"Facciamo lavorare i profughi a Pompei"

L'idea di far lavorare i profughi come giardinieri è di Massimo Osanna, direttore generale della sovrintendenza di Pompei

"In Italia arrivano centinaia di profughi laureati e con specifiche professionalità, perché non impiegarli nei beni culturali?". A chiederselo è Massimo Osanna, direttore generale della sovrintendenza di Pompei, che, nel corso della stipula di un "patto di amicizia" tra le città di Pompei e Nola, ha proposto di sfruttare le competenze dei migranti nell'area archeologica patrimonio dell’Unesco.

L’idea non avrebbe costi aggiuntivi per lo Stato dato che“i profughi già percepiscono dall'Italia una retta giornaliera per il loro mantenimento, senza essere tuttavia impiegati in alcuna attività lavorativa”. Secondo Osanna “la retta dunque potrebbe essere tranquillamente convertita in pagamento per prestazione d'opera al servizio della cultura”, si legge sul Mattino che riporta queste dichiarazioni. L’idea del direttore generale della soprintendenza di Pompei è di scovare tra i profughi che arrivano in Italia architetti, ingegneri, e magari anche archeologi. In alternativa i migranti potrebbero lavorare come “giardinieri oppure con compiti come la ripulitura dalle cartacce dell'area archeologica".

Commenti
Ritratto di elkid

elkid

Dom, 12/06/2016 - 11:38

-----noooooo che scandalo!---non dite che molti profughi sono laureati che diamine---così mettete a repentaglio il diffuso sentimento di superiorità che l'italiano medio nutre nei loro riguardi----ssssssssss ----molti siriani sono decisamente colti---però non ditelo a nessuno----hasta siempre

Una-mattina-mi-...

Dom, 12/06/2016 - 11:47

Ci manca solo questa. PERCHE' non dargli anche da gestire il Colosseo o gli Uffizi?

MARCO 34

Dom, 12/06/2016 - 11:47

Mi domando chi ha controllato l'effettivo possesso di un titolo di laurea di questi immigrati clandestini. Se effettivamente così fosse non credo che avrebbero bisogno di entrare in Italia con i barconi, ma , visto che è notorio che per essere trasportati in quel modo devono pagare migliaia di euro, potrebbero usare l'aereo con tanto di passaporto. Poi chi ha controllato la loro reale competenza?

venco

Dom, 12/06/2016 - 11:54

Chi ha avuto a che fare con i migranti ha detto che se li fai lavorare fanno poco e diventano molto pretenziosi, è meglio mantenerli e basta.

RobertRolla

Dom, 12/06/2016 - 12:05

No, per carità. Ci basta quello che hanno fatti ai siti archeologici siriani!

daniperri

Dom, 12/06/2016 - 12:05

Non sanno più dove sbattere la testa. Anche questo qui, come già sentito da altri, invece di pensare a risolvere la disoccupazione dei giovani italiani va a scovare lavori per i nuovi arrivati senza invito. Non abbiamo giovani architetti, ingegneri ecc. a cui dare lavoro?

dare 54

Dom, 12/06/2016 - 12:17

E' una ottima idea! Ma a quel punto, come la mettiamo con l'inquadramento nel mondo del lavoro? Con i voucher? Oppure contratto con Associazione/datore di lavoro (in deroga eventuale a paga sindacale, contributi e tasse)? Se non previsto, sono sicuro che questo Governo una qualche leggina ad hoc la partorirà rapidamente in seno a qualche Riforma! Forse ... ma ... l'Accoglienza che fine farà?

Aleramo

Dom, 12/06/2016 - 12:22

Ma perché invece alle stesse condizioni non facciamo lavorare un po' di disoccupati italiani?

acam

Dom, 12/06/2016 - 12:23

bravo premio nobel cosi o rompono o se fregano tutto

S@MarTin

Dom, 12/06/2016 - 12:34

far lavorare a Pompei i profughi come giardinieri ? bella notizia !! mà dove stà il bello qualcuno si chiederà !! il bello stà nel fatto che c'è lavoro, e cercano lavoratori a Pompei !!!! allora perché non dare questo lavoro ai nostri disoccupati Italiani della Campania, e rimandare a casa loro con un bel rimpatrio, questi ( sic. falsi ) profughi ? un po' come dire: con una fava prendere due piccioni !!

linoalo1

Dom, 12/06/2016 - 12:42

Non solo!!Obblighiamoli a lavorare gratis come Aiutanti della Protezione Civile nei Disastri Maturali!!Che facciano qualcosa,per meritarsi i nostri aiuti!!!Altrimenti,rimandiamoli a casa loro!!!Anche noi Italiani,potendo,ce ne staremmo a bighellonare tutto il giorno!Pagati,naturalmente!!!

