Gli esplode la batteria della sigaretta elettronica in tasca: gravi ustioni per un 25enne

Brutta disavventura per un giovane friulano: la ricarica della sigaretta elettronica gli è esplosa in tasca, causandogli ustioni di terzo grado

Un uomo di 25 anni di Tarcento, in provincia di Udine, è rimasto gravemente ustionato dopo che la ricarica della sigaretta elettronica che portava in tasca è esplosa all'improvvisa.

Nella giornata di lunedì il giovane, che al momento dell'incidente stava guidando la propria automobile lungo una via del centro della città friulana, ha sentito improvvisamente un calore e poi un'esplosione in corrispondenza della tasca dei pantaloni.

La batteria di ricambio della e-cig che portava addosso, secondo le prime ricostruzioni, avrebbe preso fuoco e sarebbe esplosa. Gravi le conseguenza: il 25enne ha riportato ustioni al basso ventre e ai genitali. Bruciature di secondo e di terzo grado, le più gravi. Inoltre l'automobilista, nel tentativo di liberarsi della batteria rovente, si è scottato anche ad una mano. Fortunatamente il giovane è riuscito a non perdere il controllo della vettura e ha chiamato da solo i soccorsi.

I sanitari dell'ambulanza subito intervenuta lo hanno immediatamente trasportato all'ospedale "Santa Maria della Misericordia" di Udine. Una volta giunto nel capoluogo friulano, però, i medici hanno deciso, visto il caso specifico, di trasferirlo al centro per i grandi ustionati di Padova.

In un primo momento si era pensato che ad esplodere fosse stato il telefono cellulare del ragazzo ma dopo poco è stato chiaro che a provocare le ustioni era stata la batteria della sigaretta elettronica.


Commenti

Marguerite

Mar, 27/11/2018 - 18:25

Ma si sà che fumare è pericoloso !!!

venco

Mar, 27/11/2018 - 20:02

Ecco, meglio una sigaretta normale.