La Fornero non conosce il silenzio dei colpevoli

Se verso i contributi lo faccio per me, non per chi anche senza volerlo, o senza saperlo, mi ha tolto il diritto di costruirmi da giovane la mia vecchiaia

L'ex ministra Elsa Fornero non conosce la dignità del silenzio. Seduta sui suoi sommi privilegi, sullo stipendio da ordinaria universitaria, sul suo posto da sempre pubblico e però mescolato con le consulenze private, ieri ha avuto l'indecenza di dire questo: «I trentenni pensino al lavoro, non alla pensione». Le avevano fatto una domanda sulle dichiarazioni preoccupate del presidente dell'Inps, Tito Boeri, che ha fatto notare come i trentenni di oggi di fatto non avranno una pensione. E Fornero ha risposto così. Proprio con un linguaggio da esperta del mercato del lavoro. Da economista. Da professoressa. A 67 anni, ancora in carica da docente in attesa di godersi la sua meritata pensione e con un nuovo posto in un cda in una società quotata (quello della Centrale del latte di Torino) ha fatto chiaramente intuire tutta la sua inadeguatezza.Da ministra aveva definito choosy, ovvero schizzinosi, i ragazzi che pur con laurea, specializzazione, dottorato, non accettano un lavoro non consono alla loro preparazione. In linea teorica poteva anche avere ragione, ma una frase così avrebbe potuto dirla chi un lavoro modesto nella vita l'ha accettato, non chi ha vissuto sempre protetto dallo Stato assistenzialista. Non contenta, adesso sbeffeggia quegli stessi che oggi non trovano un posto anche se non sono choosy: con la disoccupazione giovanile al 40% non siamo neanche nel campo della scelta. Manca il mercato. E manca perché ci sono persone tipo la Fornero. Perché in questo Paese c'è una guerra generazionale senza quartiere. Da una parte gli over 60 che non cederanno di un millimetro, lì sul fronte della pensione a difendere quello che è rimasto di un'era felice e ricca che hanno sognato ma solo sfiorato. Il bengodi l'hanno preso quelli immediatamente prima, a loro va più o meno quanto hanno versato. Sono ancora dei privilegiati, ma non si sentono così.

Sono dei fortunati, ma non percepiscono questa fortuna. Subito sotto di loro ci sono gli over 50, alcuni dei quali sono incappati nel disastro vergognoso degli esodati, guarda caso creato dalla ministra Fornero. Poi i giovani, o presunti tali, visto che parliamo di under 45, prima che di under 30. Sono spacciati e lo sanno. Si lamentano del fatto che non avranno la pensione, ma ne hanno preso coscienza: questo Paese con loro non ha fatto neanche un patto. A chi ha trovato un lavoro chiede e basta. E chiede per pagare quelle pensioni ai loro genitori o fratelli maggiori.Sono fregati e la Fornero li insulta pure. Perché i privilegiati fanno così: chiedono agli altri di darsi una mossa. Chi ha potuto ai propri figli ha comprato una casa, convinto così di aver fatto il suo in questa battaglia interfamiliare spacciata per ricambio generazionale. Figlio mio ho risparmiato una vita per lasciarti qualcosa.

Sarebbe stato meglio lasciargli un lavoro, o quantomeno una speranza. La possibilità di farsi da sé, esigenti o no, la differenza la fa il mercato, ma lo Stato faccia il suo: non intervenga e non cambi i patti sul futuro. Se verso i contributi lo faccio per me, non per chi anche senza volerlo, o senza saperlo, mi ha tolto il diritto di costruirmi da giovane la mia vecchiaia. Oppure lasciami i contributi in tasca e a me ci penso da solo. Se trovo un lavoro, cara Fornero, non do un euro a nessuno tranne che a me stesso. I pensionati non possono essere un problema dei giovani. Gli esodati tantomeno. Il silenzio dei colpevoli sarebbe soltanto il minimo.

Commenti

fantomas

Gio, 10/12/2015 - 09:01

Nonostante l'astio ed il disprezzo che nutro verso la Fornero devo dire che in questa uscita ha ragione. Non capisco piuttosto Boeri che fomenta. se i sessantenni non sanno con che regole andranno in pensione figurarsi i trentenni!Come si può parlare di come sarà la pensione tra venti trent'anni quando il quadro economico cambia alla velocitò della luce.In Italia saremo 50 o 100 milioni?saremo ancora un paese industriale o ci saremo africanizzati? il nostro mostruoso debito pubblico sarà sceso o salito?

barbablu1961

Gio, 10/12/2015 - 09:11

La peggior ministra che la Repubblica abbia mai avuto, un'incapace totale che a 67 anni ruba ancora il posto ai "trentenni" come dice lei con stipendi a privilegi indecenti. Ma mandatela nella Corea rossa ad insegnare il nulla e l'insignificante.

Ritratto di centocinque

centocinque

Gio, 10/12/2015 - 09:11

Becera

vince50

Gio, 10/12/2015 - 09:16

Secondo il mio modesto parere,prima di dare incarichi di rilevanza nazionale fanno dei test approfonditi.Chi li supera viene immediatamente scartato,gli altri ne avranno diritto a pieno titolo.Per quanto riguarda gli aspetti personali sono molto accorti,per il resto un sciagura per tutti.

