Il funzionario sotto accusa già coinvolto nelle cariche alla Thyssen

Tre anni fa ordinò di caricare gli operai della Ast di Terni durante un corteo, oggi è sotto accusa per aver detto "se tirano qualcosa spaccategli il braccio"

Il funzionario di polizia che durante il caos per lo sgombero di migranti a Roma ha detto agli agenti "se tirano qualcosa spaccategli un braccio" sarebbe già finito nell'occhio del ciclone anni fa.

Lo ha rivelato stasera la trasmissione di RaiTre "Gazebo", che ha messo a confronto il video degli sgomberi di ieri con quello dei disordini durante il corteo degli operai della Ast Thyssen-Krupp che si sono registrati il 29 ottobre 2014 nelle stessa piazza Indipendenza di Roma.

Tre anni fa il funzionario si trovava a fronteggiare i lavoratori della fabbrica di Terni che volevano raggiungere la zona dei ministeri presidiata dalla polizia. Alla testa del corteo c'era anche l'allora segretario Fiom Maurizio Landini. "Caricate! Caricate!" ha urlato il funzionario prima degli scontri in cui vennero feriti tre operai.

"Siamo con voi, che cazzo state facendo?", disse Landini ai poliziotti prima di aver un acceso scambio di battute proprio con il funzionario.