La Federazione delle associazioni animaliste: "Basta con gli animali nei circhi"

Presentato al sindaco di Parma un prototipo di regolamento comunale con precise disposizioni a tutela del benessere e del rispetto dei diritti degli animali nei circhi e nelle mostre itineranti. La Brambilla: "Scrivere la parola fine alla tortura psicologica e fisica imposta agli animali"

Stop agli animali selvatici nei circhi. La Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente vuole andare fino in fondo. E per questo ha proposto un prototipo di regolamento comunale, dal titolo "Tutela del benessere e rispetto dei diritti degli animali, nei circhi e nelle mostre itineranti", che contiene delle precise disposizioni a riguardo.

Si va dal divieto di detenere specie in via di estinzione o il cui modello gestionale non è compatibile con il mantenimento in una struttura mobile alla notifica della domanda di attendamento anche ai controinteressati (per esempio le associazioni animaliste) passando per l'obbligo di seguire corsi di formazione per il personale addetto e per la presentazione di un piano d’emergenza in caso di fuga di animali.

Ma queste sono solo alcune delle disposizioni contenute nel testo che la presidente della Federazione Michela Vittoria Brambilla ha consegnato oggi al sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, e che verrà proposto a tutti i comuni italiani. Con la speranza che possano recepirlo.

Il documento si rifà alle linee-guida della commissione istituita al ministero dell’Ambiente, riconosciute anche dalla giurisprudenza come punto di riferimento per il mantenimento degli animali
nei circhi e nelle mostre itineranti.

Entrando nel dettaglio delle misure contemplate, si evidenzia inoltre come il circo sia tenuto a presentare un piano alimentare per le specie ospitate che risponda alle diverse esigenze fisiologiche e nutrizionali

"È importante fissare regole molto severe a tutela dei "protagonisti involontari" dei numeri da circo, mettendo le amministrazioni al riparo da possibili ricorsi. Ma l'obiettivo resta uno soltanto: scrivere la parola fine alla tortura psicologica e fisica che viene imposta agli animali nei circhi per l'incomprensibile divertimento del pubblico. Uno spettacolo diseducativo che vede povere creature spogliate della propria dignità e ridotte all'ombra di loro stesse. Il tempo del circo con gli animali è davvero scaduto. Ed è solo salvando gli animali dal circo che potremo tutelare la vera arte circense, fatta da acrobati, trapezzisti, giocolieri ed altre meravigliose prove di abilità, che nulla ha a che vedere con la tortura di povere creature strappate al loro habitat naturale", ha dichiarato l'on. Michela Vittoria Brambilla.

Che poi ha ricordato come,"secondo la legge 337 del 1968, i circhi con animali ricevano finanziamenti dallo Stato - attraverso il FUS che è gestito dal ministero dei Beni Culturali - e che, negli ultimi 7 anni, questi sono stati pari a 42 milioni di euro". Una realtà che stona con il difficile momento di crisi economica che i contribuenti devono sostenere.
Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 12/10/2012 - 14:22

Le animaliste potrebbero proteggere anche certe madri femministe che cercano nel libero amore il "rifacimento" di una loro vita.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 12/10/2012 - 14:22

Le animaliste potrebbero proteggere anche certe madri femministe che cercano nel libero amore il "rifacimento" di una loro vita.