Estate in allerta: i 10 falsi allarmi bomba più eclatanti in Europa

Da Bruxelles a Parigi, passando per Milano e Torino, la minaccia terroristica è costante, ma spesso si rivela un eccesso di preoccupazione

Finora quella del 2016 è un'estate maledetta per quanto riguarda la sicurezza internazionale. Da Nizza a Istanbul, passando per la Baviera, gli attentati di matrice prevalentemente islamica fanno il giro d'Europa. Ma anche i numerosi falsi allarmi bomba, generati dalla psicosi del terrorismo, mettono a soqquadro intere città, scombussolando la vita quotidiana della gente civile. Ecco i dieci più eclatanti registrati in Italia e in tutto il continente dall'inizio della stagione estiva: la paura, spesso, fa brutti scherzi.

1) Bruxelles, 21 giugno. Arrestato in un centro commerciale un uomo che nascondeva una falsa cintura esplosiva, imbottita di sale e biscotti.

2) Roma, 27 giugno. Alcuni tecnici, impegnati nella manutenzione dell'impianto elettrico dell'aeroporto di Fiumicino, fanno scattare erroneamente l'allarme. I passeggeri, terrorizzati, scappano fuori dal terminal, ma nel giro di una decina di minuti tutto torna alla normalità, voli compresi.

3) Milano, 25 luglio. Due linee della metro vengono bloccate per un'ora e mezza a causa di una scatola da cui fuoriescono fili bianchi, lasciata incustodita alla fermata della Stazione Centrale. Era stata dimenticata da tre persone, come testimoniano i filmati delle telecamere di sorveglianza.

4) Ventimiglia, 25 luglio. Paura per la presunta presenza di un ordigno nel mercato al coperto. "Prima o poi pagherete tutti", avrebbe detto una voce maschile al telefono. Allarme rientrato dopo poche ore.

5) Londra, 25 luglio. Evacuata la stazione metropolitana di Golders Green per un'auto sospetta abbondanata nel quartiere ebraico, ma all'interno del veicolo non c'è nulla di pericoloso.

6) Olbia, 26 luglio. Borsa dimenticata in centro, apprensione tra i passanti, ma i carabinieri trovano soltanto oggetti personali di qualche proprietario sbadato.

7) Torino, 27 luglio. Artificieri al setaccio presso la stazione ferroviara di Porta Nuova per la presenza di un esplosivo, annunciata quattro ore prima da un misterioso uomo dall'accento italiano, probabilmente in collegamento da una cabina telefonica. I controlli danno esito negativo.

8) Ginevra, 27 luglio. L'aeroporto viene chiuso perché una donna minaccia di farsi saltare in aria per impedire al marito di partire. E' tutto un bluff e lo scalo riapre al pubblico.

9) Washington, 28 luglio. Evacuata la stazione centrale, nei pressi del Campidoglio, per un sospetto pacco bomba. Molte persone in preda al panico corrono per le vie della città. Poliziotti pompieri e ambulanze subito sul posto, ma per fortuna nulla di fatto.

10) Parigi, 5 agosto. Evacuata la Tour Eiffel per un errore di un dipendente che scambia un'esercitazione per una minaccia terroristica. Il monumento più visitato della capitale francese viene riaperto ai turisti dopo un paio d'ore.

Commenti

Una-mattina-mi-...

Mar, 23/08/2016 - 11:32

ORMAI è noto che i falsi allarmi sono l'arma PRINCIPE di distrazione di massa nei confronti dei VERI allarmi, di cui si nega naturalmente l'esistenza, come l'invasione di vitelloni autocertificati.