto di Pilsudski

Pilsudski

Dom, 22/07/2018 - 16:54

Quando cominciai a lavorare in una (allora) grandissima azienda storica milanese, gia' si sapeva bene che i candidati del Sud arrivavano con voti di laurea elevatissimi rispetto a quelli di Milano, Torino, Padova e Bologna perche' piu' si scendeva piu' le universita' erano di manica larga. Il direttore del centro di ricerca -ex ufficiale di Marina durante la guerra- mi disse alcuni anni dopo che, salvo evidenti casi di assoluta eccellenza, applicava d'ufficio al voto di laurea del postulante un coefficiente moltiplicativo di correzione pari al rapporto tra la latitudine dell'universita' che rilasciava il titolo e la latitudine di Milano, elevato ad un certo esponente maggiore di uno.

lorenzovan

Dom, 22/07/2018 - 17:02

certi discorsi possono sembrare razzisti e discrimintari..ma non lo sono e fotografano una triste realta'...ricordo in seconda liceo classico..Liceo G.Mazzini di Sampierdarena.. l'arrivo di una ragazza da un liceo del sud ..non staro' a nominare la citta'...al nostro confronto aveva le conoscenze e le capacita' apprenditive di una bambina di terza media..ed ancora sono magnanimo..Eppure ..esibiva con vanagloria la pagella con la promozione al secondo liceo classico..repletta di otto e nove....ma questo succdeva" ai miei tempi"...ora...sono sicuro che non succede piu'...lolololololololololololo

lorenzovan

Dom, 22/07/2018 - 17:05

dispiace caro El Kid..ma la mia esperienza maturata nei miei 77 anni di vita..dice il contrario...diciamo che in una desolata steppa di ignoranza nel sud nascono a volte fiori meravigliosi di sapere e ingegno..mentre al Nord forse c'e' piu' appiattimento su un standard un po al di sopra della sufficienza

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Dom, 22/07/2018 - 17:30

Poi si lamentano perchè ci sono due Italie!!! Sono solo degli ipocriti.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 22/07/2018 - 17:38

Errata corrige mio post16:01:...madornale errore!...Leggere "è molto più preparato"(e non "meno")!!Sorry about that!

Giacinto49

Dom, 22/07/2018 - 17:41

Qualcosa non quadra in tutto l'articolo. A prescindere dal fatto che le bocciature o punizioni per cattiva condotta avrebbero dovuto abbassare la media, credo, invece, che stiano diminuendo la preparazione e la severità degli insegnanti. Su tutto il territorio nazionale.

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 22/07/2018 - 17:45

E poi i congiuntivi vanno a farsi fottere!

bobots1

Dom, 22/07/2018 - 17:46

Niente di nuovo sotto il sole. Io ricordo chi andava male all'università nella mia città del nord per riuscire a finirla andava a Roma o più in giù. Queste statistiche non fanno che dimostrare che nulla è cambiato. E comunque è risaputo. Non so perchè sia così ma è così.

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 22/07/2018 - 17:49

elkid 14:14-Come volevasi dimostrare; infatti con le vostre "eccellenze" siete rimasti indietro come le capre! (mi scuso con le capre).

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Dom, 22/07/2018 - 18:11

Faccione giallo come mai il sud è da una vita la ruota di scorta dell'Italia???? E si parla sempre degli aiuti al mezzogiorno??????

giovanni235

Dom, 22/07/2018 - 18:34

Valutazione delle industrie che assumevano giovani diplomati in elettrotecnica e meccanica a Novara (anno 1963).Un "sette" dello ITIS Omar di Novara era valutato 8,4 (coefficiente 1,2)Un "nove" conseguito a Palermo era valutato 5,4 (coefficiente 0,6).A disposizione per ulteriori chiarimenti.A Novara tempo per trovare impiego 15 giorni.Chi scrive è un diplomato elettrotecnico Omar anno 1963.

gioet

Dom, 22/07/2018 - 18:40

Letti i commenti ho capito che il razzismo nordico non e' rivolto solo ai neri ma pure agli italiani del meridione fate schifo

sparviero51

Dom, 22/07/2018 - 19:05

TUTTI QUESTI "SCIENZIATI " NON RIESCONO A RISOLLEVARE LE CONDIZIONI MISEREVOLI DEL SUD DA 70 ANNI . ANZI,ULTIMAMENTE SONO PEGGIORATE !!!

Cheyenne

Dom, 22/07/2018 - 19:25

LA BUONA SQUOLA COMUNISTA

ciruzzu

Dom, 22/07/2018 - 19:31

Attireranno un sacco di turisti universitari del nord

cangurino

Dom, 22/07/2018 - 19:35

@elkid, evidentemente ignora che tutti rapporti OCSE confermano, da decenni, che il divario tra formazione scolastica tra nord e sud aumenta, nel senso che il sud continua a peggiorare ed il nord a migliorare. Faccia uno sforzo e prima di scrivere inesattezze, ricerchi su internet "divario nord sud istruzione". Buona lettura.

