Genova ospita i migranti in centro ma abbandona le periferie

A Genova le strutture d'accoglienza sono al collasso, mentre gli sbarchi dei migranti non si fermano e le periferie sono in mano alle bande criminali

La Genova di Cristoforo Colombo, della Lanterna e del porto antico è solo un romantico ricordo che ha lasciato spazio alle risse in centro, ai migranti ospitati nei palazzi storici e alla disoccupazione dilagante.

A Genova i migranti vivono nei palazzi storici del centro

Il capoluogo ligure, da tempo, soffre per l’emergenza dei migranti che attanaglia la Regione e la sua capacità recettiva, con 1961 richiedenti asilo accolti finora, è esaurita anche se molti enti del Terzo settore lavorano per trovare nuovi spazi. “I migranti che arrivano sono stati messi ovunque e bivaccano nel centro storico, mente il degrado dilaga. Molti di loro vivono nel sottobosco dell’immigrazione e transitano per andare a Ventimiglia”, spiega al giornale.it il leghista Edoardo Rixi, assessore allo Sviluppo Economico in Regione Liguria. Anche per l’ex presidente di Regione, Sandro Biasotti “la situazione è preoccupante perché il Comune e la prefettura hanno dato una pensione in via XX settembre, la via dello shopping, e alcune strutture nella zona dove c’era la Fiera del Salone Nautico, la Fiera del Mare”. In autunno, infatti, in via XX Settembre, è stato aperto in un appartamento di un palazzo storico del ‘400, vincolato dalle Belle Arti, un centro d’accoglienza tra le proteste dei residenti che, con un’assemblea di condominio, avevano negato loro l’allaccio alla rete idrica.

Intanto, come si legge sul Secolo XIX, un bando, rivolto ai comuni del levante che non hanno ancora dato ospitalità ai richiedenti asilo, con cui la prefettura di Genova sperava di trovare una sistemazione prima per 350 migranti, e poi per 210, non ha riscosso il successo sperato: le offerte, finora, sono state solo sette. In questi giorni, come rivela Repubblica, si è aggiunto anche il problema del ritardo da parte del Ministero dell’Interno nel pagare gli stipendi dei dipendenti delle cooperative sociali che si occupano dell’accoglienza dei migranti. Come se non bastasse, gli sbarchi di migranti al porto, non si fermano e, come sottolinea il Secolo XIX, Genova risulta al completo anche per la Croce Rossa. “Non abbiamo altri letti da offrire in città. Siamo in piena emergenza”, ha dichiarato Andrea Migone, vice presidente della Croce Rossa genovese, al quotidiano ligure.

Il degrado delle periferie di Genova

Una situazione drammatica che si riversa non solo nel centro dove “non si sono verificati fatti clamorosi ma c’è una microcriminalità che genera paura, soprattutto tra gli anziani - ci spiega il deputato Biasotti – ma anche in periferie come Sampierdarena, Campasso e Cornigliano dove impazzano le bande di sudamericani. Quartieri storicamente di sinistra dove alle ultime elezioni regionali abbiamo vinto noi perché i residenti non ne possono più di una sinistra che non li difende”. A Sampierdarena, solo pochi giorni fa, tre ecuadoregni di età compresa tra i 20 e i 26 anni, visibilmente ubriachi, hanno dato vita a una violenta rissa e, poi, si legge su Genovatoday, sono stati arrestati dai carabinieri di zona perché irregolari e per resistenza a pubblico ufficiale. Nel corso del tragitto, infatti, avevano minacciati e spintonato i militari. Un albanese, invece, lo scorso 20 dicembre, è stato denunciato per lesioni aggravate dopo aver avuto una lite per motivi di viabilità con un genovese di 23 anni. Il giovane, come riporta Genovatoday, ha raccontato ai poliziotti arrivati sul posto di essere stato trascinato fuori dal suo furgone e colpito violentemente con schiaffi, pugni e con un grosso oggetto di colore arancione.

Nella zona del porto antico, invece, a inizio dicembre, 15 parcheggiatori abusivi, tra piazza Cavour e via Porta Siberia, sin dalle prime ore del mattino, hanno accerchiato le accerchiato gli automobilisti e che si rifiutava di pagare, racconta il Secolo XIX, si ritrovava con l’auto rigata. Il degrado, perciò, non risparmia nessuna zona di Genova. “Grazie a decenni di mal-e non-governo di questa città, anche quartieri “buoni” come Nervi, una volta attrazione per i turisti che solitamente passeggiavano tra i giardini, sono lasciati all’incuria e di conseguenza ai margini degli itinerari turistici”, ci spiega Andrea Lombardi, responsabile cultura di Casa Pound in Liguria che attribuisce le colpe della declino di Genova alla “gretta e decrepita borghesia cattocomunista” che guida la città da decenni.

