Il figlio non vuole uscire: la madre lo aggredisce col coltello

Paura in un’abitazione in provincia di Chieti: dopo aver ottenuto un rifiuto da parte del figlio al suo invito di uscire a fare una passeggiata, la donna ha letteralmente perso la ragione. Afferrato un coltello, si è avventata come una furia sull’adolescente

È finita a processo una 42enne di Lanciano (Chieti), accusata di avere commesso violenza domestica nei confronti del figlio adolescente, aggredito con un coltello e salvo per miracolo.

Stando a quanto riferito dagli inquirenti, l’episodio risale al mese di giugno dello scorso anno.

La vittima, un ragazzo di 15 anni, si trovava nella propria stanza quando sua madre lo ha raggiunto, chiedendogli di uscire con lei a fare una passeggiata.

Il rifiuto del giovane ha letteralmente fatto infuriare la donna che, afferrato un coltello da cucina, si è avventata sul figlio. Accecata dalla rabbia, la 42enne ha sferrato ben 20 colpi, senza fortunatamente mai riuscire a prendere il ragazzo.

Vedendolo fuggire, ha allora rivolto il coltello contro di sé, minacciando di ferirsi.

Resta ancora ignoto che cosa sia accaduto dopo. A testimonianza del terribile fatto, i segni rimasti sul letto dove era disteso il 15enne e su un armadio.

Il sostituto procuratore Francesco Carusi ha da poco conluso le indagini incentrate sulla figura della donna, che dovrà pertanto presentarsi in aula di tribunale per difendersi dalle accuse di minaccia e tentato delitto di lesioni personali, con tanto di aggravante per avere aggredito un diretto discendente.

Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Dom, 10/02/2019 - 20:27

In una famiglia normale la madre avrebbe dovuto segnalare subito la disobbedienza del figlio al padre di famiglia, il quale avrebbe provveduto a correggerlo anche con punizione fisica. Purtroppo i comunisti hanno istallato il "Telefono Azzurro" che istiga i figli alla ribellione, come se non bastasse il femminismo che istiga le madri. Ma Dio comanda ai figli di onorare la madre, a alla madre di onorare il padre. Ove onorare implica obbedire. La colpa é del precipitosamente santificato Paolo 6 che demoralizzava la Chiesa quindi l'Italia, col "Nuovo Diritto di Famiglia" firmato Andreotti, che resti dov'è.

killkoms

Dom, 10/02/2019 - 21:17

avrà i suoi problemi (di zucca)!