Germanwings, il co-pilota Lubitz tentò la manovra suicida all'andata

Lo dice un tabloid tedesco, citando il rapporto degli inquirenti. Nel tracciato del volo una discesa controllata inspiegabile

Quando Andreas Lubitz fece schiantare l'Airbus di cui era copilota, uccidendo 150 persone, non agiva senza essersi preparato. È il tabloid tedesco Bild a svelare un nuovo, importante dettaglio, sullo schianto dell'aereo della Germanwings.

Il giornale cita il rapporto stilato dall'Autorità per la sicurezza di volo di Parigi, la Bea. E in base a quanto contenuto in quelle pagine sostiene che Lubitz avesse già provato all'andata la manovra suicida che poi avrebbe messo in atto.

C'è infatti, nel tracciato del volo, una discesa controllata di diversi minuti. "Priva di alcuna giustificazione dal punto di vista aeronautica", dicono gli inquirenti. Forse, appunto, un tentativo del co-pilota tedesco di prepararsi alla manovra con cui avrebbe ucciso se stesso e tutti i passeggeri del Barcellona-Dusseldorf.

Commenti

cgf

Mer, 06/05/2015 - 11:17

Rumors dicono che Lufthansa abbia intenzione di chiudere Germanwings.

promeco

Mer, 06/05/2015 - 13:58

breivik e lubitz cadono molti aerei ma mai s'erano visti re e regine, primi ministri ed altre alte personalità tutti insieme sul luogo dell'incidente. avevano la coscienza sporca:è molto probabile che lubitz prima di schiantarsi abbia fatto delle richieste, inascoltate ! ma i gionali in coro : è un pazzo.... si voleva suicidare l'anno scorso...era in cura .. come breivik anche lubitz è un martire della libertà di pensiero in questa europa un tempo giardino del mondo ed ora sottomessa all'usura ed all'inquisizione del politically correct e dove la voce dei cittadini è brutalmente annichilita mentre 80 milioni di migranti hanno invaso l'europa e scorazzano in tutte le città , degradandole.

Ritratto di franco_DE

franco_DE

Mer, 06/05/2015 - 23:08

El copiloto de Germanwings llevó la aeronave a una altitud menor de la prevista en varias ocasiones, durante el vuelo de ida a Barcelona. Fue en momentos en los que el capitán no se encontraba en la cabina.