Commenti

MOSTARDELLIS

Lun, 26/12/2016 - 15:38

Bologna, Genova e tanti altri comuni in difficoltà grazie all'incompetenza di Alfano e Renzi.

istituto

Lun, 26/12/2016 - 15:46

Ormai le città italiane si stanno riducendo tutte come Genova. VOTATE, VOTATE a SINISTRA,ecco i risultati.

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 26/12/2016 - 16:36

votate pd, votate

marcogd

Lun, 26/12/2016 - 16:43

Signori, venite a vedere CHI sono veramente i genovesi,camminate una mezz'oretta nel centro,nei quartieri "bene" e guardatevi intorno, strade e gente: capirete perfettamente che il degrado è nel cuore di questa gente senza più dignità né rispetto per niente e per nessuno. Gentaglia arrogante e pregna di ideologico disprezzo per il prossimo, per la quale i migranti sono soldi e il credo della quale è da sempre quel postulato socialista che recita:"Tu devi occuparti di me, io devo occuparmi di me".

chiara 2

Lun, 26/12/2016 - 16:43

Ormai gli italiani sono dichiaratamente malati di mente che non distinguono più il bene dal male

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 26/12/2016 - 16:55

Sana onesta bella amministrazione pd. Se la godano.

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 26/12/2016 - 17:02

tanto tra poco non potrete nemmeno più uscire di casa per andare a lavoro ahahahahah che ci saranno le risorse ad aspettarvi sotto casa ahahahahah. votate pd, votate

Cheyenne

Lun, 26/12/2016 - 17:48

l'italia distrutta dai sinistri maledetti

peter46

Lun, 26/12/2016 - 17:50

marcogd...che Curridori si 'svegli' il 26/12 a raccontarci episodi di 1-2 anni fa,senza riconoscere che in analoghe situazioni in lombardia o veneto o emilia rom.,a genova,le 'istituzioni' ed in tanti casi anche 'volenterosi cittadini'(vd.rione Certosa e v.w.fillak)le hanno 'normalizzate',passi...ma che uno come te(residente,o no?)la faccia così 'tragica',proprio no.Certo se il 'desaparecido' deputato Biasotti vorrà al prossimo giro candidarsi a sindaco,per 'dimostrare'di esistere innanzitutto e poi come si gestiscono simili situazioni da parte del centro della dx...i genovesi saranno contenti di poter votare il novello '"Giuliani 'd'A Lanterna'".Però decidiamo:o degrado in periferia o nella parte bene,ma in questo caso la diceria che i sxtri di vertice il degrado lo appioppano ai miserabili,va a farsi benedire.NB:La periferia,stato o non stato,FINORA,'nci pensanu i cumpari' a tenerla 'decentemente tranquilla' da queste 'intrusioni' non autorizzate,...sembra,ohh!

Ritratto di malatesta

malatesta

Lun, 26/12/2016 - 18:44

Quanti "euri" ci guadagnano?..miserabili..

Ritratto di ezekiel

ezekiel

Lun, 26/12/2016 - 18:47

chiara 2 16:43 - Ben detto, e sono gli stessi che poi vengono qui a commentare scrivendo idiozie su idiozie e al contempo hanno la faccia tosta di scrivere che non sono né di destra né di sinistra - pur elogiando sistematicamente tutto ciò che viene da sinistra e criticando tutto ciò che viene da destra (strano vero?) - e che vogliono fare una discussione con onestà intellettuale e politica. I nomi di costoro li conosciamo bene tutti...

florio

Lun, 26/12/2016 - 19:03

Da genovese nato e vissuto ora a Milano, vi posso dire che questa città (Genova), non è in degrado da oggi ma da tantissimo tempo. I vecchi genovesi radicati al comunismo di vecchia data, con ideologie mai messe in discussione, hanno da sempre gestito in qualsiasi forma la città.Ad esempio il porto, con il nepotismo, sono riusciti a rovinarlo completamente. Fino a distruggere fabbriche e attività di gran spessore, per puro sadico piacere che recita "la proprietà è un furto". Meravigliarsi oggi del degrado e della città di Genova devastata è come stupirsi del sole che sorge! Ringraziate la sinistra che governa da sempre la città, fatevi delle domande!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 26/12/2016 - 20:11

Purtroppo la situazione peggiorerà ancora, in modo più veloce e virulento. Il PD ha molte colpe, perchè sostiene questa situazione, anzi la sceglie come metodo di accoglienza, ma anche un barbone capirebbe che accoglienza non è. Disastro completo. VOtateli ancora quegli inconcludenti.

