Foto hot dell'ex online: ammonito un 15enne

Come ripicca, dopo essere stato lasciato, uno studente di 15 anni, di Imperia, ha minacciato l'ex fidanzata, coetanea, di divulgare una sua foto che la ritraeva in atteggiamenti intimi

Come ripicca, dopo essere stato lasciato, uno studente di 15 anni, di Imperia, ha minacciato l'ex fidanzata, coetanea, di divulgare una sua foto che la ritraeva in atteggiamenti intimi. Il giovane, primo caso in Italia, è stato così "ammonito" dal Questore di Imperia Cesare Capocasa, che ha applicato la nuova normativa sul cyberbullismo, ponendo fine all'incubo della ragazza. Quel messaggio inviatole via "Whatsapp", con il quale l'ex fidanzatino le annunciava che avrebbe divulgato l'immagine, l'aveva fatta cadere in ansia e depressione. Da una parte la paura di essere derisa dagli amici o di perdere la propria dignità; dall'altra il timore che lo venissero a sapere i propri genitori. La ragazza era così caduta in un conflitto interiore, che le aveva cambiato l'esistenza. Alla fine, però, ha avuto il coraggio di reagire e si è confidata con i genitori, raccontando quello che era accaduto. A quel punto, il padre si è recato dalla polizia postale per presentare denuncia e, poco dopo, è stata avvisata anche la Questura di Imperia, dove il dirigente della sezione anticrimine, Pier Paolo Fanzone, ha convocato il ragazzino e il genitore, spiegando quello che stava accadendo. "Abbiamo dovuto raccogliere la testimonianza - spiega Fanzone - che ha confermato il quadro rappresentato dal genitore della ragazza. Crediamo che il nostro intervento abbia avuto successo e che sia il giovane che il genitore siano entrati nell'ordine di idee, capendo il valore del provvedimento, che non ha effetti giuridici immediati, ma ha una valenza più educativa che repressiva". Così sottolineato anche il questore Capocasa e il dirigente della Polizia Postale della Liguria, il vice questore aggiunto, Tiziana Pagnozzi: "E' un provvedimento che ha efficacia fino alla maggiore età ed ha una valenza di deterrente, che incide sull'aspetto preventivo, con l'obiettivo di bloccare una verosimile escalation". In cosa è consistito l'ammonimento? "Il provvedimento ammonisce il minore a eliminare la foto da qualsiasi supporto informatico e non divulgarla - spiega il Questore - . In caso contrario, rischierebbe di subire un procedimento penale con accuse gravi quali divulgazione di materiale pedopornografico, minacce e violenza privata. L'ammonimento, già introdotto per il reato di stalking, rientra tra le misure previste dalla nuova legge a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo che, negli ultimi tempi, ha registrato un preoccupante aumento causando effetti, in alcuni casi, devastanti per i ragazzi coinvolti e per le loro famiglie".