Fiumicino, fermato trafficante con coca nel body di pizzo

In cinque portavano 140mila dosi tra cocaina ed eroina

Otto chili di droga sono stati intercettati nelle giornate di ponte durante i controlli dello scalo Leonardo Da Vinci di Fiumicino dai finanzieri del comando provinciale di Roma.

A portarli erano cinque persone: uno slovacco, tre spagnoli e una cittadina domenicana. In particolare la domenicana proveniente da San Paolo ha tentato di superare la barriera dei controlli con un carico di oltre due chili di cocaina nascosta all’interno di alcune confezioni di caffè brasiliano, mentre una spagnola proveniente da Madrid aveva ingerito cinquecento grammi di purissima eroina

Lo slovacco, invece, era partito da San Paolo e sotto gli ampi abiti indossava un body di pizzo completamente imbottito con due chili di cocaina. Un corriere spagnolo, proveniente da San Paolo, aveva invece nascosto tre chili di cocaina dentro cinque cilindri di alluminio contenuti dentro alcune scatole di cartone nel bagaglio da stiva, mentre un suo connazionale aveva 50 ovuli di eroina nello stomaco ed è stato ricoverato all’ospedale Grassi di Ostia.

Grazie all’elevato grado di purezza, il quantitativo sottoposto a sequestro, dopo le operazioni di taglio, sarebbe stato suddiviso in oltre 140mila dosi fruttando così alle organizzazioni criminali oltre 3 milioni di euro, soldi che avrebbero alimentato le casse della malavita romana. I cinque trafficanti sono stati portati nel carcere di Civitavecchia e dovranno rispondere di traffico internazionale di stupefacenti.