Il Comune di Gallipoli: "Turisti, rispettate le regole o sarete espulsi"

Il Comune di Gallipoli vara un vademecum per i turisti. E per chi non lo rispetta c'è "l'espulsione"

"Decoro, sicurezza pubblica e rispetto delle regole." Sono le tre parole chiave che le strutture ricettive dovranno far presente ai propri ospiti a Gallipoli, località turistica fra le più importanti del Salento. L'amministrazione comunale le ha pubblicate sul sito istituzionale. Per chi non rispetta le norme c'è solo una soluzione: l'espulsione. E non c'è cultura dell'ospitalità che tenga.
Il Comune la chiama "mission gallipolina". Più semplicemente è un accordo tra l'Amministrazione ed i proprietari delle strutture ricettive. Tutti i Bed&Breakfast, gli alloggi, i residence e le strutture atte a ospitare i turisti dovranno esporre sulla porta all'interno di ogni camera le sette regole che gli ospiti saranno obbligati a rispettare.

"Durante il vostro soggiorno rivolgete attenzione ad un accurato uso dell'acqua e dell'energia elettrica; visite o incontri con amici o familiari si svolgano in un ambito di cortese rispetto della privacy dei vicini; le stanze, le suppellettili e quanto messo a disposizione siano usate con l'attenzione che un padrone ha per le proprie cose; il conferimento della spazzatura sia fatto secondo le norme del luogo e negli appositi cassonetti e, comunque, con criteri di buona educazione; a fine soggiorno, i rifiuti di qualsiasi genere siano messi nelle condizioni di essere smaltiti in modo appropriato e non abbondonati per strada; si abbia la cortesia di evitare schiamazzi o rumori molesti di ogni genere, in particolare modo nelle ore pomeridiane e notturne, per consentire ad altri ospiti o abitanti del vicinato di poter usufruire del giusto riposo; si rammenta che in caso di reiterata inosservanza si può incorrere in una rescissione del contratto di servizio."

Insomma si tratta di buone norme che non dovrebbero essere rispettate solo a Gallipoli, ma ovunque. Intanto nella città balneare salentina dovranno essere rispettate. O è meglio cambiare meta turistica per quest'estate.

Commenti

FRATERRA

Dom, 02/07/2017 - 20:03

PERFETTAMENTE D'ACCORDO è ora di finirla espellere tutti i TURISTI; e accogliere soltanto CLANDESTINI. Loro si che rispettano le regole......

Ritratto di abate berardino

abate berardino

Dom, 02/07/2017 - 21:12

lo dico senza ironia, lo trovo giusto,il rispetto e l educazione sono d obbligo.solo che l italia e il PAESE DEI PAGLIACCI , i turisti vengono trattati da clandestini e i clandestini rispettati come turisti .

Yossi0

Dom, 02/07/2017 - 21:37

Eccellente, ma queste norme valgono anche per i migranti o questi godono di uno status diplomatico ?

Popi46

Lun, 03/07/2017 - 06:27

Il vademecum vale anche per i cosiddetti profughi?

jenab

Lun, 03/07/2017 - 08:29

sarebbe normale buon senso, ma in italia devi spiegare anche questo, vedi quello che è successo a torino per una parita di calcio

Blueray

Lun, 03/07/2017 - 10:05

Purtroppo in Italia si deve ribadire e fare i vademecum dell'ovvio. Ma tant'è non c'è nulla da fare, la maleducazione e la prevaricazione hanno preso il sopravvento e quindi bisogna passare a vie di fatto o quanto meno provarci.

FRATERRA

Lun, 03/07/2017 - 10:31

Espulsione immediata per tutti i turisti e accoglienza per i profughi,loro si che rispettano le regole.

Ritratto di aleone059

aleone059

Lun, 03/07/2017 - 10:45

Avete voluto il turismo di massa in pochi anni, i soldi facili, la movida, la strada semplice del divertimento di massa senza crescere pian piano e curando la qualità? Avete voluto voi salentini i turisti che pagano in nero per dormire nelle case di nonne e zie deportate per far posto al denaro facile? Cosa vi aspettate poi, che questi arrivino in milioni, tutti in punta di piedi e siano educati e rispettosi quando sappiamo che la massa non può esserlo mai? C'è sempre un altro lato della medaglia. a voi la scelta, soldi e lavoro per i vostri giovani (con problemi e degrado urbano però). Ptevate fare lo sforzo di guardare altri e esempi e con sacrificio trovare un modello compatibile da costruire nel tempo, non lo avete saputo e voluto fare? Adesso raccogliete ciò che avete seminato.

pierk

Lun, 03/07/2017 - 11:40

gallipoli è una perla rara e come tale va mantenuta...sacrosanto richiamare i turisti ( ma non solo quelli però!!!) ad un comportamento civile. spero che lo stesso avvenga per i numerosissimi locali che con il loro colore e la loro gioia rendono gradevoli le sue strade ed i suoi vicoli, visto che purtroppo alcuni tendono ad infrangere le regole in nome di una movida senza limiti di decenza, smodata e becera...

volo_basso

Lun, 03/07/2017 - 13:07

Tanta fatica , studi, votazioni di leggi, per poter aver il meglio per tutti. Poi , qualche ixxxxxxxe con l'aiuto di sempliciotti analfabeti, strutturano la distruzione di quello ottenuto , essendo incapaci di creare qualche cosa di utile all'umanità. Giusto il messaggio di Gallipoli, il rispetto deve considerarsi di principio alla natura e con essa corrisponde pure alla tranquillità delle persone, cosa che ultimamente, anche grazie a certa magistratura , ci si sente parte lesa, dando ragione ai fuorilegge.

Ritratto di bobirons

bobirons

Lun, 03/07/2017 - 13:45

Inviato oggi, h. 07.00 - Senti, senti senti. Ma quando lo dicevano, che so, l'ortolano, l'impiegato di 2° livello, l'operaio, insomma l'uomo (o donna) della strada, e da anni poi, chi ascoltava, chi si ergeva a difesa del nostro modello culturale ? Intendiamoci, l'Islam, la Sharia sono culture come altre - però sono valide in paesi e fra etnie che le hanno praticate da sempre. In questo contesto hanno pari dignità. Ma in Europa, nel mondo così detto "occidentale", ma per favore ! Veniamo da periodi storici talmente differenti da essere spesso antitetici. Inoltre, questa è casa nostra, chi ci vuol stare deve stare alle nostre regole, così come deve fare, e fa, un occidentale quando va nei loro luoghi (Mecca e Medina escluse perché qui abbiamo una discriminazione, loro possono entrare nella Città del Vaticano, in San Pietro).