Expo: tavolette di cioccolato dai 4 ai 12 euro

Caro cioccolato, quanto mi costi. Anche le tavolette al cacao finiscono nel calderone delle polemiche sui prezzi di Expo

Caro cioccolato, quanto mi costi. Anche le tavolette al cacao finiscono nel calderone delle polemiche sui prezzi di Expo. Una confezione di fondente da 90 grammi costa 4 euro. Idem per una barretta al latte, aromatizzata al pistacchio, al lampone o al peperoncino. La stessa tavoletta equo solidale di cacao grezzo che nei mercatini paghi due euro, tra i padiglioni dell'Esposizione subisce la maggiorazione. Nello shop del cioccolato, l'unica area aperta nel cluster non ancora inaugurato, arrivi a pagare anche 12 euro per un assaggio di bucce d'arancia essiccate e ricoperte di fondente. Ci sono sacchetti i di Bon Bon artigianali a otto euro, cioccolatini senza glutine a sette euro. Chi si fa prendere per la gola non bada a spese e si abbandona alla tentazione. Ma se al peccato di gola ci aggiunge pure una bottiglietta d'acqua a 2 euro o una bibita in lattina a 5 e un caffè a 1,50 spende quanto per un pranzo in un bar. Il commissario unico di Expo Giuseppe Sala nei prossimi giorni verificherà i prezzi dei menù e degli shop all'interno del sito. "Vogliamo che le cifre - sostiene - non superino un certo livello. Devono essere accessibili a tutti".

Commenti
Ritratto di OKprezzogiusto

OKprezzogiusto

Mar, 05/05/2015 - 19:09

Ma allora hanno ragione i no-expo a dire che è una fregatura. Ad ogni buon conto, se deciderò di andare all'expo, mi porterò il necessario da casa, alla faccia dei profittatori.

cgf

Mer, 06/05/2015 - 12:26

il ricarico è una formula matematica, parte dal costo dell'esercizio commerciale e se il costo della superficie di vendita è maggiorato [leggi anche autogrill su autostrade] ovvio che il prezzo finale ne risenta. NON VOGLIO DIFENDERE NESSUNO ma paragonare il 'canone' dell'ambulante con quello di chi è all'interno dell'expo, non mi sembra un paragone corretto, certamente, e soprattutto nell'equo-solidale, vige sempre la regola del perché devo vendere a 150 quello che va via facilmente a 200? è il mercato, quello libero, quello che permettere al consumatore di scegliere anche la qualità [ed il prezzo] e non è calmierato dal soviet dove vige[va] la regola che, visto che devo vendere a 150, ti fornisco quello da 80, tanto non puoi abbassare il prezzo, soviet docet.