Fermato un afghano sul Tgv. Sul cellulare foto di guerra

Sono in corso approfondimenti degli investigatori torinesi sull'uomo fermato dalla polizia di frontiera di Bardonecchia, tra Francia e Italia, domenica a bordo di un Tgv

Sono in corso approfondimenti degli investigatori torinesi sull'uomo fermato dalla polizia di frontiera di Bardonecchia, tra Francia e Italia, domenica a bordo di un Tgv. Il giovane, un afghano di 22 anni, aveva nello zaino diversi telefoni cellulari e uno satellitare e una ventina di schede sim. Sulle memorie dei telefonini gli inquirenti hanno trovato immagini di guerra, si pensa di Siria e Iraq, tra cui una che ritrae dei miliziani armati con accanto delle teste mozzate. L'uomo ha raccontato di essere fuggito dal suo paese e aver vissuto per una decina di anni a Londra e di aver poi deciso di raggiungere Roma per chiedere asilo politico. L'uomo, fermato per ricettazione, è stato scarcerato dal gip perché non si è potuto accertare il reato contestato. Al momento è stato trasferito presso il Cie torinese. Gli investigatori, coordinati dal pm Andrea Padalino, sono al lavoro per verificare la sua storia e soprattutto capire a chi fossero destinate le schede telefoniche e cosa dovesse fare il giovane in Italia.