La figlia del boss Totò Riina: "Onorata di portare il suo nome"

Insorge l'Associazione dei familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili: "Inorridisca davanti a tanto sangue versato"

"Dispiaciuta" per le vittime, ma "onorata" di portare il nome del padre. Lucia Riina, figlia del capomafia Salvatore (Totò) Riina, alla televisione svizzera non rinnega nulla. "Io sono onorata di chiamarmi così, e felice perché è il cognome di mio padre e immagino che qualsiasi figlio che ama i suoi genitori non cambia il cognome. Corrisponde alla mia identità", ha detto Lucia intervistata a Ginevra.

Parlando della sua famiglia, la figlia del boss ha detto: "Sono i miei genitori, siamo cattolici e devo dell’amore a mio padre e mia madre, a casa pregavano tutte le sere, il momento più brutto della mia vita è stato l’arresto di mio padre. Nostra madre è stata estremamente importante, poiché non abbiamo potuto andare a scuola. È lei che ci ha insegnato a leggere e a scrivere".

L?intervista ha destato non poche polemiche. "La figlia di Riina la sua favoletta di brava figlia che ama quell’assassino di suo padre, ma che le dispiace tanto per le vittime di mafia la vada a raccontare a qualcun altro e inorridisca una buona volta davanti a tanto sangue innocente versato", ha tuonato l’Associazione
dei familiari della strage di via dei Georgofili, aggiungendo che "la prossima volta che rilascia una intervista del genere penseremo seriamente a cercare la possibilità di querelarla per lesa memoria dei nostri morti".

Commenti

titina

Mer, 28/08/2013 - 12:03

Evidentemente condivide la condotta del padre. Se io avessi avuto un padre così avrei chiesto di cambiare cognome.

Giacinto49

Mer, 28/08/2013 - 12:03

Spero che riesca ad indirizzare il suo orgoglio ed amor proprio in senso concretamente positivo per attenuare, nel tempo, il peso del macigno che graverà per secoli sul suo cognome.

zccprb

Mer, 28/08/2013 - 12:05

quindi vuol dire che fa parte della mafia anche lei. Da chi è stata mantenuta la sua famiglia se non da un mensile dato da altri mafiosi. è la regola: quando un mafioso va in carcere la famiglia riceve un aiuto economico mensilmente dalle cosche mafiose

Ritratto di lorel

lorel

Mer, 28/08/2013 - 12:05

.....siamo cattolici...a casa pregavamo tutte le sere!!! Eggiagggà il tuo papino..tutto casa, chiesa e omicidi fu! Ma che tu abbia almeno la decenza di vergognarti cretina, altro che onorata!!! D'altra parte....da cotanto padre! CONTENTA TE....

Ritratto di Ignazio.Picardi

Ignazio.Picardi

Mer, 28/08/2013 - 12:08

Non vedo nessun commento su questo articolo.Forse qualcuno ha paura di sembrare schierato per l'una o l'altra parte. Allora questa è una Italia, ancora, piena di preconcetti.-->Al momento io intendo più che protestare difendere "almeno per quanto leggo" la signorina Lucia Riina. Non ha detto nulla che possa aver offeso questa "Associazione dei familiari della strage di via Georgofili", ha solamente detto: "siamo cattolici,amo i miei genitori, preghiamo tutte le sere, mi dispiace per le vittime della mafia, sono orgogliosa del mio nome". In sostanza cosa avrebbe dovuto dire ? oppure dobbiamo insegnargli di "uccidere il proprio padre perché è stato dichiarato colpevole dei suoi fatti" ? -->> NO!! questa risposta da parte dell' Associazione non mi è piaciuta. E' come dire "vendichiamo i morti con altra morte". Questa associazione è cattolica o fortemente Atea ? Gesù non ha insegnato questo agli uomini (naturalmente mi rivolgo ai cristiani di religione) oppure vogliamo seguire altri stati stati come la Cina o gli USA mettendo in atto la pena di morte ? --> siamo noi esseri umani a decretare ed aver il diritto di vita o di morte ? --> PERCHE' QUESTO E' QUELLO CHE PERCEPISCO

Vfor

Mer, 28/08/2013 - 12:11

Io proporrei la Grazia,... ormai, la chiedono tutti...

il gotico

Mer, 28/08/2013 - 12:19

Dispiaciuta per le vittime ma orgogliosa che sia stato il padre l'artefice ? Quanto mi fa schifo leggere queste notizie e quanto mi fa schifo questa donna.

