Gabanelli: "Accoglienza e rimpatri? ​Bastano due miliardi"

L'ex conduttrice di Report, Milena Gabanelli, parla dell'emergenza immigrazione e offre la sua ricetta per risolvere il problema

Milena Gabanelli non ha dubbi: "Più metti in opera possibilità di salvataggio e più i trafficanti portano in mare un'umanità disperata e inconsapevole". In un'intervista al Fatto, l'ex conduttrice di Report parla dell'emergenza immigrazione e offre la sua ricetta per risolvere il problema. "Sarebbe sufficiente se, da subito, qualche Ong stranierafacesse un'azione dimostrativa - è la proposta della Gabanelli -. Medici senza frontiere potrebbe sbarcare migranti a Nizza o il Muos a Malta. Vediamo se il democratico Macron ha il coraggio di dire Qui non li portate". Poi mette nel mirino due Paesi che non rispettano la convenzione di Amburgo: "Dovrebbe essere la Tunisia, che ha firmato quella convenzione, e anche Malta. Ma poiché il flusso è costante, e alcune navi sono dotate di infermeria, potrebbero arrivare anche in Spagna o a Nizza". Poi è il turno delle Ong: "Non ci sono mai state tante navi che si adoperano per il salvataggio e mentre nel 2015 i morti in mare sono stati 2.800, nel 2016 siamo arrivati a 4.300. Più metti in opera possibilità di salvataggio e più i trafficanti portano in mare i migranti". Infine offre una soluzione anche per quanto riguarda l'accoglienza: "Lo Stato metta a disposizione luoghi (caserme, ex ospedali) e assuma personale qualificato perché serve un sistema di accoglienza dove le cooperative e le associazioni hanno un ruolo di supporto e non più di gestione. Bastano due miliardi per realizzare tutto ciò".