Il flop delle unioni civili: solo mille in un anno

Sono poco più di mille le unioni civili registrate tra coppie omosessuali a un anno dall'approvazione della legge

Sono poco più di mille le unioni civili registrate tra coppie omosessuali a un anno dall'approvazione della legge. I matrimoni sono sparsi un po' su tutto il territorio nazionale, da nord a sud, ma una buona fetta di queste unioni civili riguardano le città di Roma e Milano. Ma i numeri sono al ribasso, un flop vero e proprio. Come riporta LaStampa, a frenare le unioni civili sarebbe il nodo sulla questione dei figli. Marilena Grassadonia, presidente dell'associazione Famiglie Arcobaleno, spiega sempre a laStampa: " Il provvedimento dell' 11 maggio è nato non solo monco, ma anche vecchio. «In questi mesi le persone si sono unite per senso di responsabilità ma è una ferita che brucerà finché non si riuscirà a conquistare il diritto dei figli di essere riconosciuti dal genitore non biologico che non ha nulla di diverso dal legame che si crea con il padre.È un diritto che stanno riconoscendo i giudici di tutt' Italia. Finora ci sono state 8 sentenze positive e 2 negative. E ce ne sono decine che aspettano giudizio. Non è giusto che si crei un' ulteriore discriminazione. Chiediamo che la politica si assuma le sue responsabilità e legiferi in modo finalmente chiaro". Di fatto le associazioni Lgbt si attendevano almeno 10mila unioni civili durante il primo anno. E il flop lo riconosce la stessa Monica Cirinnà che ha dato il nome alla legge per i matrimoni gay: "Ci vuole tempo. Che cosa avremmo dovuto fare, costringere le coppie a sposarsi?"

Commenti

Totonno58

Lun, 24/04/2017 - 13:48

E allora?

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 24/04/2017 - 14:05

Ma come solo mille... a sentire le profezie delle cassandre la legge Cirinnà sappresentava l'inizio dell'armageddon con il genere umano destinato all'estinzione! Non capisco poi questa malcelata esultanza per i numeri contenuti relativi alle unioni civili: come dice giustamente la Cirinnà bisognava forse obbligare i gay a sposarsi? Insomma, alla fine nessuno stravolgimento del nostro tessuto sociale a fronte di maggiori diritti per la cittadinanza, esattamente quello che si prospettava. Meglio di così...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 24/04/2017 - 15:28

Ma infatti l'obiettivo non era certo rendere "famiglie" coppie di omosessuali. Loro sono solo il pretesto, gli stupidi fantocci. Lo scopo era scardinare la concezione di matrimonio e famiglia e quindi distruggere la società. E' l'agenda massonica.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 24/04/2017 - 15:44

Per tutti gli altri, solo corna?

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 24/04/2017 - 16:19

Ausonio: tu sei sposato? Ce l'hai una famiglia? Dopo l'approvazione della Cirinnà senti questi legami meno saldi? In questo caso il problema è tutto e solo tuo ed è dovuto, probabilmente, a scarsa autostima nonché a profondi dubbi riguardo la solidità del vostro legame affettivo, e tutto ciò nulla ha a che vedere con la legge sulle unioni civili. Personalmente posso assicurarti che il mio matrimonio continua a viaggiare a gonfie vele e la prole cresce bella e sana. A me la fantomatica "agenda massonica" fa un baffo.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 24/04/2017 - 16:22

La tendenza moderna, tra gli etero, è la ricerca di nuove esperienze sessuali in assenza di vincoli matrimoniali. Figurarsi tra gli omo che, nelle notti di S.Francisco, riescono copulare con decine di partners diversi. Concepire il vincolo matrimoniale per questi ultimi è, quantomeno, ignoranza delle dinamiche intrinseche alla loro sessualità.

Totonno58

Lun, 24/04/2017 - 16:57

Ausonio...dove la consulti l'agenda massonica?usa una comune planning, penso che ti aiuti ad orientarti meglio nel quotidiano...non dare retta a quelle stupidaggini, ti intossichi inutilmente, l'Amore è sempre bello!:)

ambrogiomau

Lun, 24/04/2017 - 17:28

Le famiglie arcobaleno potrebbero stare zitte. Non ci parole davanti alla pretesa di avere figli surrogati. Il discorso vale anche per i VIP .

Popi46

Lun, 24/04/2017 - 17:31

@Dreamer_66-- certo che sono pochi,certo che non sconvolgono il tessuto sociale, certo che esistono da sempre, certo che oggi nessuno li tocca qui da noi (i musulmani la pensano diversamente), certo che ognuno di noi non è interessato alle altrui attività sotto le lenzuola, ecc,ecc, ma era così indispensabile pagare per sedute e sedute i nostri parlamentari per una castroneria del genere?

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 24/04/2017 - 19:25

Popi46: in principio furono i PACS (2002) presentati dal CSX durante il governo Berlusconi. Inutile dire che non se ne fece nulla (aho... si doveva discutere il Lodo Schifani!). 2007, è la volta dei DICO durante il governo Prodi: levata di scudi dei cattolici di tutti gli schieramenti (fu l'anno del famoso Family Day). Pochi mesi dopo subentrarono i CUS, il governo Prodi cadde e la faccenda si chiuse lì. 2008, stavolta è il CDX a presentare i DiDoRe sui quali Gasparri ebbe modo di dire "non saranno mai messi all’ordine del giorno" (e in quell'occasione ebbe ragione). (continua)

Ritratto di Dreamer_66

Anonimo (non verificato)