Gius1

Mer, 28/08/2013 - 12:26

#Vfor inorridisco al tuo sarcasmo. la tua insinuazione e´come se venisse da uno che e´stato al mercato a vendere il proprio cervello(ammesso se ne hai uno)

Ritratto di CiccioCha

CiccioCha

Mer, 28/08/2013 - 12:26

Son daccordo con Picardi; d'altronde, cosa pretendevate dicesse una figlia del propio padre? E' stato scritto anche un romanzo su questo tema: ^ Era mio padre ^

Gius1

Mer, 28/08/2013 - 12:26

#Vfor inorridisco al tuo sarcasmo. la tua insinuazione e´come se venisse da uno che e´stato al mercato a vendere il proprio cervello(ammesso se ne hai uno)

Ritratto di ersola

ersola

Mer, 28/08/2013 - 12:29

la madre le ha imparato a leggere e scrivere ma non certo a pensare prima di parlare.

Ritratto di EMILIO1239

EMILIO1239

Mer, 28/08/2013 - 12:39

Non sta a noi giudicare l'affetto di una figlia per i propri genitori, malgrado che ha fatto cose imperdonabili.

moshe

Mer, 28/08/2013 - 12:43

Mi fa schifo il solo vederla in fotografia. Bisognerebbe fare una bella indagine per capire di che proventi vive; se ne occuperà la magistratura o la finanza?

Ilgenerale

Mer, 28/08/2013 - 13:09

Questa e' gente delirante, una così va rinchiusa in un ospedale psichiatrico e buttata la chiave della cella! La metterei tra Hannibal Lecter e Jason Mayers!

giovauriem

Mer, 28/08/2013 - 13:19

cambiare nome,no!avresti dovuto avere la dignità di cambiare padre

Il giusto

Mer, 28/08/2013 - 13:21

Che c'è di strano?In fondo anche marina difende il pregiudicato!Senza un cosi "buon padre"sarebbe stata una normale casalinga!Ovviamente parlo di marina,la "grande imprenditrice!!!

Ritratto di stock47

stock47

Mer, 28/08/2013 - 13:36

Non vedo perchè mai le vittime del mafioso Rina si dovrebbero sentire offese da un commento del tutto naturale di una figlia. E' proprio vero che in Italia esistono i fanatici del dagli all'untore! Le colpe del padre sono solo individuali e non riguardano la sua famiglia. La figlia ha ragione a reclamare il diritto alla sua identità, e ci mancherebbe altro!

giovauriem

Mer, 28/08/2013 - 13:47

il giusto:PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR!

dondomenico

Mer, 28/08/2013 - 13:58

@ il giusto: ne ho visti di commenti idioti su questo sito, ma il tuo supera ogni immaginazione umana!

External

Mer, 28/08/2013 - 14:00

Mah, mi pare i giornalisti sfizzeri, abbiano chiamato la ragazza solo per fare uno scoop. Sul fatto che lei apparentemente non provi orrore per ciò che ha fatto il padre la dice lunga sul tipo di istruzione ricevuta.

mariolino50

Mer, 28/08/2013 - 14:02

L'amore prescinde dai comportamenti legali, da vedere poi se tutti veri, normalmente i genitori amano i figli qualunque schifezza facciano, e in genere è vero anche l'inverso.

