Brasile, si fingeva un rocker. Ha stuprato decine di giovani ragazze

Portava le vittime adolescenti nei cimiteri, le convinceva a bere bevande a base di sangue di animali e poi le violentava durante "riti satanici"

Le vittime di Renato Reis Fragata sono tutte adolescenti ed hanno un'età compresa tra i 13 e i 17 anni. Il manovale brasiliano fingeva di essere una rockstar e convinceva le ragazze a partecipare a "riti macabri, dicendo di essere seguace di una setta satanica" e le stuprava.

Le indagini sono partite grazie alla denuncia di una preside di una scuola comunale di Iranduba, in Brasile, insospettita dal repentino cambiamento di alcune sue alunne, che avevano cominciato ad abbigliarsi in stile "goth". Negli ultimi tre mesi, l'uomo avrebbe stuprato almeno 18 ragazze di questo istituto.

Fragata, come racconta la polizia, convinceva le ragazze a partecipare a riti satanici all'interno dei cimiteri, facendo bere loro bevande a base di sangue animale, principalmente di gatti e capre. Le invitava poi ad unirsi sessualmente con lui per poter diventare streghe

Durante i rapporti, il maniaco fotografava e postava le foto delle vittime sui social network. Arrestato dalle forze dell'ordine, l'uomo ha ammesso i propri crimini, aggiungendo però di non essere affatto pentito.