Fisco, per Raoul Bova i pm chiedono un anno di carcere

La procura di Roma chiede un anno di carcere per l'attore Raoul Bova: è accusato di "dichiarazione fraudolenta mediante artifici"

Un anno di reclusione per "dichiarazione fraudolenta mediatnte artifici" a Raoul Bova è la richiesta di condanna avanzata dalla procura di Roma nel processo che vede imputato l'attore ee la sua ex moglie Chiara Giordano. Una pena più alta è stata invece è stata sollecitata nei confronti della sorella Daniela, a cui toccherebbero 16 mesi di reclusione

L'accusa dei pm

Stando all'originaria ipotesi accusatoria, che la difesa contesterà nella prossima udienza, Bova avrebbe trasferito alcuni costi alla società che gestisce la sua immagine con un escamotage finanziario, finalizzato a eludere il fisco. La presunta evasione sarebbe di quasi 700mila euro tra il 2005 e il 2011) attraverso il pagamento di un'aliquota Iva più bassa.

Ora spetterà alla difesa dell'attore provare a contestare l'accusa avanzata dei pm secondo cui l'artista avrebbe usato dei un trucco finanziario per pagare un iva più bassa, si va dalla simulazione della cessione di alcuni diritti sui film alla simulazione dell'esistenza del diritto a ottenere sgravi fiscali.

Commenti

agosvac

Gio, 06/07/2017 - 17:26

Strano che un certo de benedetti che ha un contenzioso di centinaia di milioni sia ancora libero cittadino!

Carlopi

Gio, 06/07/2017 - 18:55

Forse è stato solo malconsigliato però è vergognoso che così tanti personaggi dello sport e dello spettacolo, che guadagnano cifre da capogiro, siano tanto ingordi da voler speculare anche sull'evasione delle imposte.

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 07/07/2017 - 08:21

Più ne hanno e piu'ne vogliono.