Ferrara, partorisce in casa e nasconde il corpo del neonato nel freezer

Una donna si è presentata all'ospedale di Ferrara con un grave emorragia. Al risveglio dal coma ha raccontato di aver partorito il figlio e averlo nascosto nel freezer

Ha partorito il bimbo che portava in grembo e poi ha nascosto il corpo nel freezer. Protagonista di questa tremenda vicende è M.R., donna 40enne di Migliarino, in provincia di Ferrara. Poco dopo si è recata all'ospedale locare, dove è ricoverata in gravi condizioni. Nel racconto fatto ai medici ha parlato di una caduta.

"Il corpo è nel freezer"

La 40enne si è presentata martedì all'ospedale di Ferrara con una grave emorragia, riferendo di una caduta avvenuta 4 giorni prima. I medici dopo le prime analisi si sono resi conto che la paziente poteva aver avuto un aborto o un parto prematuro di un neonato di sei mesi. Martedì e mercoledì, gli agenti di polizia hanno cercato il corpo del neonato nella casa in cui vive la donna insieme al marito e agli altri 6 figli. Ma del corpo del piccolo nessuna traccia.

La donna, svegliatasì dal coma giovedì, ha raccontato di aver nascosto il corpo nel freezer di casa, luogo in cui gli inquirenti lo hanno trovato. La procura ha immediatamente aperto una indagine, sequestrato la casa e valutato la posizione della donna e del. L'uomo, ascoltato poco dopo la tremenda scoperta, avrebbe riferito di non essere a conoscenza della gravidanza della moglie, come riporta Il Messaggero.

Il prossimo passo sarà quello dell'autopsia, che dovrà se il feto è nato vivo. L'indagine inoltre punta ad accertare la completala situazione familiare che ha fatto da sfondo alla vicenda: la coppia da quanto si apprende da fonti investigative vive una situazione in casa di assoluto degrado.

Commenti

ORCHIDEABLU

Ven, 09/06/2017 - 12:54

Ecco invece di aiutare con assegni familiari li abbandonano per portagli via la famiglia e darli in adozione.

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 09/06/2017 - 13:07

che dire !

chebarba

Ven, 09/06/2017 - 13:20

Ecco un'altra assassina e un compagno che non sapeva nulla della gravidanza per cui è pronta la giustificazione. il crimine nasce sempre dal degrado che sia morale o morale e materiale insieme. Lo stato deve far si che i rei si assumano la lororesponsabilità no giustificarli. Non è meno grave che abbiano ucciso il loro figlio anzichè quello di altri, anzi per il codice è un'aggravante, i figli non sono oggetti di cui ci disfiamo sono persone, come mai una donna che uccide è sempre pazza o giustificata e l'uomo no? i femminicidi non nascono dal degrado?

chebarba

Ven, 09/06/2017 - 13:21

Perchè la vita d un bambino e meno sacra o se volete vale meno di quella di una donna, di un gay o addirittura di quella di un animale per cui ci sono fior fiori di associazioni che si battono e fanno tanta caciara inutile?????

Ritratto di cicciomessere

cicciomessere

Ven, 09/06/2017 - 15:26

Non posso fare commenti per non offendere le bestie.

VittorioMar

Ven, 09/06/2017 - 17:00

...PERCHE' NON DARLO IN ADOZIONE ??..CI SONO ENTI PREPOSTI A SEGUIRE QUESTE VOLONTA'; BASTA RIVOLGERSI AI SERVIZI SOCIALI ....O ALLE SUORE...UN TEMPO C'ERANO LE "RUOTE" !!...QUI NON C'ENTRA IL DEGRADO MA LA COSCIENZA!!!

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 09/06/2017 - 18:00

@ORCHIDEABLU: Ma come faranno a dare gli assegni familiari, se i soldi vengono spesi per i tuoi amici negri clandestini.

portuense

Sab, 10/06/2017 - 06:40

non devono aiutarli con assegni familiari ma con preservativi, tanti figli ma poco cervello.

Ritratto di massacrato

massacrato

Sab, 10/06/2017 - 07:01

E con concittadini ridotti a questi livelli, vogliamo salvare l'Africa? MA PER FAVORE!