Il giusto

Mer, 28/08/2013 - 14:19

Purtroppo,per lei,non si vergogna delle cose fatte dal padre.Evidentemente ha ereditato anche il"pelo sullo stomaco"del padre!Le auguro tanta infelicità e che le accada almeno una parte di quello che il padre ha causato ad altri!!!P.s. per i silvioti...ovviamente vale anche per marina il commento!!!

Emigrante75

Mer, 28/08/2013 - 14:44

Non so perchè la TV Svizzera l'abbia intervistata... Probabilmente erano a corto di argomenti. La cosa che più mi ha fatto inorridire è l'accenno allo spirito religioso praticato in famiglia. Quando si porta un cognome cosi, in generale, si cerca di mantenere un profilo bassissimo, altro che andare in TV....

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 28/08/2013 - 14:51

Condivido il pensiero della associazione.Ma finche avremo una parte di Italia rossa che quando e´al governo tratta con i mafiosi, e quando sta all opposizione da del Mafioso a Silvio Berlusconi, questo mi fa ridere e piangere di essere nato in questa valle di lacrime chiamata Italiaex belpaese fino al 1945.

biricc

Mer, 28/08/2013 - 15:04

Immagino che per rilasciare questa intervista oscena si sia fatta pagare un lauto compenso. Lo stato dovrebbe sequestrare i beni dei mafiosi fino alla decima generazione.

External

Mer, 28/08/2013 - 15:06

Sarebbe anche bello vedere come i figli di il giusto lo giudicano. Così tanto per avere un altro esempio.

fedeverità

Mer, 28/08/2013 - 15:10

salve,chi fà paragoni con Berlusconi è veramente povero!!!e non di soldi!!nessun può dire il contratio. Per la figlia....che commento si può dare....CHE VERGOGNA che prova...ma non lo può dire,ma sono certo che è così!

Emigrante75

Mer, 28/08/2013 - 15:12

A proposito, se non sbaglio, anche l'onorevole Mussolini ha più volte ribadito il suo attaccamento alle radici familiari... Chi ne ha fatte di peggio?

killkoms

Mer, 28/08/2013 - 15:12

@vfor,già!l'hanno data ad un ex partigiano pluuriomicida e condannato all'egastolo che(latitante all'estero)dopo averla ottenuta entrò pure in parlamento col pci!per non parlare di chi l'ha proposta per i"compagni che sbagliano"degli anni di piombo!

killkoms

Mer, 28/08/2013 - 15:13

@ilgiusto,alisa il raglio d'asino che non arriva in cielo! p.s,e perchè il figlio di esposito sarebbe magistrato senza il paparino?

killkoms

Mer, 28/08/2013 - 15:17

@zccprb,nella mafia non ci si entra;ci si nasce!ma stranamente,per la nostra giustizia,la mafia è unreato comune,visto che sono stati recentemente scarcerati 6"colonnelli" di un noto mafioso latitante,per riformulazione della pena in quanto parrebbe gli sia stata tolta l'aggravente dell'associazione criminale!

Ritratto di nuvmar

nuvmar

Mer, 28/08/2013 - 15:33

questa povera di senno l'avrebbero intervistata se si fosse chiamata, chessò, falcone, per dire?

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 28/08/2013 - 15:33

Le hanno gia' offerto un posto in lista o a qualche talk show?

Ritratto di nuvmar

nuvmar

Mer, 28/08/2013 - 15:33

questa povera di senno l'avrebbero intervistata se si fosse chiamata, chessò, falcone, per dire?

Ritratto di sitten

sitten

Mer, 28/08/2013 - 15:34

Capisco l'amore della figlia per un padre, ma non capisco come possa vantarsi ed essere orgogliosa di un cognome che ha distrutto tante famiglie.

herbavoliox

Mer, 28/08/2013 - 16:14

(orgogliosa di un assassino) Complimenti. Almeno la decenza di restare zitta e nascondersi. E' questione di rispetto verso coloro che suo padre ha ucciso e fatto uccidere. Evidentemente l'istruzione che le ha dato la madre non è sufficiente. Non date voce a persone simili per favore.

mandilluforever

Mer, 28/08/2013 - 16:39

Bruna, occhi azzurri. Comunque sia, la Sig.ra Riina è una bella gnocca.

