Expo, onore al riso italiano con i piatti della tradizione

«Food experience» quotidiana con le prelibatezze del cuoco stellato Davide Oldani. La Lomellina e le varietà più pregiate, Arborio e Carnaroli

Expo 2015: una vetrina di eccellenze legate al mondo dell'alimentazione; nel Cluster del Riso, uno dei 9 padiglioni collettivi organizzati secondo criteri di identità e filiere alimentari, trova un'importante collocazione la produzione italiana a livello mondiale attraverso la presenza di Riso Scotti. Sponsor Ufficiale del Cluster del Riso, l'azienda, portavoce dell'autenticità di un cereale antico, unisce la tradizione del sapore all'innovazione di un riso speciale conosciuto e scelto ogni anno da oltre 20 milioni di italiani. Non si tratta di un ossimoro; se da un lato, infatti, Riso Scotti, leader italiano del riso bianco, porta la propria esperienza di 150 anni di storia, durante i quali ha selezionato i chicchi migliori, trasformandoli per portarli sulle tavole degli italiani e degli stranieri, dall'altro, la creatività e la modernità di uno chef stellato, reinterpreta il risotto alla milanese. Così, proprio davanti al Cluster del Riso, alcuni macchinari storici di proprietà saranno l'incipit di un percorso raccontato attraverso il processo produttivo: dalla coltivazione nelle risaie pavesi della Lomellina, terra di risorgive, attraverso il confezionamento negli attuali astucci sottovuoto, fino alla tavole, dove il Carnaroli e l'Arborio, le varietà di riso più pregiate, la fanno ancor oggi da padrone.

È sempre interessante andare alla scoperta delle tradizioni e conoscere da vicino i processi produttivi di un bene alimentare; ecco perché lo stabilimento Riso Scotti, aprendo le porte ai visitatori, ha lasciato scoprire i segreti di una riseria che ogni anno lavora oltre un milione di quintali di riso e distribuisce i propri prodotti in più di 60 Paesi nel mondo. Un'occasione, oltre che per scoprire come nasce un gran riso, anche per sottoscrivere la Carta di Milano; si tratta di un documento, nato dalla volontà del governo e frutto del dibattito tra mondo scientifico, società civile e istituzioni sul tema di Expo Milano 2015 «Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita», con il quale si intende sensibilizzare sulle principali questioni che interessano l'utilizzo sostenibile delle risorse del pianeta e richiede un impegno concreto da parte di ciascuno: http://carta.milano.it .

La straordinarietà del riso risiede proprio nella sua versatilità: con l'obiettivo di diffondere nel mondo la cultura del «risotto», ogni giorno, presso il chiosco Gourmet, i visitatori potranno avere una food experience , gustando il piatto nato dall'estro del cuoco stellato Davide Oldani che utilizza l'esclusivo Carnaroli Scotti Invecchiato 18 mesi: un chicco più strutturato che garantisce un minor rilascio di amido e un maggior assorbimento di profumi e condimenti; zafferano e riso alla milanese D'O, piatto simbolo di Expo 2015 conquisterà tutti i palati. Nell'ambito degli eventi «Expo in Città», Riso Scotti e Riso Scotti Snack partecipano al progetto «Via Lattea» del Fai (Fondo ambiente italiano), che propone 8 circuiti ciclo-pedonali che si snodano in aree di grande interesse paesaggistico e culturale della Lombardia.