Fondazione Grigioni e Aip, impegno per far conoscere e sconfiggere il Parkinson

Appello per unire forze e risorse da dedicare alla ricerca scientifica e alle attività immediate di diagnosi e cura

In Italia sono circa 200omila le persone che vivono con difficoltà la propria vita a causa della malattia di Parkinson. É una patologia neurovegetativa, a evoluzione lenta ma progressiva, che causa difficoltà di movimento, tremori, rigidità, problemi di equilibrio e altri disturbi collaterali. Il Parkinson colpisce persone soprattutto in età avanzata (ne soffre l'1-2% degli individui oltre i 60 anni e il 3-5% degli over 85), ma non risparmia neppure i giovani (il 5% dei pazienti può presentare un esordio tra i 25 e i 40 anni). Nata nel 1990, l'Associazione italiana parkinsoniani (Aip) promuove l'informazione sistematica su ogni aspetto della malattia di Parkinson e rappresenta il punto di riferimento per migliorare la vita dei pazienti informandoli costantemente sulle terapie farmacologiche, fisioterapiche e chirurgiche disponibili nei centri specializzati, e sulle problematiche non di carattere clinico quali la dieta, la logopedia e il sostegno psicologico. A oggi, l'Aip conta 20mila famiglie di pazienti iscritte e copre il territorio nazionale con 26 sezioni locali.

Dal 1996 la Fondazione Grigioni per il morbo di Parkinson collabora strettamente con l'Aip con l'obiettivo di combattere questa malattia sino alla sua sconfitta, attraverso un impegno assiduo e grazie alla dedizione dei propri ricercatori impegnati nel trovare soluzioni e nuove terapie farmacologiche in grado di alleviare i sintomi. La Fondazione ha inoltre lo scopo di individuare fonti di finanziamento e raccogliere fondi da destinare alla ricerca scientifica. È comunque necessario che i singoli malati e le relative famiglie scendano in campo personalmente per fornire un sostegno concreto alla ricerca scientifica. La Fondazione Grigioni contribuisce allo sviluppo e al progresso di diversi progetti di ricerca che hanno anche un immediato impatto sulle attività di diagnosi e cura dei pazienti affetti dal morbo di Parkinson. Sostenere la ricerca significa sensibilizzare l'opinione pubblica per la raccolta di fondi. La Fondazione Grigioni organizza e sponsorizza ogni anno diverse iniziative finalizzate a questo scopo, tra le quali la «Campagna dei 1000 eroi» e la collaborazione alla Fondazione Telethon nell'ambito del progetto «Banca del Dna». Anche quest'anno è possibile destinare il 5 per mille dell'imposta sul reddito delle persone fisiche ad associazioni e fondazioni non a fini di lucro che si dedicano al volontariato e/o alla ricerca scientifica, in base alla scelta di ogni singolo contribuente. Per concretizzare il desiderio di contribuire in misura sempre maggiore allo sviluppo della Fondazione Grigioni è sufficiente apporre la firma nel riquadro della dichiarazione dei redditi, indicando il codice fiscale della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson: 97128900152. Si può sostenere le attività della Fondazione anche attraverso altri strumenti. Accedendo alla pagina www.parkinson.it/dona-online.html si possono effettuare donazioni con carta di credito o carta prepagata - con tutta sicurezza garantita dal circuito Banca Sella - oppure tramite un proprio account PayPal. Se si preferisce, invece, una forma di versamento più tradizionale, ci si può recare in Posta e compilare un bollettino intestato a Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson sul c/c postale n. 37651460. In banca si può effettuare un bonifico a favore della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson (Ubi Banca Pop. Commercio & Industria: IT51S0504801798000000000672), con l'esonero delle spese di operazione perché «bonifico per ricerca scientifica» (www.parkinson.it ).