Ritratto di stock47

stock47

Mer, 28/08/2013 - 16:49

sitten, perchè mai non dovrebbe essere orgogliosa del suo cognome? Lei lega tale cognome al padre che le ricordo ha un nome. Le sue generalità servono solo ad identificare un individuo non a infangare un cognome. Chissà quanta gente si chiama con un cognome omonimo e sicuramente fra di loro ci deve essere qualche criminale, Enzo Tortora fece la sua "brava" esperienza in merito. Dovrebbe cambiare cognome anche lei, seguendo il suo ragionamento assurdo. Certo la ragazza è figlia e discendente del mafioso ma ciò che ha fatto il padre non infanga il cognome di tutti coloro che lo hanno preceduto o di tutti coloro che lo seguiranno, è solo che assurdo pensarlo. La figlia non ha voluto esaltare i crimini del padre ma il suo diritto ad avere un cognome che riporta la sua discendenza da un ceppo di antenati e forse ad un ceppo di futuri discendenti che non hanno niente a che fare con quanto commesso da Salvatore Riina.

pastello

Mer, 28/08/2013 - 17:03

Che forza questa ragazza, con questa intervista sapeva di inimicarsi il mondo eppure non ha avuto esitazioni. All'esercito di pecore non par vero di potersi scagliare contro una donna sola. Le colpe del padre? Due lacrimucce, magari finte, solo per giustificare l'ennesimo salto sul carro del più forte. Cara Lucia, non ti conosco ma apprezzo il tuo coraggio.

mandilluforever

Mer, 28/08/2013 - 17:03

Bruna, occhi azzurri. Comunque sia, la Sig.ra Riina è una bella gnocca.

eovero

Mer, 28/08/2013 - 17:14

in taglia i Siciliani possono dire quello che vogliono,tanto nessuno lì condannerà (razza protetta),ma quando saranno difronte a San Pietro e che nemmeno lì riceverà,vedremmo se saranno orgogliosi!!

giovauriem

Mer, 28/08/2013 - 17:35

eovero: ma va fà 'nculo si sempe 'o solito strunz,non stai mai alla notizia e hai la bava alla bocca contro chiunque non e cartellinato sulle orecchie(come le vacche)come té

il gotico

Mer, 28/08/2013 - 17:49

Visto il coraggio, per non chiamarla arroganza, della figlia del sanguinario, sarebbe interessante se offrisse il bis alla tv di stato, magari con la presenza dei parenti delle vittime del padre... i figli di Al Capone dissero che loro padre fu un genitore adorabile, indubbiamente non raccontava loro gli omicidi commissionati, mi chiedo quale essere umano si vanti di portare con onore (?) un cognome che ha versato fiumi di sangue onesto... Signora Riina mi descriva quella sensazione di onore nel vantarsi di portar a testa alta quel cognome, mentre la televisione e le immagini mostravano i pezzi di carne dei giudici e dei poliziotti saltati in aria a Capaci o in via d'Amelio ? Ha provato un moto d'orgoglio nel veder piangere i parenti al funerale ? Prova un fremito di passione nel sapere i chili di droga che suo padre ha disseminato nel nostro paese ? Quanti morti sono da imputare al boss di Corleone ? Ci illumini su questo punto, spieghi concretamente il significato della parola onore.

eovero

Mer, 28/08/2013 - 17:56

giovauriem stronz:di solito non rispondo mai,tutti sono liberi di postare,ma tu conduttore di pecore faresti meglio a tacere!!siete voi il debito pubblico e vi avanza ancora il tempo di criticare!!!

