Fa tredici ma gli negano la vincita: 36 indagati dopo 35 anni

Un'odissea giudiziaria per un ambulante di Taranto. Tra gli indagati magistrati e presidenti del Coni

Il sogno di tutti si trasforma in un incubo. Fa tredici al Totocalcio ma gli negano la vincita da un miliardo di lire. L'Odissea giudiziaria, iniziata il primo novembre del 1981 per Martino Scialpi, commerciante ambulante di Martina Franca (Taranto), è approdata alla procura di Potenza.

Sono 36 gli indagati, tra cui i vari presidenti del Coni che si sono succeduti in oltre 30 anni di cause, 11 magistrati dei tribunali di Taranto, Bari e Roma, ufficiali della Guardia Finanza, un dirigente dell’Azienda Monopoli di Stato e alcuni avvocati del foro di Roma, di Taranto e dell’Avvocatura dello Stato. La vicenda giudiziaria è arrivata a Potenza perché è la sede competente a indagare su vicende che riguardano magistrati in servizio presso il distretto della Corte di appello di Lecce, al quale Taranto appartiene.

La schedina è stata dichiarata autentica, ma il Ministero delle Finanze e il Coni si sono sempre rifiutati di pagare perchè sostengono che la matrice del tagliando non sia mai arrivata all’archivio corazzato del Totocalcio. A dare il via all'indagine è stata una denuncia depositata da Scialpi il 29 maggio 2014.

Il gip del Tribunale di Potenza, Michela Tiziana Petrocelli, dopo aver accolto l’opposizione della parte offesa alla richiesta di archiviazione avanzata dal pubblico ministero, ha fissatoil 6 aprile l’udienza camerale per discutere sul da farsi.

La causa civile per adempimento contrattuale avviata al tribunale di Roma è invece fissata per il 27 ottobre. Il giudice civile Federico Salvati aveva sollecitato le parti a tentare una conciliazione tenendo conto dell’obiettiva incertezza dell’esito della lite e della particolarità della vicenda oggetto di causa, ma il Coni non ha ritenuto di aderire alla richiesta.

Commenti

vince50_19

Gio, 03/03/2016 - 13:39

Cosa di casa nostra? Mah..

cgf

Gio, 03/03/2016 - 13:41

Gia negl'anni 90 ci sono state vincite di gratta e vinci non onorate adducendo errori LORO e che non si doveva vincere... come??? OK che la matrice non è mai arrivata, ok, ma i soldi pagati invece? ecco perché dono decenni che non gioco più a nulla, al max 3/4 superenalotto da 1 euro in un anno ed a volte nemmeno quelle.

Finalmente

Gio, 03/03/2016 - 14:29

se effettivamente gli daranno ragione posso solo immaginare anche gli interessi maturati... non vorrei che renzi mettesse anche quelli in bolletta

PAOLINA2

Gio, 03/03/2016 - 15:01

@Finalmente: quanto sarcastico e' il suo commento, all'epoca della vincita non c'era Renzi al governo, forse qualcun altro dei suoi amici che non solo si preoccupavano degli interessi maturati, ma neanche la regolare vincita hanno pagato.

routier

Gio, 03/03/2016 - 15:22

La lezione che ho imparato fin da giovane è che per vincere al gioco bisogna NON GIOCARE!

Ritratto di uccellino44

uccellino44

Gio, 03/03/2016 - 15:59

@PAOLINA2@ - Lei ha ragione: all'epoca Renzi aveva qualche anno ma, purtroppo, oggi, che c'è il rischio di dover risarcire il Sig. Martino Scialpi, Renzi c'è!! Detto questo, non ha torto @Finalmente@ quando teme che il suo amico Renzi appioppi agli italiani anche quest'onere! Se ne faccia una ragione, Egregia, purtroppo Renzi è fatto così: faccia mente locale!!!

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 03/03/2016 - 16:44

Se li sono messi in tasca loro adducendo la scusa (banale) della matrice?Comunque fra processo di primo grado ricorso in appello ed infine Cassazione temo che il Sig. Scialpinismo non becchiamo nulla. NON giocare più è la miglior soluzione.

FRANZJOSEFVONOS...

Gio, 03/03/2016 - 17:30

PENSO CHE QUESTO SIGNORE SENTIRA' DA LONTANO UNA FRASE CON UNA VOCE AMICHEVOLE E DOLCE CHE DICE: STAI TRANQUILLO CHE LASCERA' IN PACE I TUOI SOLDI. STAI TRANQUILLO PAROLA DI RENZI

paco51

Gio, 03/03/2016 - 18:26

se cedeva il 50% della vincita a gente seria era gia stato pagato da 35 anni! provare per credere! meglio ,il 50% che il 100% di nulla e vedere alcuni presi a "buffetti sulla guancia".

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Gio, 03/03/2016 - 22:01

È in questi fatti che si vede la vera Italia