Le Fiamme Gialle sequestrano hashish per due milioni di euro

Seicentoquaranta chili di hashish nascosti nei barili con la torba, la "roba" proveniva della Spagna: il blitz delle Fiamme Gialle in provincia di Napoli

Intercettato un grosso carico di hashish da due milioni di euro, la Guardia di Finanza di Napoli scopre circa 640 chilogrammi di “fumo” nascosti in barili che, almeno formalmente, avrebbero dovuto trasportare (solo) torba e materiale inerte per l’edilizia.

L’operazione s’è registrata nei nell'area nordorientale della provincia di Napoli. Gli uomini della Guardia di Finanza avevano seguito alcune informazioni riservate ottenute incrociando elementi investigativi provenienti da più centri campani, che avevano messo gli inquirenti sull’avviso. La droga, stando alle indagini, era partita dal Marocco e aveva seguito la rotta spagnola, finendo a Malaga. Da qui sarebbe dovuta arrivare nell’hinterland partenopeo, dove il carico, stipato su un camion, è stato intercettato e sequestrato. Le fiamme gialle hanno trovato l’hashish stipata in otto barili carichi di torba e materiale inerte, in cui è stata rinvenuta anche della schiuma in poliuretano.

Il valore della “merce” finita sotto i sigilli è ingente: per gli inquirenti, gli introiti che quella spedizione avrebbe potuto garantire ai destinatari del carico, che a loro volta avrebbero immesso la droga nei mercati al “dettaglio” delle tossicodipendenze, sarebbe stato quantificabile in circa due milioni di euro. Stando agli inquirenti, come riporta Repubblica Napoli, lo spedizioniere era all'oscuro della natura del carico trasportato e non risulta coinvolto nell'indagine della Finanza che adesso punta a ricostruire le dinamiche e le reti per dare un volto agli organizzatori e ai destinatari della "commessa".