Gentiloni spinge al Sì sul referendum Alitalia

Il premier: "So bene che ai dipendenti vengono chiesti sacrifici, ma so che senza l’intesa sul nuovo piano industriale l’Alitalia non potrà sopravvivere"

"So bene che ai dipendenti vengono chiesti sacrifici, ma so che senza l’intesa sul nuovo piano industriale l’Alitalia non potrà sopravvivere". È quanto afferma Paolo Gentiloni a proposito delle vicende della compagnia aerea. "Mentre è in corso la consultazione sul pre-accordo raggiunto tra Alitalia e sindacati, sento il dovere di ricordare a tutti la gravità della situazione in cui ci troviamo", sottolinea il presidente del Consiglio ricordando che "Alitalia è una azienda privata" e che "di fronte alle sue perduranti e serie difficoltà il governo ha incoraggiato gli azionisti italiani e stranieri a impegnarsi in un nuovo piano industriale e in una forte ricapitalizzazione della società". Al terzo giorno di consultazione interna l'affluenza è circa del 55 per cento, come riporta Uiltrasporti. Le votazioni si chiuderanno alle 16:00 di lunedì prossimo, mentre il prossimo 26 aprile ci sarà un incontro al Ministero dello sviluppo economico tra l'azienda e i sindacati per analizzare i risultati del voto. Alla consultazione dovrebbero partecipare circa 12.500 persone, 1500 piloti, 3000 hostess e steward, 8000 tra impiegati e dipendenti di terra.

Commenti

Rotohorsy

Sab, 22/04/2017 - 23:08

Qualsiasi sia l'esito del referendum e qualsiasi iniziativa venga presa per Alitalia è solo una perdita di tempo e spreco di denaro. Ormani i clienti Alitalia sono solo quattro gatti. La pessima reputazione di compagnia cara, ritardataria e con scioperi frequenti non si cancella. Il paragone con altre compagnie è improponibile (a favore delle altre). Purtroppo è tutto a spese del solito contribuente, ma prima o poi finirà. Sarebbe meglio prima.

TonyGiampy

Dom, 23/04/2017 - 00:45

Rotohorsy ore 23:08 Mi dispiace ma non sono d'accordo.Tutte le volte che ho preso Alitalia per qualsiasi destinazione il volo era sempre strapieno.Altro che 4 gatti!I pochi ritardi sono sempre stati recuperati durante la crociera.Si parla sempre male del servizio.Passano le stesse cose da mangiare che offrono le altre compagnie.Se hai fame,in fondo all'aereo c'e' sempre un vassoio con panini e bibite.Mai trovato una turbolenza oltre il limite in quanto utilizzano rotte tranquille (che costano di piu') a differenza di altre compagnie sulle quali durante la rotta devi sempre viaggiare con la busta di carta attaccata alla bocca.La gentilezza e il sorriso forse sono meno appariscenti ma siamo italiani non ce lo dimentichiamo!

Iacobellig

Dom, 23/04/2017 - 07:10

ALITALIA COME FIAT: AIUTI DI STATO PER NON LICENZIARE PER POI ANDARE CON GLI UTILI ALL'ESTERO! INTANTO IL PRESIDENTE CORDERO, INCAPACE IN TUTTO, HA PRESO SOLDI FINO ALLA RECENTE USCITA ANCHE DA ALITALIA?

abocca55

Dom, 23/04/2017 - 08:15

Siete per il NO anche su referendum Alitalia? Siete peggiori dei grillini del No tutto.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 23/04/2017 - 08:38

Gentiloni, quando lo dicevano gli altri, dicevi no, eri contro lo sfruttamento dei lavoratori. Come mai questi cambiamenti radicali di voi comunisti, a seconda che sediate su una cadrega oppure no? Ditelo ai vostri elettori che voi andate in piazza ad urlare una cosa e poi fate esattamente l'opposto. Ah, avete ragione, la colpa è degli elettori, se capiscono poco o nulla...

flip

Dom, 23/04/2017 - 09:15

GRAZIE A TUTTI I SINDACATI e a MONTEZEMOLO. ed anche ai sanctificetur (*) Renzi e Gentiloni. (*) persona ostentatamente mite e devota.ma falsa E ipocrita Da "La Repubblica"

scimmietta

Dom, 23/04/2017 - 09:23

X TonyGiampy: è da una vita che non viaggio Alitalia, quindi non posso che "attenermi" a quello che affermi, ma c'è un ma che mi arrovella: se le cose stanno effettivamente come dici, mi spieghi mperchè la compagnia continua a perdere soldi ed è sull'orlo del fallimento? Misteri, o meglio, certezze tutte italiane ....

apostata

Dom, 23/04/2017 - 09:35

Alitalia potrà superare temporaneamente, con grave onere per noi tutti, anche questa crisi, ma neanche l’avverarsi dei miracoli vagheggiati dai nuovi vertici potrà metterla in condizione di volare da sola. Le linee aeree sono le attività più sollecitate dal confronto della globalizzazione. La sfida richiede l’adattamento istantaneo alle continue evoluzioni organizzative. Le rigidità, i privilegi, le mediazioni delle camusso e dei relativi ammennicoli sono l’impedimento più grave alla ripresa non solo dell’alitalia, ma del paese.

apostata

Dom, 23/04/2017 - 09:41

credo anch'io che il no al referendum alitalia, anche se meno grave, sia incosciente come il no alla riforma costituzionale

pardinant

Dom, 23/04/2017 - 09:56

Il Popolo si prepari ad aprire il portafoglio, Stato o Istituti di Credito non cambiano nulla, sarà lui a pagare il conto. La cara vecchia amata Alitalia continuerà a fare perdite e tra poco più di un anno, ad elezioni fatte, saremo da-capo. Chi legge ... ricordi.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Dom, 23/04/2017 - 10:25

Il mostro Alitalia é l´immagine di una Italia fallita in preda all´egoismo meschino e prepotente della "cultura mafiosa" ... Non esiste soluzione né per la compagnia di bandiera né per l´Italia che in ogni caso non potranno che essere guidate dalla stessa nefasta e irriducibile monnezza ... É l´Italia che deve essere spinta fuori dall´euro per evitare il contagio al resto dell´Europa.

01Claude45

Dom, 23/04/2017 - 10:44

Swissair insegnò, la politica italiana NON imparò. Cui prodest? È una vita che ho "RIFIUTATO" di volare "ALITALIA". Indovinare perché?

vottorio

Dom, 23/04/2017 - 11:05

l'unica soluzione per Alitalia è quella di gettare la spugna e mettersi in liquidazione coatta mandando a casa tutti i dipendenti che con gli esuberi imposti dai sindacati negli anni avranno determinato il suo vergognoso fallimento.

Anonimo (non verificato)