Facebook censura modella in carrozzina: "Troppo sexy"

Manuela Migliacci, paraplegica dal 2009, affronta le critiche del web: "Se vi siete scandalizzati per mezzo capezzolo. Beh allora restate in casa"

Censuarata perchè troppo sexy. È questa la motivazione con cui Facebook ha oscurato la fotografia di una modella in carozzina che durante una sfilata ha esibito una scollatura decisamente generosa.

Il senso troppo in vista non è stato gradito dagli utenti del social network che piuttosto che guardare al messaggio sociale di una modella che sfila su una sedia rotelle, si sono impuntati sulla parziale nudità.

Al centro della questione che è diventata virale sul web, c'è la bella Manuela Migliaccio, studentessa di Veterinaria all'Università di Bologna, diventata paraplegica nel 2009, che racconta: "La foto è stata censurata perché si vede una parte del seno. L’immagine era stata pubblicata con altre sul profilo del presidente della Fondazione Vertical. Il messaggio da Facebook è arrivato a lui: diceva che avevano ricevuto delle segnalazioni di utenti e valutato che la foto era da rimuovere poiché volgare, alla stregua di un contenuto pornografico.

E continua: " Allora, centinaia di persone l’hanno condivisa e dopo alcune ore è stata di nuovo censurata. Ora l’ho postata anche io, perché penso che non ci sia proprio nulla di volgare".

Manuela, però, che ha sempre combattutto le sue battaglie con coraggio - come l'ultima impresa, una maratona di 15 chilometri, che le ha fatto guadagnare il record mondiale di marcia con un esoscheletro - non si arrende alla censura e commenta su Facebook: " Per mezzo capezzolo uscito per caso vi siete scandalizzati? Beh allora restate in casa, chiudete la porta e le finestre, spegnete la televisione, chiudete il computer.. Così forse riuscirete a non scandalizzarvi più.. Ah dimenticavo tirate via anche gli specchi che il vostro riflesso potrebbe farvi paura!"

Commenti

cgf

Gio, 13/10/2016 - 14:08

invece le ragazze di 14 anni, irlandesi? quelle si che vanno bene, anche se nude.

manfredog

Gio, 13/10/2016 - 16:44

Volevo commentare seriamente, ma dopo aver letto la risposta della Signora Manuela Migliacci, credo che non servano altre parole o commenti. mg.