Esenzione dal canone Rai. Oggi ultimo giorno utile

Presentare il modulo di esenzione è una corsa ad ostacoli oltre a un incubo burocratico

Oggi è l'ultimo giorno utile per presentare domanda di esenzione dal canone Rai per coloro che non hanno un televisore in casa o per chi vuole evitare di pagare il canone in due bollette elettriche.

Tuttavia, l'esenzione è una corsa ad ostacoli oltre a un incubo burocratico. Come denuncia Federconsumatori-Adusbef: "La solita Agenzia delle Entrate, che invece di facilitare la vita ai contribuenti la complica, e che non ha rafforzato il numero a pagamento 844800444 impossibile da raggiungere dopo lunghissime attese (60/70 minuti) con ripetute cadute di linea, mentre per diplomatici e militari stranieri (il cui termine scade lunedì 23 maggio), ha creato un modulo chiaro, con uno spazio per i primi, un altro per i secondi, per i normali vessati e tartassati cittadini ha redatto un modulo rompicapo difficile da comprendere".

E l'associazione continua: "Il modulo per la "dichiarazione sostitutiva prevede esempi di compilazione dedicati ai vari casi: due coniugi dotati di utenza elettrica ma non di tv, o con una bolletta intestata al marito nella prima casa e alla moglie nella seconda; quelli con la bolletta a loro nome in una seconda casa affittata; gli eredi di persone decedute la cui bolletta elettrica è ancora in vigore. Un vero e proprio rompicapo per indurre in errore o scoraggiare i contribuenti, costringendoli a pagare comunque il canone Rai, anche se sarebbero esentati".

Commenti
Ritratto di manganellomonello

manganellomonello

Lun, 16/05/2016 - 10:15

Tutti dovrebbero mandare il modello di disdetta.

Ritratto di sepen

sepen

Lun, 16/05/2016 - 13:56

Scusate una domanda. Se io non ho la TV non pago, e mi esento tramite autocertificazione, giusto? Fin lì è facile. Se poi, diciamo un mese dopo, compro la TV (caso tipico: la seconda casa), che cosa devo fare?

tazio63

Lun, 16/05/2016 - 16:38

semplice non si paga. non si apre a nessuno e vediamo.

Ritratto di hermes29

hermes29

Lun, 16/05/2016 - 22:52

Prelievo forzoso: tutti coloro chi superano i 120 mila € annuali, se entro il 31 Luglio non presentano dichiarazione giurata che sono sotto la stessa soglia, avranno in contatore ENEL addebitato 10.000€ come addizionale anticipata a beneficio di tutti i disoccupati. Dopo 90 giorni di ritardo nei pagamenti, sarà pignorata un quinto della pensione. ENEL accende la speranza dei poveri.