Francia, giocatori di Pokémon Go ritrovano 60enne scomparsa

Un gruppo di ragazzini a caccia di animaletti hanno ritrovato l'anziana

Annonay è una piccola città nel sud-est della Francia: con poco più di 16mila abitanti, tra le altre cose è una tappa del Tour de France. Recentemente - tuttavia - Annonay è divenuta famosa per un fatto di cronaca che trascende totalmente dal mondo del ciclismo e che riguarda - invece - il fenomeno del momento: Pokémon Go.

Ha fatto scalpore la scomparsa di una 60enne nella zona di Annonay: in seguito alla denuncia da parte del marito, le forze dell'ordine si sono mobilitate in blocco per cercare la 60enne dispersa. Dieci ore dopo, la situazione era ancora al punto di partenza: della donna scomparsa non c'era traccia.

È a questo punto che entra in gioco - in ruolo chiave - Pokémon Go: sei ragazzi - tre maschi e tre femmine - si trovavano nel bosco presso Annonay per giocare al famosissimo videogioco a realtà aumentata, con la speranza - magari - di poter catturare pokémon "spettro". Potete immaginare la loro reazione quando, invece di qualche fantasmino, si sono trovati di fronte una signora praticamente priva di conoscenza.

I ragazzi hanno avvisato la polizia verso le 21.30, come riporta LeDauphiné, e le forze dell'ordine hanno confermato che si trattava della donna scomparsa quella mattina. "I giocatori di Pokémon Go ci hanno aiutato molto", ha dichiarato il capo della polizia locale: "Sono stati fondamentali". La signora, bloccata tra i rami di un albero in evidente stato d'ubriachezza, è stata ricongiunta col marito. Che dire? Tutto è bene quel che finisce bene.

Commenti

marco.olt

Mar, 02/08/2016 - 18:29

Veri geni gli inventori, fanno milioni con una coglionata ...fatta su misura per il livello cerebrale che circola in giro