Garlasco, la Cassazione conferma: Stasi condannato a 16 anni

Rigettato il ricorso: l'ex studente della Bocconi deve restare in carcere per l'omicidio della fidanzata Chiara Poggi

Alberto Stasi dovrà scontare tutti i 16 anni di carcere a cui è stato condannato per l'omicidio della fidanzata Chiara Poggi.

La Cassazione ha rigettato il ricorso straoridinario presentato dai difensori e dallo stesso Stasi nei confronti della condanna alla reclusione. Secondo i giudici, è stato l'ex studente della Bocconi a uccidere la ragazza il 13 agosto 2007 a Garlasco.

Anche il pg della Suprema Corte Roberto Aniello (che rappresentò la procura generale pure nel primo processo sul delitto che si svolse in Cassazione nel 2013) aveva, nella sua requisitoria, evidenziato profili di inammissibilità del ricorso, con il quale Stasi metteva in rilievo un "errore di fatto" relativo alla mancata ammissione di prove dichiarative nel processo d’appello-bis. In quella sede, dopo l’annullamento con rinvio da parte della Suprema Corte delle assoluzioni pronunciate nei confronti di Stasi nei primi due giudizi di merito, e dopo un approfondimento dell’istruttoria dibattimentale, arrivò la prima condanna per l’ex studente della Bocconi, poi confermata in Cassazione nel 2015.

Commenti
Ritratto di Azo

Azo

Mer, 28/06/2017 - 10:10

Alberto Stasi, anche lui, come Monti, hanno studiato alla Bocconi, """UNO SI È LAUREATO PER FREGARE GLI ITAIANI E MESSO COME PREMIER, MENTRE Stasi, DOPO AVER FATTO UN ASSASSINIO QUASI PERFETTO, GRAZIE A GIUDICI NON COMUNISTI È STATO PUNITO A DOVERE"""!!!

AndyFay

Mer, 28/06/2017 - 10:28

Sono pochi 16 anni.

cecco61

Mer, 28/06/2017 - 10:28

I dubbi e i vuoti nelle indagini e nella sentenza di colpevolezza rimangono tutti. Purtroppo, a fronte di troppi casi irrisolti e con la sensazione di insicurezza che pervade ogni cittadino, ciò che conta è trovare un capro espiatorio per garantire l'immagine della Magistratura. In tal senso pure le sentenze contro Bossetti e Parolisi. Verità e Giustizia sono ormai termini vuoti, ciò che conta è apparire.

giovanni PERINCIOLO

Mer, 28/06/2017 - 10:29

Forse Stasi é colpevole e forse no, non sono in grado di dirlo. Ma almeno cinque anni a chi ha indiscutibilmente condotto inchiesta e processo in modo cosi caotico e non professionale li darei volentieri!

Ernestinho

Mer, 28/06/2017 - 10:33

Ma resta in carcere. Per quello che hai fatto 16 anni sono anche pochi!

Ritratto di michageo

michageo

Mer, 28/06/2017 - 10:44

giustizialismo a tutti i costi, non Giustizia. Male diffuso, in Italia paese di tricoteuses, se non tocca a loro......"In dubio pro reo" sarebbe da culla del Diritto, ma, se devi dimostrare la tua innocenza, con armi spuntate, contro uno staterello che ha preso il vizio di difendersi, a prescindere, dai propri cittadini beh.......Comunque, ho sempre pensato, e penso, che ci sia ancora in giro a Garlasco un assassino impunito.....

marygio

Mer, 28/06/2017 - 10:45

concordo. 16 anni sono un regalo. questo psicopatico doveva marcire in galera

Renee59

Mer, 28/06/2017 - 10:58

Sicuri che è stato lui? E' molto facile che è stato quello dello scontrino, ma i magistrati, hanno paura di una magra.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Mer, 28/06/2017 - 11:02

Un omicidio brutale, con tradimento della fiducia perché i due protagonisti avevano una relazione, costa appena 9/10 anni di comoda galera. Infatti dai 16 definitivi bisogna togliere per varie ragioni circa la metà degli anni. Quindi tra 9/10 anni il signorino in questione sarà di nuovo 'tra noi', come se nulla fosse successo. Ah certo, forse dovrà risarcire anche i parenti della vittima. Ma se uno è nullatenente, che cosa risarcisce? La conclusione automatica è che la vita dei criminali è molto ma molto più importante delle loro vittime. Ma su questo non c'era il minimo dubbio. Ecco perché in Italia conviene diventare o fare il criminale. E questo significa solo declino e sfacelo.