Gibulca

Lun, 23/07/2018 - 00:38

Sinceramente di quello che accade al sud non m'importa poi molto, visto che stiamo parlando di una terra mafiosa e illegale. Tanto questi poveri disgraziati nai a "chill' e paes" dovranno emigrare al nord per ottenere qualcosa di buono dalla vita. Allora li vedremo con il cappello in mano confrontarsi con i nordisti, molto più istruiti e preparati di loro. E nella vita, nessuno di regala nulla. Io resto per la secessione

rokko

Lun, 23/07/2018 - 01:47

giovanni235, dal 1963 sono passati 55 anni, oggi del titolo di studio non frega più a nessuno, si cerca di guardare alle competenze effettive della persona che si assume, se sa l'inglese, se sa una seconda lingua, come si muove su FaceBook e gli altri social, ecc. Trovo la polemica sui voti inutile ed i test invalsi stupidi. Abito in una delle zone di "eccellenza" secondo Invalsi, ma i miei figli passano due mesi l'anno a scuola ad esercitarsi a rispondere ai quiz prima dei test suddetti, abbandonando temporaneamente il percorso formativo standard. Ha senso tutto ciò? Boh

Ritratto di serramana1964

serramana1964

Lun, 23/07/2018 - 07:18

....caspita.... lorenzovan....77 anni di vita e non avere capito nulla è grave

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 23/07/2018 - 08:26

elkid, 11,50 oggi firmo il tuo post! tra tutti quelli che hanno commentato, ce ne sono al massimo due che possono ritenersi padani da almeno due generazioni, il resto sono tutti "patani veraci"

tonipier

Lun, 23/07/2018 - 08:33

" ESAMI DI MATURITA', ITALIA SPACCATA A META'. AL "Nord" boom di voti" Ne avrebbero parlato i soliti marpioni?. le parole distruggono l'avvenire.

Duka

Lun, 23/07/2018 - 08:53

E poi non lamentiamoci se case e ponti crollano o se la sanità pubblica è stracolma di pressapochisti strapagati comunque e sempre.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 23/07/2018 - 09:11

Strano, poi quando fai i colloqui a gente del sud, capisci che sono in un baratro profondo. No nsanno neppure le cose più elementari, eppure hanno tutti votazioni astronomiche, la maggior parte con la lode. Al nord i voti vengono dati con più parsimonia, non c'è dubbio.

lavieenrose

Lun, 23/07/2018 - 09:17

rokko il problema è che nei concorsi pubbliciti e universitari il voto conta eccome. Nella realtà poi il voto di diploma/laurea conta anche nel privato comparato però con la scuola/unbiversità di provenienza. Un voto basso di un ingegnere meccanico del Politecnico di Miolano è equiparato nella scelta ad un 110 e lode di un'università meridionale, se ne faccia una ragioine, anche se poi ci vanno di mezzo i laureati merdionasli validi

Ritratto di rebecca

rebecca

Lun, 23/07/2018 - 09:31

Non solo nella PI succede che gli alunni sono moltoooooo più bravi dei ragazzi del nord, infatti per mangiare bene in un ristorante dovremmo andare al sud, visto che i cuochi più bravi per i giudici della trasmissioni "cuochi d'Italia" provengono tutti dal centro sud. Manco un cuoco del nord si trova tra i primi posti.

Ritratto di rebecca

rebecca

Lun, 23/07/2018 - 09:32

ho dimenticato di scrivere dopo alunni "del sud"

giovanni951

Lun, 23/07/2018 - 09:39

ho appena letto che gli studenti del sud sono indietro di 2 anni rispetto a quelli del nord ( tra i quali ci sono anche ragazzi/e del sud) quindi qualcosa non quadra.

giovanni951

Lun, 23/07/2018 - 09:40

elkid....ma va a ciapa i rat.

Ritratto di pulicit

pulicit

Lun, 23/07/2018 - 09:46

Leonida55: Concordo.Facendo dei colloqui ti accorgi che non sanno le cose più elementari.Regards

Ritratto di Paolo_Trevi

Paolo_Trevi

Lun, 23/07/2018 - 09:50

il bisogno di attenzione di elkid è puerile oltre ogni limite, ad ogni notizia recita la parte del bastian contrario, nella speranza di avere un contraddittorio con qualcuno, una disperata ricerca di assensi e consensi mendicati da chiunque legga i suoi commenti, fuori da ogni logica e fuori dal mondo che viviamo, ormai più che pena fa tenerezza.

Ritratto di euklid

euklid

Lun, 23/07/2018 - 09:58

La scuola italiana è un colabrodo, al sud come al nord. Per non parlare dei vertici ministeriali. Basti pensare all'ennesima prova di matematica concepita anche quest'anno per lo scientifico. Una prova in grado di misurare solo l'inconsistenza dei dirigenti ministeriali. di L'80% delle risorse destinate alla scuola sono soldi buttati.

rokko

Lun, 23/07/2018 - 14:20

lavieenrose, ciò che dice è vero in parte. Nelle amministrazioni pubbliche ormai non si assume più se non per raccomandazione. Per quanto riguarda le università si guarda all'istituto di provenienza, tutti sanno che il politecnico di Torino e di Milano sono eccellenti, ma sanno anche che chi proviene da ingegneria della Federico II di Napoli è formato bene. Gli istituti minori sono penalizzati. Se ne faccia una ragione lei.

rokko

Lun, 23/07/2018 - 14:22

Leonida55, prima di parlare a vanvera li faccia per davvero questi colloqui, poi ne parliamo.

Gibulca

Mer, 25/07/2018 - 09:56

A voler vedere il dna di giovinap e dei suoi conterronei, direi che tra borboni, garibaldini, arabi e campagnoli teroni ci sia poco spazio a Partenope. In ogni caso vale sempre il detto che i padani vi mantengono e che il vostro livello d'istruzione - e tu ne sei un esempio - è alquanto scarso