Una-mattina-mi-...

Lun, 26/12/2016 - 20:53

L'ITALIA E' UN PAESE IN BALIA DELL'ANARCHIA, RETTO DA BOIARDI PAGATI COME PRINCIPI MEDIOEVALI, LA CUI LEGGE IN VOGA E' LA DEPENALIZZAZIONE DI STATO

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 26/12/2016 - 22:06

Fin che votano a sinistra, sanno come va a finire.

giancristi

Lun, 26/12/2016 - 22:37

Ne abbiamo pine le scatole di clandestini, gli italiani lo dimostrano in tutti i modi! Eppure la Marina Italiana continua a raccattarli nelle acque libiche! 4.2 miliardi di euro a bilancio per il 2017! Sono soldi rubati ai nostri figli! Quale è' il risultato? Le città' in condizioni di degrado e di insicurezza! Ma la rabbiavdellabpopolazione cresce e prima o poi esploderà'.

ceppo

Mar, 27/12/2016 - 00:14

a genova ho smesso di andarci gia da tempo dall'ultima volta dove mi è sembrato essere sbarcato in eritrea....povera zena!! mi spiace per loro

Ritratto di luigin54

luigin54

Mar, 27/12/2016 - 02:03

Graie sig. BURATTINO DORIA tutti voti che andrannao a dx o ai 5 stelle .Quando si dice che uno è INCOMPETENTE, non lo si dice x partito preso ma xchè è tale.

MaxHeiliger

Mar, 27/12/2016 - 03:40

Gli africani sono come le locuste. Dove arrivano loro tutto si trasforma in una fogna. Non sanno vivere in mezzo alla gente. Basta vedere come vivono a Lagos, Monrovia, Conakry etc.

claudioarmc

Mar, 27/12/2016 - 07:22

Dopo aver eletto Sansa Pericu Vincenzi e Doria cosa ci si poteva aspettare?

macommmestiamo

Mar, 27/12/2016 - 08:00

io spero che.. a chi da i permessi.. a chi permette tutto questo.. a chi vuole questi esseri in casa... lo ripaghino con la stessa moneta.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Mar, 27/12/2016 - 08:12

Mache fine hanno fatto le masse antifazciste pronte alla sommossa popolare ? Adesso perché il governo é di sinistra si fanno placidamente invadere, colonizzare , sottomettere. Allora é vero che vi manca la terza narice, quella che porta l'ossigeno al cervello.

ampar

Mar, 27/12/2016 - 09:24

continuate a votare a sinistra, se volete, ne avete tutto il diritto, ma non lamentatevi poi, beccatevi le conseguenze

Scirocco

Mar, 27/12/2016 - 12:03

Bellissima città governata da un nobile radical chic, da sempre in mano ai compagni, ha purtroppo il destino che merita: speriamo che genovesi alle prossime elezioni cambino rotta.

peter46

Mar, 27/12/2016 - 15:09

Stamane ho interpellato colui che di Genova eccome se non se ne intende e malgrado si 'accompagni' da sempre col cdx berlusconiano non reputa per niente possibile che ci possa essere 'trippa per un gatto cdxtro' neanche al prossimo giro.Mago Othelma,questo l'interpellato',propende per Cofferati a cui i cdxtri dovrebbero dare in massa il loro voto non foss'altro che per aver cercato di togliere tutte le 'porcilaie' dei rom ed extracomunitari da sindaco della rossa Bologna prima di essere 'normalizzato' e non più candidato.Facesse lo stesso a Genova...altro che il blablabla di tutto il cdx,lega compresa.

marcogd

Gio, 29/12/2016 - 00:48

peter46, non ho capito un tubo di quello che hai scritto,senza offesa. Comunque a Genova ci sono nato, ci vivo(per poco ancora),ma x fortuna ho vissuto e lavorato anche in tante città grandi e piccole d'Italia(Nord-Centro-Sud) e qualcuna all'estero,per vedere le differenze. Per questo posso dirti che Genova è degradata tutta nel cuore della gente:periferie,"bene" e vie di mezzo,non ci sono singole realtà critiche affrontabili,ma la gente tutta è vuota,si respira aria di "si salvi chi può, ognuno per sé e Dio per tutti",esattamente come descritto nel mio precedente. Esci di casa al mattino e dopo 5 minuti percepisci tutto il fastidio nei confronti del prossimo che si riversano addosso l'un l'altro. Una vera tristezza...