Rainulfo

Gio, 10/12/2015 - 09:23

A Roma le direbbero.... ma statte zitta và fà il piacere

Gioa

Gio, 10/12/2015 - 09:59

STRANO CHE QUESTA MINISTRA, PARDON PROFESSORESSA, NON PIANGA....DI SOLITO "LANCIA IL SASSO RITIRA LA MANO" E GIU' PIANTI A GOGO!!. QUESTA CON TUTTI I CONCORSI PUBBLICHI A CUI AVRA' PARTECIPATO, SICURO E' STATA PRESA PER MERITO CONTRARIO...SE NON SONO COME QUESTA PROFESSORESSA NON LI FANNO NEPPURE PARTECIPARE...LA MERITOCRAZIA DI BRUNETTA:.....FATTA LA LEGGE TROVATO L'INGANNO...TUTTI I GIORNI E' "MUSICA PER LE NOSTRE ORECCHIE". SPECCHIATI PROFESSORESSA...COSI' ANCHE LO SPECCHIO POTRA' GODERE DEI TUOI PIANTI DA COCCODRILLO!!. COMUQNE:..."OGGI A NOI DOMANI SICURO A TE", SIGNORA PROFESSORESSA.....

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Gio, 10/12/2015 - 10:05

La vera COLPA non è della "signora" ma di chi le da spazio. HA ROVINATO gli ITALIANI, ha pianto lacrime di COCCODRILLO e.........continua ANCORA ad OFFENDERE GLI ITALIANI. Beh....tanto Lei e i suoi familiari.......stanno tutti bene e lavorano tutti.......sbaglio????

stesicoro

Gio, 10/12/2015 - 10:08

Diventata ministro, sconvolta e sopraffatta per avere ricevuto un onore ed un compito che mai avrebbe sperato, ruppe in pianto davanti alle telecamere, spacciando quelle lacrime come segno della sua intensa partecipazione alle sofferenze di coloro che sarebbero stati attinti dalle sue funeste decisioni.

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Gio, 10/12/2015 - 10:12

Fornero e Monti sono delle forme di "vita" cibernetiche, non biologiche.Loro non provano empatia per gli esseri umani, di conseguenza non hanno il minimo rimorso per quanto perpetrato ai nostri danni, anzi lo rivendicano con ottuso orgoglio. Fornero non potrai mai capire la rabbia degli italiano quando ti vedono o quando leggono le tue interviste,non capirai mai quanto sia avvilente quanto tu affermi. Fornero non capirai mai quanto disgusto provoca il "suono" della tua voce . Fornero tu non hai niente di umano per capire gli esseri umani

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 10/12/2015 - 10:21

Solo in questo paese i responsabili delle peggiori catastrofi assurgono, anche a distanza di tempo dalle loro malefatte, agli onori della cronaca quotidiana ergendosi al ruolo di immarcescibili maestri di pensiero. Laddove in altre nazioni a queste persone è riservato solo esclusione dai pubblici uffici e damnatio memoriae.

cameo44

Gio, 10/12/2015 - 10:39

Pultroppo per noi la Fornero non è la sola a non avere la dignità del silenzio Monti autore del fallimento della sua politica economica Prodi autore dell'ingresso dell'Italia nell'euro e tanti altri ancora hanno causato solo danni al paese e passano per grandi uomini in una vera de mocrazia sarebbero stati processati e condannati per i danni fatti nel nostro paese vengono osannati e retribuiti con lauti compensi ma sono tutte le caste a ribellarsi per conservare i privilegi loro parlano di diritti quisiti cosa non valida per i normali cittadini.

Ritratto di davos

davos

Gio, 10/12/2015 - 10:44

Sono pienamente in accordo con Franco_I. Aggiungerei solo che la Signora ha solo presentato delle leggi assurde, ma chi le ha mandate avanti sono stati PD e PDL che a braccietto hanno votato queste leggi assurde! Ma noi ci ricorderemo alle prossime elezioni......

Dordolio

Gio, 10/12/2015 - 10:58

Il problema non sono le enormità che questo personaggio dice, quanto il fatto che le possa dire impunemente, senza che nessuno la tiri giù dal pulpito da cui ce le serve.

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Gio, 10/12/2015 - 11:05

@cameo44 Gio, 10/12/2015 - 10:39: PAROLE SANTE E VERE!!

46gianni

Gio, 10/12/2015 - 11:31

spero che i suoi studenti non imparino nulla da questa catastrofe umana altrimenti per le generazioni future saranno ancora guai

Ritratto di uccellino44

uccellino44

Gio, 10/12/2015 - 11:52

Nello zoo infinito della politica italiana questa signora ed il suo amico Monti rappresentano gli animali più animali che abbiamo mai avuto! Una disgrazia che ci accompagnerà per svariati anni. Al commentatore "FANTOMAS" pongo una domanda:se Boeri (del quale non stimo l'appartenenza "rossa") avesse fatto le sue previsioni tenendo conto del peggio che ci possa succedere, lei gli darebbe torto?

Lucky52

Gio, 10/12/2015 - 12:00

Questa "signora" ha perso ogni diritto di parlare sopratutto se pensiamo alla figlia già docente poco più che ventenne ed in pensione a 36 anni; altro che piangere. Ha distrutto decine di migliaia di famiglie, l'unica cosa che ha saputo fare. Cosa è in grado di insegnare dopo i disastri compiuti? Gli unici a non avere votato i suoi provvedimenti : la Lega.

zuchet

Gio, 10/12/2015 - 12:19

Condivido.

little hawks

Gio, 10/12/2015 - 12:35

Certo sua figlia ha avuto un bel posto a tempo indeterminato e sicuramente senza alcun aiuto dalla mamma! Vergognati

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 10/12/2015 - 12:50

Articolo perfetto. Solo in itaglia i cialtroni parassiti dopo aver sfasciato tutto si permettono pure di sentenziare. Vedi mortadalla, questa ceffa serva delle banche, monti per dirne tre.

al59ma63

Gio, 10/12/2015 - 12:52

E' andata oltre la decenza. OSCENA !

Ernestinho

Gio, 10/12/2015 - 12:57

E' più bella che intelligente. Tanto ingelligente quanto le insulse trasmissioni della "de filippi"!