Lorenzo Cafaro

Dom, 12/06/2016 - 12:55

Ecco qua, è dove si vuole arrivare. Così leveranno lavoro agli italiani, la guerra dei poveri , fatta naturalmente al ribasso. Oltretutto se lavorassero qualcuno dovrebbe versare i contributi, e pagare le tasse, mi sbaglio? E se si facessero male? E i sindacati che dicono? Rimandateli a casa, invece, e diami lì i 35 euro a persona, magari qualcosina in più, ma a casa loro.

Jimisong007

Dom, 12/06/2016 - 13:32

Si cosi si fregano tutto grazie

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Dom, 12/06/2016 - 13:36

Forse i capoccioni non hanno capito nulla.Se era per lavorare se ne stavano a casa loro!!!!!!!!!!!

soldellavvenire

Dom, 12/06/2016 - 13:44

strano che gli "italiani" con dieci euro al giorno "muoiono di fame" mentre i disgraziati veri ci stracampano

Tuvok

Dom, 12/06/2016 - 13:59

Facciamo lavorare gli Italiani a Pompei e rispediamo a casa i profughi.

agosvac

Dom, 12/06/2016 - 14:03

Il signor Osanna si rende conto che la stragrande maggioranza dei clandestini, che lui chiama profughi, sono islamici e che della cultura non sanno che cosa farsene tranne distruggerne i resti come hanno fatto a suo tempo i talebani con le statue dei Buddha e come fanno attualmente gli integralisti dell'isis con i resti delle civiltà Assiro/ babilonesi o romane in Iraq e Siria??? Tra l'altro se questi sé dicenti profughi avessero avuto voglia di "lavorare" se ne sarebbero rimasti nel loro paese.

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Dom, 12/06/2016 - 14:03

Questi sono venuti per essere mantenuti a vita e non per lavorare!

MARCO 34

Dom, 12/06/2016 - 14:05

Chi ha controllato i titoli di laurea di questi "profughi"? Forse sarebbe meglio farli lavorare facendoli pulire i siti dalle erbacce e immondizie varie, a scanso di eventuali danni causati da incompetenti

joecivitanova

Dom, 12/06/2016 - 14:21

..servirebbe solamente a dar modo loro di poter chiedere uno stipendio, altri 'privilegi' e di poter rimanere in Italia per sempre con la cittadinanza italiana ottenuta il più presto possibile per loro e per tutta la loro 'povera' famiglia..!! g.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 12/06/2016 - 14:21

Sono venuti a farsi mantenere non a lavorare.

sparviero51

Dom, 12/06/2016 - 14:57

NON BASTAVA franceschini ; MA DOVE LI TROVANO QUESTI PSEUDODIRIGENTI COSÌ "00"??? QUEI QUATTRO COCCI CHE SONO RIMASTI SARANNO RUBATI E RIVENDUTI A FORCELLA !!!

leserin

Dom, 12/06/2016 - 15:20

Posto che tutti i profughi dovrebbero essere impiegati in lavori socialmente utili, pulizia, giardinaggio, ecc., senza costi aggiuntivi per lo stato, farli pure lavorare come architetti, ingegneri, archeologi mi pare eccessivo, dato che giovani architetti, ingegneri e archeologi italiani senza lavoro ce ne sono parecchi. Quindi vengano impiegati per sopperire alla carenza di servizi e migliorare il decoro delle città e delle periferie, ma metterli in concorrenza con gli italiani formati, ma privi di sbocco occupazionale adeguato, questo proprio no. i

Zorro16

Dom, 12/06/2016 - 15:30

Mi sembra un'ottima idea! Non se ne può più di vedere risorse sfaccendate dalla mattina alla sera.

Ritratto di Scassa

Scassa

Dom, 12/06/2016 - 15:52

scassa Domenica 12 giugno2016 Buona idea ...ma i bulldozer e il C4 lo hanno loro,,arriva dall'ISIS o lo fornisce il ministero la regione o il comune ? Così ,per sapere !!!!!!!!!!!scassa.

cianciano

Dom, 12/06/2016 - 16:12

Si giusto....ma che trovata.....diamo lavoro a questi e i nostri giovani li mandiamo a campare nello loro tende....PIU' ACCOGLIENTI DI COSI'!!!.....mi faccio una domanda ma è una presa per il cu... per noi italiani ?

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 12/06/2016 - 17:11

Ci sarebbe anche tutta la NUNNIZZA, che quegli sfacendati di meridionali hanno accumulato, di cui i governanti Italiani, DI QUEL "DC ROSSO", cercano di farci dimenticare??? FATELI LAVORARE COSI CHE ALLA SERA SONO STANCHI E TUTTI DORMIAMO SONNI TRANQUILLI!!!

People

Dom, 12/06/2016 - 22:26

Elkid, si vede da come hanno ridotto la Siria come sono colti. Iscriviti anche tu all'ateneo di Aleppo, anzi no.... alla moschea di Aleppo.