Fjr

Mer, 28/06/2017 - 11:12

4 casi ,delitto di Erba ,delitto di Perugia, Yara Gambirasio,Garlasco,4 casi in cui la giustizia non è riuscita a mio parere a chiarire definitivamente e con errore pari allo 0 la colpevolezza o l'innocenza degli indagati ,nel caso di Bossetti sono stati spesi un mucchio di soldi alla ricerca del colpevole attraverso il DNA, una domanda che mi pongo, ma possibile che non si riesca più a individuare il colpevole senza L' esame del DNA?Dove sono finiti i segugi di una volta ?Possibile che non esistano più professionisti del crimine che utilizzino ancora i buoni vecchi strumenti di indagine?

Fjr

Mer, 28/06/2017 - 11:15

Forse mi sono risposto da solo ,un solo uomo è riuscito a sfuggire ai reparti migliori,forse sarebbe ora di fare un po' di ripasso

filger

Mer, 28/06/2017 - 11:16

ingiustiazia è fatta, innocente dentro e colpevole fuori! cosa normale in Italia.

filger

Mer, 28/06/2017 - 11:18

Renee59, proprio questo il punto. piuttosto di una figura hanno preferito il male (per loro) minore.

filger

Mer, 28/06/2017 - 11:19

a tutti i giustizialisti, guardatevi il servizio sul caso mandato in onda dalle Iene qualche mese fa.... sapete, in questo paese francamente mi fido più delle Iene che della magistratura, guardate un po'!

vottorio

Mer, 28/06/2017 - 11:26

il dubbio che la "giustizia" non sia stata fatta rimane e conferma, ancora una volta, che l'unica cosa certa è l'arroganza di chi crede nella infallibilità di una casta che, alla luce dell'inarrestabile progresso, è di per se stessa già screditata.

demetrio_tirinnante

Mer, 28/06/2017 - 11:33

La Cassazione non ha semplicemente "rigettato" il ricorso. La Suprema Corte ha VOMITATO sulle motivazioni addotte nel ricorso. Esistono eccome i veri Magistrati. Non sono in molti ad esserlo, è vero. Ma esistono. Non facciamo quindi di tutt'erbe un fascio.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Mer, 28/06/2017 - 11:49

Un altro innocente in galera.

Accademico

Mer, 28/06/2017 - 11:51

@filger - (Mer, 28/06/2017 - 11:16) - I Suoi commenti in sequenza - tutti - hanno formato oggetto della mia migliore attenzione. Mi pongo a Sua completa disposizione per accompagnarLa, a mie spese, da uno bravo. Conosco uno specialista in grado di risolvere perfino il Suo caso. Mi creda.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 28/06/2017 - 12:27

A guardare l'episodio giudiziario di Stasi, personaggi come Bossi trovano consenso. In teoria la mafia, che secondo la Rosi Bindi fa parte della "cultura" napoletana, imperante nell'amministrazione giudiziaria, può defraudare falsi risarcimenti a benestanti imputati condannandoli innocenti.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 28/06/2017 - 12:27

A guardare l'episodio giudiziario di Stasi, personaggi come Bossi trovano consenso. In teoria la mafia, che secondo la Rosi Bindi fa parte della "cultura" napoletana, imperante nell'amministrazione giudiziaria, può defraudare falsi risarcimenti a benestanti imputati condannandoli innocenti.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 28/06/2017 - 12:36

Caro Azo, la tua sicumera fa pensare che eri presente al momento dell'omicidio della Poggi, Oppure che senti odio per i fidanzati settentrionali biondi. Io sono un po' terrone e non femminista, eppure non me la sentirei di condannare Alberto senza prove di colpevolezza, ma in questa vicenda constato solo supposizioni illogiche oppure donnesche.