Nadia Vouch

Mer, 28/08/2013 - 18:55

Una così, più che intervistata, andrebbe indagata.

titina

Mer, 28/08/2013 - 19:26

x ersola. la madre , invece di insegnare ai figli a leggere e scrivere, avrebbe fatto meglio a insegnare loro la differenza fra il bene e il male.

Seawolf1

Mer, 28/08/2013 - 19:31

pregavano tutte le sere? E per chi? Per i morti ammazzati? Ma perchè si ostinano ad intervistare questo tipo di gente che con la gente nulla ha che vedere...

Gius1

Mer, 28/08/2013 - 19:42

ilgiusto, povero di materia prima.un´oca ha sicuramente piu´di te. impara a vivere in mezzo la gente e risparmiati i sarcasmi. Un consiglio personale : RISPETTA IL FUTURO e LE IDEE ALTRUI, come fanno la maggior parte dell´umanita´-

beale

Mer, 28/08/2013 - 21:54

L'errore non sta nelle dichiarazioni rese ma nell'intervista.Era indispensabile?All'inseguimento dell'audience?

forbot

Mer, 28/08/2013 - 23:02

Secondo me questa signora non ha detto o fatto nulla di male, per essere da tanti, apostrofata in modo poco riguardoso. C'è un detto antico che dice:< I peccati di mio padre li pago io che son l'erede? > Che colpa si può imputare ad un figlio, se dice che non cambia il nome perchè è quello che lo identifica? Non ha mica condiviso l'attività del padre, sennò perchè non è dentro anche lei? Nè sappiamo se ne era a conoscenza.- Perciò in mancanza di prove certe eviterei di martirizzare chi neanche è indagato. E poi, anche se l'avesse saputo, cosa poteva fare? Proibire al padre di fare il mafioso? Normale sentirsi dispiaciuta per le vittime.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 29/08/2013 - 00:55

Nessuna meraviglia. Ha ereditato il cinismo di suo padre. Un assassino che non ha esitato a far uccidere delle persone innocenti per i propri sporchi interessi. QUESTO E' IL VERO VOLTO ATROCE DELLA MAFIA E DI CHI VIGLIACCAMENTE LA SOSTIENE.

Gianni Barbero

Gio, 29/08/2013 - 09:15

Beh,anche negli USA stentano a credere che il "Padrino" immortalato da Marlon Brando,ricco e potente,circondato di picciotti e figli armati,fosse in realtà quell'ometto dimesso,che faceva il contabile,vivendo una vita in fuga per decenni insieme ad una moglie maestra. Non comprendo quindi lo stupore nell'apprendere che i figli conoscono di lui solo quest'aspetto,e non credono alle verità processuali,come tanti figli di persone pur condannate (Sofri,per esempio).

Alessio2012

Gio, 29/08/2013 - 09:39

E' bella... !!! E poi noi che ne sappiamo come sono andate le cose?

Nadia Vouch

Gio, 29/08/2013 - 12:06

Falcone e Borsellino e Tanti Altri, che hanno versato il Loro sangue per permettere a tutti di essere liberi, non hanno insegnato nulla? Per esempio, che la mafia (e affini) usano un preciso linguaggio sia verbale che fisico nell'esprimersi. La mafia (e affini) sono società nella società, con un loro governo e con loro sottoposti. Non dimentichiamo, mai, che l'Italia è uno Stato sovrano e noi tutti, i cittadini italiani, dovremmo appartenere solo allo Stato Italiano! Questa donna, volente o nolente, è figlia di mafioso.

roberto.morici

Gio, 29/08/2013 - 12:42

Diciamo che la signorina Riina sia stata, quanto meno, inopportuna. In merito alle preghiere serali non ha detto se, per caso, fossero recitate in suffragio delle anime dei morti ammazzati per ordine di suo padre. @il giusto. Ma Lei, Berlusconi, se lo sogna dinotte? Se ne faccia una ragione: è tempo sprecato, a leggere le cronache.

angelomaria

Gio, 29/08/2013 - 14:29

PROPRIO UN BEL onore!!!