Gianni Alemanno: "Centro Roma facile bersaglio"

Dopo l'attentato di Barcellona scatta l'allerta sicurezza nelle grandi città italiane. Alemanno: "Centro di Roma facile bersaglio"

Dopo l'attentato di Barcellona scatta l'allerta sicurezza nelle grandi città italiane. A Milano, ad esempio, è previsto un rafforzamento delle barriere di cemento e anche il collocamento di alcuni "new jersey" in zona Navigli e Darsena. Per il Viminale "l’attenzione rimane altissima, il livello della minaccia non cambia per l’Italia". E su questo fronte il ministro degli Interni, Marco Minniti ha chiesto di tenere "elevato il livello di vigilanza, rafforzando sul territorio le misure di sicurezza a protezione degli obiettivi ritenuti più a rischio, nonchè verso i luoghi che registrano particolare affluenza e aggregazione di persone. A tale proposito - informa il Viminale - verrà emanata una circolare ai prefetti affinchè attraverso i comitati provinciali per l’ordine e sicurezza pubblica che saranno convocati con la partecipazione dei sindaci e in sinergia con le polizie locali si svolga un attento monitoraggio relativamente agli eventi e alle iniziative già programmate sul territorio". Ma di fatto le misure per rafforzare la sicurezza nei punti più sensibili delle città in alcuni casi lasciano un po' a desiderare. E a sottolineare una "carenza" è stato il segretario del Movimento Nazionale ed ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno: "Abbiamo dimostrato in un video pubblicato (Clicca qui per gaurdare il video) sulla mia pagina Facebook come il centro di Roma sia facile bersaglio di un ipotetico attacco terroristico nonostante l'allerta massima proclamata dal ministro Minniti. Le forze di polizia sono dispiegate in maniera disorganica. Che senso ha presidiare via del Corso e lasciare senza controlli altre vie di accesso al cuore della città? È vero che i terroristi possono colpire in qualsiasi punto della capitale, ma come abbiamo visto anche a Barcellona sono sempre i luoghi centrali quelli scelti per gli attentati, quindi almeno in questi punti strategici vanno aumentati i controlli. Cosa che non è stata fatta. Questi varchi aperti sono un pericolo per la nostra città, chiediamo al ministro Minniti di fare sul serio di attuare delle scelte chiare e nette, non serve un'esibizione di forza solo apparente che poi non provoca degli effetti".