Fino al 2016 per un cimitero

Area produttiva occupata per ampliare lo spazio per le sepolture

Le storie di malagiustizia raccontate dalle vittime al sito web del "Giornale". Scrivici anche la tua: malagiustizia@ilgiornale-web.it. La porteremo al ministro della Giustizia, Anna Maria Cancellieri

Nel 1988 il Comune di Rottofreno, amministrato da politici animati da un'incrollabile fede bolscevica, occupava un'area di 3.360 mq. di proprietà della Prefabbricati San Nicolò snc. Essa era una porzione di terreno edificabile di natura produttiva industriale, destinata dalla proprietaria a deposito dei suoi prodotti ed, in parte, ad area di produzione di manufatti in cls. a cielo aperto. Essa era classificata dal Prg in D1. ed è stata utilizzata per l'ampliamento del Cimitero Urbano di San Nicolò, senza aver mai comunicato ed eseguito la procedura di dichiarazione di pubblica utilità, senza mai aver informato la Prefabbricati San Nicolò del progetto relativo , senza mai aver eseguito il procedimento di esproprio e senza mai aver offerto alcun indennizzo. Su questa area sono stati costruiti n. 645 loculi, in 19 cappelle , date in concessione ai cittadini mediante un corrispettivo comprensivo anche dell'importo per acquistare l'area privata.

I lavori ebbero inizio in data 25.07.1988 e la fine dei lavori fu dichiarata il 28.08.1989.Da allora a tutt'oggi la Prefabbricati San Nicolò non gli fu mai riconosciuto alcun compenso, tranne promesse mai mantenute. In data 14.07.2008 , prima che si estinguesse il diritto dell'indennizzo e si formasse il diritto per usucapione a favore del Comune di Rottofreno ., la Prefabbricati San Nicolò denunciò il Comune di Rottofreno al Tribunale di Piacenza con la rivendicazione ex art.948 c.c. chiedendo o la restituzione dell'area o il relativo indennizzo. Il giudice istruttore,senza alcun accertamento e senza alcun contraddittorio, alla prima udienza, concesse la sospensione in attesa che fosse definita la causa della nullità dei rogiti, che in appello fu rinviata all'udienza per le conclusioni al 27.9.2016 alle ore 11. Oggi la Prefabbricati San Nicolò si trova, dal 1988 e forse fino al 1920 prossimo venturo , senza la possibilità di farsi pagare il suo indennizzo, ammontante ad oggi ad Euro 1.320.000,00.