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mer, 28/06/2017 - 12:37

Giusto così, anche se 16 anni per aver ucciso una persona in quel modo sono comunque pochi. Se è colpevole allora paghi con l'ergastolo.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Mer, 28/06/2017 - 13:00

Roberto_70 - ?

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 28/06/2017 - 13:02

-----in questo caso è il movente quello che non regge---si uccide sempre per un motivo -tranne se si è pazzi--ed alberto di certo non lo è--dunque quale è il movente?---i filmini pornografici?--non regge --poichè la coppia era molto spregiudicata a letto ed in fatto di sesso--io credo che la pista degli amici del fratello della defunta non sia stata battuta abbastanza--swag

tRHC

Mer, 28/06/2017 - 13:49

elkid: questa volta concordo pienamente

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Mer, 28/06/2017 - 14:45

elkid - sebbene concordi con la prima metà del tuo intervento, sei fuori strada sul fratello. La pista da battere, qui, semplicemente, NON si può battere. Punto. Pertanto ancora un altro innocente finisce dentro. A buon intenditore...

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mer, 28/06/2017 - 14:50

@Italia Nostra: se è stato riconosciuto colpevole, 16 anni sono pochi, avrebbe dovuto ricevere una condanna all'ergastolo viste le modalità e le motivazioni. Che si faccia ora almeno questi 16 anni e non che tra 5 anni si senta dire che esce in fascia diurna per buona condotta!

filger

Mer, 28/06/2017 - 15:14

@Accademico (della crusca) non ho dubbi che lei di specialisti se ne intenda mi creda, ma visto il fallimento che hanno avuto su di lei penso che non avrò bisogno dei suoi consigli. risparmi i suoi soldini e mi saluti la sua amata casta di beneamati giudici e magistrati infallibili, mi raccomando, il fiore all'occhiello di questo paese.

filger

Mer, 28/06/2017 - 15:22

elkid, concordo! Occhio che magari l'accademico qui presente non si senta offeso....

filger

Mer, 28/06/2017 - 15:31

elkid concordo con lei sulla pista amico del fratello.... occhio però che l'accademico qui non si senta offeso....

Ernestinho

Mer, 28/06/2017 - 16:38

E quell'attore che ha investito, uccidendola, una povera donna, sotto l'effetto della droga e con patente revocata, gli "arresti domiciliari"? Ma ci vuole la galera perché è un limpidissimo caso di "omicidio stradale"!

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Mer, 28/06/2017 - 17:24

Roberto_70 - Tanti sono 'riconosciuti colpevoli, a prescindere dal fatto che non ci sia un movente e che le prove non stiano in piedi. Non si possono regalare anni di galera come fossero volantini promozionali al primo che passa. In questo caso, degli elementi importanti che lo scagionavano non sono stati considerati e siccome uno è innocente fino a prova contraria e fino a che non venga condannato oltre ogni ragionevole dubbio, direi che lo Stasi avrebbe avuto più prove per l'assoluzione che la condanna. Stasi, Bossetti, Franzoni... la lista è lunga. Tutti colpevoli a detta sua eh?

Ritratto di DuduNakamura

DuduNakamura

Mer, 28/06/2017 - 17:29

Che sia colpevole o meno, comunque non lo è al di sopra di ogni sospetto. Tant'è che per omicidio volontario con le aggravanti di premeditazione e crudeltà è stata comminato il minimo della pena. Se non si era sicuri c'è il famoso "in dubbio pro reo", se si era sicuri erano 30 anni o l'ergastolo.

WSINGSING

Mer, 28/06/2017 - 17:46

Qualche volta la Magistratura funziona......

Nonmimandanessuno

Mer, 28/06/2017 - 17:57

Capra e cavoli. Se colpevole 16 anni sono pochi. Se innocente inorridisco.

mariolino50

Mer, 28/06/2017 - 19:52

Ancora un condannato con indizi invece di prove, 16 anni sono pochi per un omicidio simile, ma enormi se è innocente, cosa molto probabile. Ora si rischiano pene simili anche per gli incidenti stradali, con vero stravogilmento di equità della pena.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Gio, 29/06/2017 - 09:05

mariolino50 - esatto e secondo il ns ordinamento un processo non dovrebbe essere indiziario affatto.