"Esistono pedofili diventati preti" le parole del don di Caivano

Maurizio Patriciello, don di Caivano, ha rilasciato un'intervista a "Bel tempo si sperà", programma andato in onda su Tv2000

La Chiesa non difende, né copre i pedofili, ma cerca di essere un faro per tutti. Gli scandali non dovrebbero scalfire la figura del Vangelo, questa è la sintesi delle parole di Don Maurizio Patriciello rilasciate in una Tv locale.

Patriciello è anche conosciuto come "il prete della terra del fuochi" per le sue numerose campagne e denunce contro il degrado della sua Caivano, nella provincia di Napoli. Ma ieri si è reso protagonista di un'intervista all'emittente televisiva Tv2000. Le parole del prete cercano di far comprendere le azioni della Chiesa su un argomento delicato come le pedofilia. Infatti, "Agli italiani dico: non pensate mai che noi vogliamo difendere i preti disonesti. Non lo pensate mai. Io non credo che esistano i preti pedofili, credo che esistano pedofili che sono diventati preti. Esistono gli imbroglioni che sono entrati all'interno di un corpo nel quale non avevano il diritto". Inoltre, cerca di rimettere la Chiesa al centro del villaggio, affermando "Gli scandali non contraddicono il Vangelo lo confermano perché Gesù ce lo ha detto è necessario che gli scandali avvengano ma guai a colui per il quale avviene lo scandalo. Abbiate pietà di noi siamo peccatori, poveri, piccoli, limitati ma ci siamo innamorati di Gesù, vogliamo bene alla Chiesa sappiamo che la Chiesa in questo mondo è un faro che può fare tanta luce, però ci sta tanta miseria e dobbiamo aiutarci. Noi difendiamo la verità, mai la menzogna. E quando tacciamo sulla menzogna diventiamo complici della menzogna".