Da Fitch fino a Moody's: così l'Italia è nel mirino

Il nostro Paese torna nel mirino delle agenzie di rating. Fitch ha tagliato il suo giudizio, portandolo da ’BBB+’ a ’BBB’ con outlook stabile. L'ultimo colpo all'Italia

Il nostro Paese torna nel mirino delle agenzie di rating. Fitch ha tagliato il suo giudizio, portandolo da ’BBB+’ a ’BBB’ con outlook stabile. Qualche mese fa l’agenzia di rating aveva rivista col segno negativo l’outlook legandolo all'ncertezza politica per l'esito del referendum costituzionale dello scorso 4 dicembre.


Adesso Fitch motiva il suo downgrade con la crescita debole e il ritardo nel risanamento dei conti e mette in guardia sull’escalation dei rischi politici legati all’ascesa dei populisti. Dopo il referendum istituzionale e le dimissioni del premier Matteo Renzi, anche Moody’s aveva abbassato da stabile a negativo l’outlook sul debito dell’Italia e aveva lasciato capire che il rating poteva essere rivisto da ’Baa2’ a valori inferiori. S&P per ora prende invece tempo e ha lasciato il merito di credito dell’Italia a ’Bbb-’ con prospettive stabili. Anche la canadese Dbrs, la quarta agenzia di rating al mondo, ha tagliato lo scorso gennaio il giudizio sull’Italia da ’A a ’BBB’ con outlook stabile.

Commenti

nerinaneri

Sab, 22/04/2017 - 14:17

...ritornare al materasso...

soltantolaverita'

Sab, 22/04/2017 - 14:38

E' giusto far notare chew le AGENZIE DI RATING HANNO "QUALCOSA" CONTRO L'iTALIA. oRA,PERO'sareebbe importante chiedersi perche',apertamewnte. Tutta la verita'

vottorio

Sab, 22/04/2017 - 15:17

è davvero straordinario che le più prestigiose "agenzie di rating" ce l'abbiano con l'Italia e per quale ragione? sono forse invidiosi degli italiani perché sono sempre i migliori, oppure perché sono in prevalenza governati da incapaci dediti alla "truffa"?

vottorio

Sab, 22/04/2017 - 15:19

è davvero straordinario che le più prestigiose "agenzie di rating" ce l'abbiano con l'Italia e per quale ragione? sono forse invidiosi degli italiani perché sono sempre i migliori, oppure perché sono in prevalenza governati da individui incapaci dediti alla "truffa"?

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 22/04/2017 - 17:56

Stanno preparando qualcosa, l'ennesima speculazione. Okkio allo spread. Che poi suamo gestiti da un governo comunista infame e incapace è un altra storia.

ivanox

Sab, 22/04/2017 - 18:09

State pur certi che usciranno i soliti creduloni pronti a sostenere che se l'Italia affonda è colpa dell'Euro, dell'Europa, del FMI, di Fitch o di chissà chi, e non dei Politici ladri e corrotti che rubano e sperperano le nostre risorse per comprarsi il consenso elettorale.

Popi46

Dom, 23/04/2017 - 05:42

@Ivanox- "per comprarsi il consenso elettorale ", quindi non colpa dell'Europa ecc,ECC, ma di coloro che si sono fatti comprare cioè di noi cittadini che li abbiamo votati

Iacobellig

Dom, 23/04/2017 - 06:52

LA STRATEGIA NELLA UE: IL PIÙ FORTE LASCIA ATTACCARE IL PIÙ DEBOLE COSÌ LO PUÒ MANGIARE CON MAGGIORE FACILITÀ MENTRE FINGE DI AIUTARLO!!!

Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Dom, 23/04/2017 - 08:09

Hanno perfettamente ragione perchè parlano di un paese fondato sulla divisione manichea in amici e nemici. Coop, banche, industrie, onlus, partiti politici, televisioni se amici diventano stipendifici che non reggerebbero la concorrenza se non avessero (in cambio di mazzette) aiutini sotto forma di canoni, esenzione da tasse (coop), trattamenti di favore, sovvenzioni. Come se non bastasse queste "pratiche" distruggono i concorrenti di queste associazioni a delinquere, che non ce la fanno a contrastare gli aiutini ed a pagare il mare di tasse. Soluzione? ..... Puntare il dito contro le agenzie di rating che non saranno popolate da candidi gigli, ma hanno gioco facile con questa italia di truffatori smidollati.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 23/04/2017 - 08:30

@nerinari - ma se sotto il materasso ci metti quello che diventerà carta straccia, non serve a nulla, se non in bagno.

routier

Dom, 23/04/2017 - 08:43

Quale credibilità possono avere le Agenzie di Rating che sono indagate da mezzo mondo? (vedi Italia, Australia, ecc.)